Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 24 Settembre - ore 22.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

The world is not enough

A FAR LA RIVOLUZIONE COMINCIA TU. Gianni Boncompagni, Raffaella Carra' e l'indipendenza albanese.


Al rientro dal mio ultimo viaggio in Albania ho ricevuto da un amico un articolo su Gianni Boncompagni; penso subito a un omaggio postumo al regista e autore televisivo appena scomparso, anche se onestamente non capisco perche' inviarlo a me...
Ma ben presto capisco. Chi mi ha fatto avere l'articolo conosce la mia passione per Ismail Kadare' e la mia recente curiosita' verso l'Albania, e l'articolo in questione riporta infatti l'intervista rilasciata dal grande poeta e scrittore albanese subito dopo la morte di Boncompagni. Scopro cosi, con mio enorme stupore, che il regista italiano e lo scrittore di Argirocastro erano grandi amici e non solo,a detta di quest'ultimo Boncompagni avrebbe addirittura contribuito alla caduta del regime di Enver Hoxha :”..per noi lui era l'uomo della liberta', rappresentava tutto quello che desideravamo. Dietro le sue canzoni,che non esisterebbero senza il connubio con Raffaella Carra', c'era la nostra voglia di liberta'..”.
Ora,e' indubbio e arcinoto il fascino esercitato dalla televisione italiana sul popolo albanese (e di tutti i Balcani, basti pensare alla facilita' con cui hanno imparato la nostra lingua attraverso i programmi televisivi) ma onestamente pensare a Boncompagni e alla Carra' come paladini della liberta' di una nazione oppressa dalla dittatura mi lascia interdetta.
Rincara poi la dose Kadare': “Grazie a lui ho conosciuto Raffaella Carra', che per me era come aver incontrato Samuel Beckett..” .E dire che io ho sempre considerato Boncompagni come il deus ex machina di quell'icona pop di Raffa nazionale e dei suoi programmi televisivi prima, e di Ambra Angiolini poi, idolo adolescenziale di un'intera generazione che senza internet, Facebook e Instagram aspettava il pomeriggio per poter guardare Non e' la Rai...
L'intervista prosegue e l'autore albanese spiega: ..”Ogni volta che assegnavano il Nobel e non a me, lui mi chiamava e diceva:Vedrai l'anno prossimo e' il tuo, e io rispondevo: A far l'amore comincia tu. E lui sganasciandosi di risate mi raccontava ancora una volta della storia di Salvatore Quasimodo a Stoccolma.”
Alla luce dei fatti faccio pubblicamente mea culpa e prometto di non cantare mai piu' “A far l'amore comincia tu” con la stessa leggerezza.

Letture consigliate: L'articolo citato e' di Marco Ciriello.
Se ho suscitato la vostra curiosita' su Ismail Kadare' vi suggerisco di iniziare da “Aprile spezzato” ( per uno spaccato di vita albanese ), “La citta' di pietra” ( ambientato nella natia Argirocastro) o da “ Un invito a cena di troppo” ( l'occupazione italiana e l'arrivo dei tedeschi nel Settembre del '43)






© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

I Vostri commenti

Chiara Lopreiato
Mercoledì 26 aprile 2017 alle 21:37:26
Interessante! Del resto il trash è sempre rivoluzionario, sicuramente più di un certo buongusto composto e misurato...certo la Carra paragonata a Becket😅
Cristina Mariotti
Mercoledì 26 aprile 2017 alle 21:46:48
Per dirla alla Kadare' :"la letteratura autentica e le dittature sono incompatibili",e forse qui piu' ha potuto una cultura meno aulica. Ammetto che la Carra' paragonata a Beckett fa un certo effetto...
Antonio Mercogliano
Mercoledì 26 aprile 2017 alle 18:56:56
http://www.lostilelibero.it/2017/04/19/unemozione-non-da-poco/

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.







































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure