Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 14.52

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Gocce di Cina

La Festa delle Lanterne

Lunedì 22 Febbraio si concluderà il Capodanno Cinese con la Festa delle Lanterne (Yuánxiāo jié 元宵节), esattamente 15 giorni dopo la notte di Chúxì 除夕, ossia la Notte della Vigilia, che quest’anno cadeva tra il 7 e l’8 Febbraio.
Il Capodanno Cinese dura infatti ben due settimane, solo al termine delle quali inizia ufficialmente l’anno nuovo, ed è con la Festa delle Lanterne che inizia ill primo mese dell’anno.
“Festa delle Lanterne” è in effetti il “soprannome” con cui questa festività è conosciuta all’estero, ma il nome tradizionale cinese, che ha una lunga storia, significa invece “Festa della notte del primo mese”: anticamente, infatti, “notte” si diceva “xiāo 宵”, mentre “yuán 元” era il nome del primo mese del calendario lunare.
Insomma, la Festa delle Lanterne (Yuánxiāo jié 元宵节), che coincide con la prima notte di luna piena dell’anno, è una festa importantissima, che rappresenta sia la conclusione ufficiale del Capodanno sia la prima grande festa del nuovo anno: come si festeggia allora questa occasione?

Le parole chiave di questa festività sono tre: lanterne, indovinelli e tāngyuán 汤圆.
Al calar della sera, il cielo viene illuminato dai caldi colori delle lanterne che si librano nell’aria, vero simbolo di questa festa. Via libera alla fantasia per la loro realizzazione: qualsiasi materiale e forma vanno bene, purché siano colorate e diversificate. Oltre ad essere un bellissimo spettacolo nel cielo notturno, le lanterne diventano anche simpatici rompicapi di enigmistica grazie ai dēng mí 灯谜 che vi sono scritti sopra, ossia agli indovinelli (dēng 灯: lampada, mí 谜 : indovinello). Per la loro difficoltà, questi indovinelli venivano chiamati anche wén hǔ (文虎), cioè “tigre letteraria”, o dēng hǔ (灯虎) “tigre della lanterna”, e “sparare alla tigre della lanterna” (shè dēng hǔ 射灯虎) significava proprio “risolvere gli indovinelli”! Questa antica tradizione è ancora oggi amatissima in Cina, tanto che in occasione di questa festa si organizzano addirittura vere e proprie competizione per la risoluzione degli indovinelli, con grandi premi per il vincitore!
Provate a risolvere questo:
“Lavoro sodo tutta la vita, contando i numeri di giorno e di notte, ma non vado mai oltre il 12. Cosa sono?"

E infine, a coronare gastronomicamente l’inizio del primo mese lunare, ecco i tāngyuán 汤圆 (chiamati anche “yuánxiāo 元宵 perché mangiati in occasione di questa festa), palline di farina di riso servite nell’acqua di cottura che possono essere vuote o ripiene (i ripieni tradizionali più comuni sono la pasta di sesamo e pezzetti di noccioline). Questi dolcetti tradizionali si mangiano in occasione della Festa delle Lanterne per via di un gioco di parole: siccome il loro nome tāngyuán 汤圆 suona in maniera molto simile alle parole tuán yuán 团圆, che significano “incontro di famiglia” , si pensa che mangiarli insieme ai propri parenti porterà fortuna ed armonia alla famiglia!

Ho avuto la possibilità di trascorrere questa festività a Tianjin 天津 e a Taipei 台北, e ricordo con piacere il gesto di fare volare le lanterne che per l’occasione avevo acquistato.. a Tianjin non vi scrissi sopra un indovinello ma un augurio per la mia famiglia, e ricordo ancora la bella immagine di quella specie di aquilone rosso che si librava insieme a mille altre tra i grattacieli della città.
Con le comunità cinesi sparse per il mondo, ormai questa festa non si celebra più solo in Cina, ma colora anche le città europee ed italiane. Nella nostra provincia non sono state organizzate attività al riguardo, ma in città dove la comunità cinese è più radicata e consistente si sono svolte in questo fine settimane varie iniziative - ad esempio Prato, Milano e Padova. Sarebbe bello se col tempo riuscissimo a portare questa festa anche qui da noi, e già mi immagino le lanterne colorate veleggiare sopra il Golfo! Voi che ne pensate? Vi piacerebbe?
E siete mai stati in Cina per vivere “sul posto” la Festa delle Lanterne?
Aspetto i vostri commenti!

Ps: la soluzione dell’indovinello è… l’orologio!!
© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News