Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Novembre - ore 15.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Digi-Mare: La Spezia Futura

I progetti dell’Università spezzina – parte 2: Minitransat

Continua il viaggio tra i progetti di ricerca del Polo Marconi: questa volta è il turno di un'imbarcazione per la traversata atlantica in solitario.

Presentato Seabus, forse il più noto dei progetti del Polo Marconi al grande pubblico data la buona copertura mediatica riscontrata, il viaggio guidato alla scoperta della ricerca spezzina prosegue con un altro dei progetti più fortemente veicolabili e capaci di muovere l'immaginazione: la Minitransat.

La Manifestazione
La Minitransat è una manifestazione che prevede la navigazione in solitaria del tratto Dournenez (coste atlantiche della Francia) - Point à Pitre, capitale del territorio d'Oltre Mare - per cui, tecnicamente ancora Francia - della Guadalupa.
Il tratto misura nel complesso 4200 miglia nautiche, ovvero circa 7500 km. La navigazione durerà dai 21 ai 33 giorni, a seconda delle condizioni meteo e dell'abilità degli skipper.
La partenza è prevista per il 19 settembre.
La caratteristica principale della traversata atlantica è che avviene in totale isolamento (non si può comunicare con alcun mezzo, salvo in situazioni di estremo pericolo, con la terraferma e con gli altri velisti) su imbarcazioni dette "Mini 650", dalla lunghezza dello scafo: una chiglia di appena 6 metri e mezzo che diventerà la casa dei velisti per quasi un mese.
Durante il percorso è prevista una sola sosta, a Lanzarote, nelle isole Canarie.
Per partecipare alla manifestazione, bisogna guadagnarsi un lasciapassare che richiede un "kilometraggio" di almeno 1000 miglia nautiche percorse in solitario ed altrettante in regata.
La competizione è divisa in due categorie: classe Serie, con imbarcazioni costruite secondo gli standard di cantiere e quindi tutte uguali, e classe Proto, frutto di studi ingegneristici e quindi con caratteristiche uniche ed irripetibili.

L'ingegneria nautica di Promostudi
Promostudi partecipa alla seconda di queste categorie con una barca, denominata MiniProto 756, costruita nel 2008 interamente in Italia ed "innovata progettualmente" da Skyronlab, un team formato da alcuni brillanti studenti del Polo Marconi. Gli studenti si sono occupati di effettuare analisi fluidodinamiche con l'aiuto di software CFD, analisi strutturali (chiamate FEM) ed ergonomica per migliorare al massimo performance, sicurezza e comfort in regata. Il team di Promostudi ha permesso, anche grazie al suo corpo docente, di effettuare test in vasca in varie condizioni, come quella con appendici ed in barca sbandata alla deriva.

Lo skipper
Il velista che salirà sulla barca di Promostudi è Alberto Bona, 28enne torinese tra i maggiori talenti prodotti negli ultimi anni dalla scuola velistica italiana. Sarà lui che per 20 e più giorni dormirà a slot non maggiori di 15' e dovrà gestire in autonomia tutto il necessario per regatare e sopravvivere in quest'esilio forzato ed assoluto. Nel percorso di qualificazione Alberto ha già portato a casa un ottimo quarto posto alla Transgascogne, l'ultima prova generale in vista della traversata vera e propria.

Il senso del progetto
Il progetto Minitransat sta a Promostudi come il reparto corse Ferrari sta al gruppo Fiat: è ricerca e visibilità (la pagina ufficiale della manifestazione viaggia sulle 6 milioni di visite durante il periodo della regata), ed è uno degli strumenti attraverso i quali il Polo acquisisce prestigio su scala internazionale. E' ovviamente un progetto molto esoso, sia dal punto di vista del tempo da investire che da quello delle risorse economiche, ragion per cui si è coinvolto un pool di sponsor (che comprende Garmin, Onlinesim e Gottifredi Maffioli) che copre parte delle spese vive. E' un progetto il cui tempo di ritorno non può essere visto su scala one-shot ma come ammortizzato nel tempo: è intenzione di Promostudi infatti portarlo avanti per i prossimi anni e continuare ad utilizzarlo come vetrina delle proprie innovazioni tecniche e di ricerca computazionale.

Maggiori informazioni sul progetto sono reperibili sul sito di SkyronLab: www.skyronlabdesign.eu e su quello ufficiale del Minitransat www.minitransat-ilesdeguadeloupe.fr

Nel frattempo, come da programma della Festa della Marineria - questo - il Polo Marconi animerà un dibattito domenica 30 agosto alle 19,30 dal titolo "Il Golfo dei Poeti, il Golfo degli ingegneri", tavola rotonda attorno alla quale siederanno i principali attori legati all'economia del mare della nostra provincia (Autorità Portuale, Termomeccanica, La Spezia Cruise Facility, Comune) per discutere del presente e del futuro delle professionalità del nostro Golfo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.







































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure