Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Dicembre - ore 15.42

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Fotostimoline

Nasce SPAZI FOTOGRAFICI: quello che avrei cercato se avessi saputo cosa cercare quando iniziavo a fotografare.

Ricordo perfettamente l’entusiasmo di quando decisi che sarei diventato un fotografo di professione: ero già sposato e avevo figli nonostante la giovane età, non potevo quindi trasferirmi per seguire una delle poche grandi scuole che esistevano all’epoca. Cominciai a guardarmi intorno: in città non esisteva nulla, nei dintorni neppure. Allargai allora il raggio della ricerca a Genova e Firenze e si trovava qualcosa di più. La fonte di informazione dell’epoca erano le pagine finali delle riviste di fotografia, quelle dove comparivano gli annunci, soprattutto il glorioso Progresso Fotografico. Il mio grande rammarico è che non scoprii in quel periodo la grande attività di Sergio Fregoso, alla quale tutti i fotografi spezzini della mia generazione devono moltissimo. Finii così per iscrivermi ad un corso a Genova: staccavo dal lavoro a Spezia, prendevo il treno, un panino in viaggio e via a piedi per raggiungere la sede che era davvero fuori mano. Alla fine dormivo in albergo (neppure i B&B esistevano ancora!) e all’alba tornavo a lavorare: ero ben motivato. Scoprii prestissimo che non ne valeva la pena: quello che avevo imparato all’università e da solo superava le poche nozioni stantie che veniva fornite, non continuai a spendere soldi e fatica oltre l’iscrizione buttata via.
Allora dirottai le aspettative su “andare a bottega” e qui fui più fortunato.
Oggi mi sento in debito verso coloro che provano a capire qualcosa della fotografia e non sempre trovano pane per i loro denti: è vero che ci sono tanti buoni corsi in circolazione, le scuole sono nate numerose ma la provincia spezzina è rimasta un po’ fuori dal circuito (con rare eccezioni episodiche). Chi soprattutto vuole conoscere oltre la tecnica i meccanismi del linguaggio fotografico deve spostarsi di molto per trovare soddisfazione. Non esistono percorsi strutturati, i fotografi spuntano ad ogni angolo ed i corsi di fotografia pure: il rischio è che ci si trovi ancora di fronte a qualche perla come quelle che ricevetti io, del genere “ i veri fotografi non tengono la macchina al collo ma sulla spalla”...non me lo scorderò mai.
Dopo tanti anni di gavetta, studio ed esperienze didattiche importanti in scuole nazionali si sono create le condizioni per la nascita di un progetto locale ad ampio respiro: e cosa è che fa “grande” una scuola? Un’organizzazione capillare ma flessibile, una sede adeguata, affascinante e spaziosa e, decisivo...i docenti!
L’organizzazione “capillare e flessibile” l’ho scoperta entrando in Doc Creativity,


una rete di professionisti nel settore artistico organizzata in cooperativa che mi ha regalato un modo nuovo ed entusiasmante di lavorare (www.doccreativity.it. vale il tempo di una visita approfondita): sostegno burocratico e fiscale, supporto ai progetti personali, collaboratori espertissimi...un sogno. Sono molto arrabbiato perchè non l’ho conosciuti vent’anni fa!
Poi la sede, che deve essere comoda, accogliente, dotata di ampie aule e laboratori, facile da raggiungere, sempre disponibile agli studenti: questa “cosa” esiste ed è il Talent Garden a Sarzana: una sala eventi per oltre 100 persone, una aula corsi per 15 allievi con tanto di computer, una camera oscura adiacente (ebbene sì! toccheremo abbondantemente la fotografia analogica che sempre più ritorna ad essere fondamentale ed affascinante), una sala di posa al piano superiore di ottanta metri quadrati attrezzata di tutto punto, vari spazi espositivi e la fondamentale biblioteca. In più il parcheggio davanti alla porta, la stazione a cinque minuti a piedi, spazi alternativi per studiare, conversare e, se volete, pure mangiare! Ed il Tag per questo progetto è molto di più che una sede fisica: qui ho trovato ispirazione e colleghi con i quali vagliare il progetto, sviluppare ed affinare le idee, qui c’è chi si occupa della comunicazione e dell’ organizzazione degli eventi: una squadra intera a supporto del progetto.
Terzo aspetto, quello che fa davvero la differenza, gli insegnanti: se pensi ad una scuola e non ad un singolo corso, ovviamente ogni argomento deve essere affrontato da professionisti qualificati e specializzati in quello che dicono.

Con lo staff del Talent Garden (il TAG, brevemente) abbiamo pensato in grande e individuato alcune linee guide:

1 - i docenti devono essere professionisti che realmente vivono di fotografia e toccano con
mano le cose che vanno ad insegnare;
2 - devono avere esperienza su gli aspetti pratici e teorici della materia che trattano;
3 - devono essere affermati a livello nazionale e avere clienti in linea con questo;
4 - devono avere esperienza didattica ad alto livello.
5 - devono essere umanamente portati al confronto: si traduce con “umili e disponibili”, come sono tutti i grandi: devono far crescere l’allievo, non il proprio ego!
6 - devono, soprattutto, credere che l’insegnamento e la condivisione della propria
esperienza sia una missione ed un dovere, soprattuto verso i più giovani.

E abbiamo così individuato alcuni nomi importanti, li abbiamo coinvolti, hanno accettato di far parte dell’avventura.
Ed è giunto il momento di entrare nel concreto e parlare dei primi che, oltre al sottoscritto, cominceranno ad Ottobre a lavorare a Sarzana.
Alcuni forse li conoscete già, sono i protagonisti di Contrasti Fotografici, altri ve li annunciamo ora:
Marco Tagliafico sarà il responsabile della parte analogica e di camera oscura: si è diplomato al corso di Fondazione Modena ed è diventato uno dei più brillanti allievi degli ultimi anni ricevendo numersoi premi e riconoscimenti ad ogni livello, le sue immagini sono ormai sparse tra numerose acquisizioni museali e, la cosa che più ci interessa, è un grande esperto di procedimenti di camera oscura e tecniche di stampa.
Dalla parte opposta della camera oscura ci sta la “camera chiara”: quando Adobe, quelli che hanno “inventato” Photoshop e Lightroom” decide di fare formazione ufficiale ha una squadra di “guru”, selezionatissimi esperti a livello internazionale: Gianluca Catzeddu è uno dei quattro italiani e avremo l’onore di averlo a Sarzana a trattare di postproduzione su software Adobe e su Capure One di cui è molto esperto.
Giulia Ferrando sarà la nostra storica della fotografia, materia fondamentale per capire il presente: laureata all’Accademia di Brera, si occupa di fotografia di scena e comunicazione in ambito fotografico.
David Umberto Zappa si occuperà di tutto quello che è luce artificiale in sala di posa ed in esterni: Umberto ha il grande vantaggio di vivere in zona ed è un professionista affermato che lavora con clienti come Timberland, Canali e Pavesi. E’ molto esperto, ed appassionatissimo, del raccontare storie mescolando luce artificiale e luce ambiente, una delle sfide più difficili per il fotografo.
Michele Borzoni non ha bisogno di presentazioni: ha vinto un World Press Photo e pubblica le sue storie a lungo termine sui più importanti magazine internazionali. Sarà una grande occasione confrontarsi con lui per imparare a sviluppare e pubblicare progetti fotografici a lungo termine.
Davide Marcesini si occuperà di paesaggio e della teoria del linguaggio fotografico. Inoltre coordina il progetto insieme allo staff del Tag e di Doc Creativity.
Orianna Fregosi è un’altra “risorsa locale”: si è laureata in Storia dell'arte a Parma con una tesi di fotografia, halavorato per anni al prestigiosissimo CSAC di Parma ed ha collaborato con il Victoria&Albert Museum di Lonfra...poi è tornata in zona per lavorare a progetti sul territorio! Tratterà del rapporto della fotografia contemporanea con l’arte.


Questa è la squadra stabile.
Ad essa si aggiungono nomi importantissimi che interverranno durante i vari corsi e che sveleremo strada facendo.

La scuola alla quale abbiamo pensato non sarà solo un luogo dove trovare corsi. Questo è un aspetto parziale del progetto.

Quello che stiamo costruendo è un lungo progetto a metà tra la comunità fisica e quella virtuale.
Un luogo di confronto e progettazione di lavori fotografici.
Un luogo di produzione di fotografia.
Un luogo di incontro con grandi nomi della fotografia.
Una attività che non si esaurisce in date specifiche ma si sviluppa durante l’anno.
Un luogo fisico al quale tutti possono accedere per sviluppare i propri progetti e trovare aiuto, collaborazione e sostegno.

Quello che cercavo quando non sapevo cosa cercare per diventare fotografo.

O anche solo per scoprire cosa sia la fotografia.



Tutto questo si chiama SPAZI FOTOGRAFICI. Partendo dal TAG di Sarzana ad Ottobre.
Un progetto per

chi ama la fotografia e non (solo) le macchine fotografiche,
per chi vuol capire perché certe fotografie funzionano ed altre no,
per chi vuol sviluppare un progetto fotografico ma non sa da dove cominciare
per chi cerca un parere autorevole ma non dogmatico sul proprio lavoro
per chi non si accontenta dei tutorial
per chi vuol fare esperienze fotografiche pratiche ed innovative
per chi desidera chiacchierare con i grandi della fotografia
per chi vuol interagire con chi ha la sua stessa passione
...

Segnatevi la data del primo Ottobre al Tag: presenteremo i dettagli del progetto, potrai incontrare tutti i docenti, vedere proiezioni e partecipare a letture portfolio. Ed alcune sorprese.

Trovate tutto su www.spazifotografici.it

Indicate nei commenti quali sono le caratteristiche della vostra scuola di fotografia ideale, cosa vi aspettate e cosa non vorreste mai trovare, ne parleremo insieme ad Ottobre!
© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.








Quanto spenderete per i regali di Natale?



































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News