Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Novembre - ore 12.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

L'utente del territorio

L'insostenibile peso della fiscalità immobiliare

Un dato è certo, a partire dal 2011 la tassazione sugli immobili urbani è aumentata più del doppio. Questo onere pesantissimo, che a detta del legislatore dell'epoca doveva essere temporaneo, è stato invece confermato da tutti i governanti che si sono succeduti, compresi gli attuali, nonostante il persistere di una crisi economica che pare non avere fine. In questo modo non si colpiscono soltanto i risparmiatori virtuosi, che hanno creduto ed investito nel mattone, ma si pregiudica lo sviluppo del mercato della locazione abitativa e commerciale, con il risultato di rendere più difficile e gravosa l'esistenza ai cittadini.
Infatti, i potenziali conduttori di immobili evidenziano crescenti difficoltà a corrispondere i canoni di locazione attesi dai proprietari, sia che si tratti di alloggi e sia che si tratti di negozi. La capacità di spesa reale dei potenziali conduttori è ridotta rispetto a quella che esisteva nei primi anni 2000. D'altra parte chi possiede un appartamento o un fondo commerciale ha visto lievitare i costi di gestione, soprattutto a causa dell'incremento delle tasse e delle imposte sugli immobili. Così facendo la domanda e l'offerta si allontanano sempre più, con la conseguenza che chi cerca in locazione un alloggio dove metter su famiglia o un negozio dove avviare un'attività lavorativa, sono sempre più impossibilitati a realizzare il loro progetto di vita. In Italia è praticamente scomparso chi acquista un immobile da mettere a reddito. Questo è un evidente danno per l'intera collettività, perché costituisce un freno alla crescita socio-economica del Paese. Il tutto è confermato da recenti studi della Banca d'Italia, del CENSIS (Centro Studi Investimenti Sociali) e di Nomisma (società di studi economici), i quali evidenziano come debbano cambiare le politiche abitative nelle varie comunità locali, così come avviene in Inghilterra e Germania.
Quindi il Governo e le amministrazioni comunali dovrebbero impegnarsi a ridurre la pressione fiscale sugli immobili, consentendo così ai proprietari di abbassare le loro legittime pretese. In questo modo si agevolerebbero anche i conduttori, che potrebbero avere maggiori opportunità e delle concrete possibilità di vedere soddisfatti i loro bisogni abitativi o imprenditoriali. L'effetto sarebbe quello di rilanciare il mercato immobiliare della locazione, con notevoli benefici per il settore dell'edilizia, da sempre potente propulsore dell'economia nazionale e vero motore dello sviluppo territoriale. Riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente e riduzione della pressione fiscale sugli immobili urbani, questa potrebbe essere una soluzione di buon senso per rivitalizzare i centri abitati e incrementare il benessere diffuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.







































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure