Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Maggio - ore 08.04

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Zona Franca

Parafrasando "Lo Stato Sociale" (solo per adulti)

"Mi sono rotto il cazzo degli esperimenti del frequentiamoci ma senza impegno
stiamo insieme ma non vediamoci che poi ho paura
anzi vediamoci quanto ci pare ma vediamoci in compagnia
mi sono rotto il cazzo dei codardi con l'amore degli altri"

Che poi diciamocelo pure, che ci siamo rotti di tutte queste discussioni sull'amore ed il matrimonio omosessuale, che ancora nel 2013 non possiamo stare a parlare di che forma abbia, con chi ti sposi e perché hai voluto fare una promessa di questo tipo anche se non sei assunto in marina, saranno un po' fatti tuoi.
Basta che non vi facciate male, basta che vi amiate, basta che non vi droghiate, che se Dio è amore e che se è vero che noi siamo fatti ad immagine e somiglianza di Dio allora noi siamo amore, indipendentemente dalla forma dei tuoi genitali.

"mi sono rotto il cazzo di questa città
degli aperitivi a dieci euro, del clima di terrore a gratis
dei giovani di sinistra, arrivisti, bugiardi, senza lode
gente che in una gara di idiozia riuscirebbe ad arrivare secondo"

E diciamocelo, che non abbiamo voluto dare il voto a Renzi perché rischiava di prendersi i malcontenti del PDL ed adesso invece ci troviamo a farlo, un governo assieme al PDL. Siamo costretti a sentire indignazione per l'ineleggibilità di Berlusconi, a sentire che Dell'utri non ha mai commesso reati, a piangere Andreotti come buonanima, a vedere un Parlamento tenuto per i testicoli da pochi, e noi ancora qui a dover dire "si, Angelino Alfano all'Interno era proprio quello che speravo quando ho fatto il mio dovere di cittadino votandoti, cara coalizione di democratici democristiani democapre".
Diciamocelo, che molte speranze di vedere cambiare qualcosa erano state riposte nel Mv5S, ma le istruzioni per la rivoluzione le avevano scritte dietro uno scontrino, e sono andate perse.
E quindi si, "mi sono rotto il cazzo che se vince la sinistra vince la droga
e mai che mi invitino a un festino
mi sono rotto il cazzo del più grande partito riformista d'europa
del facciamo quadrato nel grande centro nei girotondi
del partito dell'amore
del governo ombra
di chi si difende dai processi e non nei processi
dei militari nei giardini pubblici a fare la guardia a chi piscia il cane"

Che non ho intenzione di sorbire ancora l'ignoranza a tutti i livelli sociali, l'ignoranza di chi distribuisce la gravità del reato a seconda del colore della pelle e poi pretende scuse da persone che abbiano un colore simile al delinquente, così, tanto per assonanza cromatica. L'ignoranza di chi dovrebbe impegnarsi a costruire un futuro migliore in una società vivibile, non cercare di accaparrarsi un prato migliore o un orticello da rivendere al doppio del prezzo d'acquisto, magari con i soldi di partito, che poi finire a doverselo coltivare st'orticello per campare è tutt'uno, come ci insegna il Grande LeBossy (e quando funziona la giustizia).
"mi sono rotto il cazzo che bisogna essere lavoratori flessibili
come ergastolani in turnee ma molto più sorridenti-
mi sono rotto il cazzo che non sono d'accordo con te
ma morirei affinché tu possa dire la tua stronzata
che poi i nazisti sono giovani che amano la politica
i comunisti prendono a modello Cristo
mentre i preti contestualizzano bestemmie
e nella guerra per la pace vince da sempre
il voto moderato"
Siamo stati moderati per più di venti anni, sono moderata da tutta la vita e per sempre vorrò la libertà di parola. Anche se non sono concorde con quello che stai dicendo, hai il diritto di dirlo, ma sono davvero stanca di vedere che tu con il diploma vuoi saperne più di un laureato su un argomento, che produciamo ragazzi per tenerli a fare gavetta, esperienza, stage o periodi prova, il tutto a gratis perché "tanto devi farti le ossa, tanto lo fai perché ti diverti, ci metti un attimo" sono stanca di voi tutti che vi approfittate della democrazia scambiandola per buonismo, ma i troppo buoni si sa, nei film fanno la parte di quelli che muoiono subito.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

I Vostri commenti

Guido Silvestri
Giovedì 30 maggio 2013 alle 15:30:04
Secondo me è giusto che ti sei rotta il cazzo ne hai tutte le ragioni. I giovani (e anche i non più tanto giovani) vengono tenuti al guinzaglio. Sottopagati, frustrati. Ogni tanto qualcuno coraggioso emigra per cercare fortuna. Sarà perchè in Italia hanno capito che non la troveranno più per altri 20 anni? Non è facile però a volte mollare tutto senza un paracadute. E' un tuffo carpiato nel vuoto e non tutti se la sentono. Nel frattempo gli uscieri a Roma col loro diplomino si portano a casa 10.000 euro al mese. Ma non perchè sbagliano loro, forse perchè sbagliamo noi?
Francesca Benelli
Giovedì 30 maggio 2013 alle 20:05:55
Caro Giorgio, io sono dell'idea che per quanto ci faccia schifo un ambiente, esso ci rispecchi e che se è concesso ad una diplomata al liceo classico di tenere in mano il futuro della Sanità italiana, se concediamo stipendi alti e tutte le giuste polemiche che si possano fare, infondo è perché mugugnamo e basta, lasciando fare.
Movimento 5 stelle è stato un grande esempio di cialtroneria insita italiana...
Ma io mi sono rotta e decido di lottare per i miei diritti, di non accettare più lavori in nero, di pretendere un giusto compenso...
Vediamo di essere compatti una volta nella vita, almeno facciamolo con i nostri sogni
Roberto Sturlese
Martedì 21 maggio 2013 alle 22:07:14
Belin!...Chapeau...Da leggere e rileggere...Se ognuno si sforzasse di esprimere la propria critica, evitando di nascondersi dietro falsi buonismi per sentirsi accettato dalla massa, probabilmente la nostra epoca sarebbe un po' meno scoraggiante e noiosa.
Francesca Benelli
Mercoledì 22 maggio 2013 alle 00:50:01
Mi piace che il commento più suscitato sia "belin..."
insomma, credo che sia il massimo che si possa richiedere da dei liguri e quindi tutto quello che faccia seguito ai puntini mi lusinga, anche se bisogna ammettere che il grosso del lavoro lo abbiano fatto i ragazzi de "Lo Stato Sociale" che a proposito si sono espressi in merito dicendomi "va benissimo."
Proprio quello, non una parola di più non una di meno, insomma...neppure un belin.

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News