Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Novembre - ore 15.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Digi-Mare: La Spezia Futura

Il mare dentro. Live, non nei migliori cinema.

L'innalzamento del livello del mare. Un tema che tutto il mondo affronta, e che nella nostra città continuiamo ad ignorare

Stavo cercando da qualche giorno le parole ed il tono giusti per parlare di una cosa che ci riguarderà da vicino, parecchio, senza affrontarla con isterismi né con gli strilloni che fanno vendere i giornali da quando sono nati.
Poi mi sono ricordato di una mostra che avevo visto. E mi sono ricordato di averne già scritto, proprio cinque anni fa, su un giornale che purtroppo in cartaceo non esiste più, e che si chiamava "La Gazzetta della Spezia". Il tono e le parole, per quanto a 26 anni le cose portino dentro un fuoco che non sempre si riesce a conservare, e per quanto il fuoco bruciasse le braci con ancora maggiore intensità dopo il rientro dalla mia prima volta a New York, il tono e le parole, dicevo, mi sono sembrati sufficientemente adatti per provare a spiegare.
Ve le ripropongo allora qui, con la stessa serenità ma anche con un filo di urgenza in più, dato che i lustri passano veloci e qui, nessuno in città ha ancora mosso un dito. In Italia, però, qualcosa per fortuna comincia a muoversi - perché può sembrare banale, ma i primi passi per risolvere un problema, è rendersi conto che esiste.
L'immagine che vedete a margine di questo pezzo è il risultato di una conferenza tenutasi a Roma a fine 2013. La conferenza era in inglese ma i relatori perlopiù italiani: si chiamava "Estimating rates and sources of sea-level change during past warm periods", e trattava principalmente della nostra penisola (il Corriere ne parlava qui: la legenda della mappa correlata è sufficientemente chiara da mettere in allarme gli allarmisti e tranquilizzare i più cheti).
La cosa più rilevante da dire per aggiornare il pezzo è però che ora si smetta di trattare le previsioni di lungo periodo come qualcosa che non ci interessa: lo scenario del 2100 non scatterà alla notte del 31 dicembre 2099. Avverrà in maniera graduale, ed inarrestabile. Per evitare che tra vent'anni le fontane di piazza Europa zampillino acqua salata, dobbiamo iniziare la pianificazione ora.
Alla prossima festa della Marineria sarebbe davvero bello se qualcuno si preoccupasse di toccare anche quest'argomento, magari invitando qualche esperto che ci rassicuri, o ci allarmi - se è il caso - circa l'impatto di questo fenomeno nel nostro territorio, per capire se si limiterà a far retrocedere di qualche metro la prima fila degli ombrelloni a Marinella o se gli effetti saranno più significativi.
Nel frattempo, constatiamo con un filo d'angoscia che pezzi scritti cinque anni fa sono tutt'ora estremamente attuali. Vorrei molto che ciò avvenisse per la lungimiranza di chi scrive, ma temo sia per la sostanziale stagnazione dell'universo di riferimento di chi legge.

Dalla Gazzetta della Spezia, Maggio 2010

Museum of Modern Arts, altresì detto MoMA, aprile 2010. Accanto alla mostra di Tim Burton che attira folle di fan cinematografici ed all’esposizione permanente dei grandi nomi dell’arte moderna - da Picasso a Rothko passando per Giacometti e Bacon - in un’ala al primo piano del museo fa bella mostra di sé un’esposizione fatta di plastici di ponti ed isolotti a punteggiare una baia dalla forma nota.
Nell’anticamera dell’open space campeggia un’enorme linea verticale con tre tacche. La prima, all’altezza dei nostri piedi, rappresenta il livello del mare com’è oggi. La seconda, quello del mare come sarà entro la fine del secolo, nella più ottimistica delle previsioni. La terza, che ad un primo colpo d’occhio forse gli avventori più disattenti faticano a notare, tanto è alta, quello nell’ipotesi più pessimistica.
Entrando nell’open space, la baia dalla forma nota assume i connotati immediatamente riconoscibili dello skyline di Manhattan. Una Manhattan monca, però, parzialmente sfigurata. Battery Park e tutta la zona “downtown” è cancellata da una marea azzurra, sostituita a tratti da decine di piccole isole artificiali che, come spiega freddamente la legenda, “serviranno a contrastare i sempre più frequenti fenomeni di onde anomale e tempeste tropicali”.
L’acqua dell’Oceano penetrerà dentro l’istmo più famoso della Terra anche da altre direttrici: metà Chelsea verrà inondata, mentre l’Hudson si espanderà impietoso ad est come ad ovest, togliendo terra con le sue grandi fauci umide equamente al New Jersey e all’Upper West Side.
Bene, questo è lo scenario più catastrofico, dunque? No, questo è quello ottimista: questa è la New York che vedranno certamente i nostri figli e nipoti nel 2100. Sei piedi sei, e piedi nel senso di “feet”: basteranno due metri scarsi per mortificare le principali città marine del mondo, ridisegnare le coste per sempre, dando finalmente un senso compiuto, macabramente ironico, a quella che non a caso in origine fu chiamata “Nuova Amsterdam”. Immaginate cosa succederebbe nello scenario “ad alto impatto”: un innalzamento di venti piedi, ovvero 6 metri abbondanti, rischierebbe di spedire sott'acqua il grosso delle nostre città marine, con scenari davvero apocalittici.
Per quanto collocata dentro un museo, non si tratta qui dell’opera d’arte visionaria di un eccentrico artista, ma del frutto di un panel – commissionato da Bloomberg stesso, ovviamente senza badare a spese - dei migliori studiosi al mondo nei loro rispettivi settori. La domanda che la mostra insinua nei visitatori non è dunque se, ma piuttosto quando la previsione diverrà realtà, in tutta la sua tremenda portata.
Che il lavoro voluto dal sindaco della Grande Mela, destinata a breve a bacarsi, non sia solo frutto di un colpo di sole degli scienziati newyorkesi a Central Park lo testimonia un’azione simile intrapresa dalla città di Tokyo, che da dati ben diversi è arrivato alle stesse conclusioni. Senza allontanarci troppo da casa nostra, comunque, basta citare il titanico progetto del Mose veneziano in quella che rimane la città più fragile al mondo per quanto riguarda l’innalzamento del livello del mare, per capire quanto il problema sia reale e cogente.
A New York, lo studio non ha scaturito panico – com’è successo invece a chi vi scrive, che per un attimo si è sentito più o meno come dev’essersi sentito Kevin Costner in Waterworld, solo senza branchie dietro le orecchie - , ma una razionale pianificazione, coerentemente con il celeberrimo pragmatismo americano: nei plastici e sui pannelli di compensato si leggono le risposte tangibili di una città che riprogetta il suo waterfront non badando tanto all’estetica quanto alla sostanza: mercati ittici ridisegnano la costa e riscoprono professioni dimenticate, le passeggiate s’inabissano e risollevano su piattaforme galleggianti, creando porzioni di città davvero “liquide”, non solo nel senso allegorico di Bauman.
È questo l’unico atteggiamento plausibile, d’altronde. Un aspetto che nel pur pregevole progetto architettonico di Llavador, ovviamente, non viene neanche lontanamente considerato, e sul quale nessuno dei suoi colleghi si è d’altronde mai seriamente fermato a riflettere. Ma un progetto che ridisegna un fronte a mare non può prescindere da un’analisi stocastica di come questo mare sarà nel futuro: non si tratta qui di un bisogno puntuale, hic et nunc, ma piuttosto di qualcosa chiamato a gestire situazioni to-be, scenari diversi, flessibili.
Mentre la nostra città s’interroga dunque sull’interramento di viale Italia o sul cono d’ombra che proietterebbe un grattacielo di 25 piani sulla passeggiata Morin, forse varrebbe la pena di considerare di ammortare quel milione di euro investito nel concorso di idee su un lasso di tempo sufficientemente più ragionevole di qualche lustro, e che tenga in considerazione dunque variazioni del livello del mare magari meno sensibili che oltreOceano, ma comunque sostanziali, se la teoria dei vasi comunicanti non c’inganna.
Perché se tra qualche decennio Piazza Europa sarà il bagnasciuga della città, il problema non sarà capire se questo o quel grattacielo risulterà gradevole agli occhi dei turisti del XXII secolo, ma piuttosto se sarà alto a sufficienza per garantire riparo a chi, là sotto, il waterfront potrà vederlo solo tra i flutti. Con boccaglio e mascherina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.







































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure