Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 01 Marzo - ore 20.14

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fotostimoline

Ma perché fotografiamo? ...ossia: può la fotografia esistere fuori dalla rete?

Avevamo finito chiedendoci “ma perché fotografiamo ?” che non è un invito a...smetterla! ma ad indagare su quale sia il vero motivo che ci spinge ad usare la nostra macchina fotografica, magari imponendoci notevoli fatiche per farlo.

Se esiste qualche coraggioso che ammetta di cercare principalmente, in modo più o meno consapevole, il riconoscimento di un pubblico sempre più ampio.....svelategli che la via più immediata e sicura in questo momento è la rete.
O così pare.

Chi si avvicina oggi alla fotografia lo fa per merito/attraverso/mirando ad internet, ai social network dedicati e ai vari contest che sempre più spesso incrociano tribù virtuali omogenee.
Domanda un amico fotoamatore ( ovviamente via Facebook!) se "una foto è bella perché è bella o è bella perchè prende molti “like”?".
La cosa che stupisce è che ormai (anche se intuisco la risposta che si dà Luciano ponendosi una domanda simile) sembra che non esista più altro ”luogo” fotografico al di fuori del web. Tralasciando le grandi battaglie tra assolutisti della rete e nostalgici retorici dei vecchi tempi, il fenomeno è evidente. Non c’è nulla di male in questo ma non c’è neppure soltanto del buono: non è un bene... purchè se ne parli. E attorno alla fotografia oggi c’è un gran parlare.
Ma di cosa parliamo quando parliamo di fotografia?
Alla domanda sopra citata istintivamente rispondo...che non lo so. Almeno non ho abbastanza certezze da mettere nero su bianco.
Ma sicuramente so che la risposta non la dà il numero di “mi piace”.


Propongo una serie di suggerimenti di riflessione:

1- una fotografia esiste a prescindere che sia pubblicata su Flickr o Facebook o Pinterest o.... oppure no?!
Cioè: ammesso il caso di un romantico bravissimo produttore di fotografie che non le faccia vedere a nessuno ( esisterà?), è plausibile pensare che un fotografo di valore possa oggi lavorare senza pubblicare, direttamente o indirettamente, sulla rete?

2 ( o meglio, 1 bis!) - la foto con più “mi piace” non è la foto che più piace al mondo ma la foto che più “piace” tra quelle pubblicate su Facebook.

3 - I “mi piace” sono messi da...chi frequenta il social network: ci saranno fotografi e appassionati, magari competenti, che non bazzichino FB e simili?

4 - cosa attrae più facilmente lo sguardo in una fruizione leggera e veloce come quella dei social network? Forse alcune tecniche o trucchi sono più adatti a colpire lo sguardo?

5 - esistono tecniche “databili” che oggi riempiono le fotogallery e che tra qualche tempo vedremo come oggi si osservano le foto di matrimonio degli anni 70 (ve le ricordate? quelle con il filtro flou o la cornice sfocata, oppure con le stelline luminose sullo sfondo?).

6 - può una fotografia essere “bella” senza piacere? o forse bisogna cambiare aggettivo quando si parla di fotografia?



Lanciamo un sondaggio: scrivi in una riga il vero motivo per cui fotografi.
Della serie i dieci motivi per cui non posso fare a meno di scattare foto!

Ne riparleremo la settimana prossima, io vi racconterò ( in tre righe!) la mia personalissima risposta. Sempre che interessi a qualcuno!

p.s. Sapete qual’è la foto con più “mi piace” al mondo?
© RIPRODUZIONE RISERVATA

I Vostri commenti

Davide Marcesini
Martedì 30 aprile 2013 alle 14:55:04
@Alice: sei in compagnia di molti! @Roberto: è in parte in giusto quello che dici ma l'uso di concetti venatorio-sportivi ( "trofeo" e competitività) mi lascia dei dubbi: è sicuramente un aspetto presente e, credo, presente in tutti, anche in quelli che dicono di non interessarsi per nulla del "pubblico". Ma non sono convinto che la competitività porti necessariamente dei miglioramenti in un campo come la fotografia. Se spingesse invece nel senso di sorpassarsi a vicenda nell'uso di quella tal cosa che tanti mi piace ha ottenuto? Mentre sono assolutamente d'accordo sul fatto che sia molto produttivo lavorare a progetti, specialmente condivisi.
Roberto Celi
Martedì 30 aprile 2013 alle 12:48:15
Se facessimo la stessa domanda a cacciatori, pescatori, ciclisti, ecc, penso che tutti rispondano con concetti simili. Una cacciatore non và certamente a caccia perchè ha fame, sarebbe più facile entrare in un supermarket; cosi il pescatore. Cosa ci fà alzare al mattino presto per andare a funghi? Penso che il fattore comune è la passione, quel sentimento che ci porta a fare cose per il solo piacere di farle. Gli elogi di amici e parenti ci ripagano lo sforzo effettuato, le spese sostenute. Se poi il nostro trofeo riusciamo a metterlo in mostra, si raggiunge il massimo appagamento per la conquista. Così è quindi per la fotografia, gli amatori normalmente non ambiscono a diventare professionisti, ma ricevere buoni giudizi su quanto realizzato ripaga lo sforzo di ricerca effettuato. Nell'era del digitale, quando la fato è facilmente condivisibile con il mondo, diventa tutto più facile. Se poi questo piacere viene condiviso con gruppi di amici portando a realizzare progetti comuni, si ha la condivisione di piacere e lo stimolo di compettitività, portando sempre a migliorare le proprie capacità.
Alice Gatti
Martedì 30 aprile 2013 alle 11:08:21
Per fermare il tempo :)

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News