Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 17 Febbraio - ore 00.03

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

L'ultimo dribbling

Quando Mennea correva più di Freud

Chissà perché la cosa che più mi resta oggi di quell’incontro con Pietro Mennea è legata a Sigmund Freud, un pensatore, statico, il nulla al confronto di una gara sui 200 metri corsa in 19 e 72. Due mondi opposti, ma che in quel pomeriggio si erano come avvicinati. Freud e Mennea, l’uomo del pensiero e quello della strada.”Qui tutti sono da anni presi dal Principio del Piacere, si quello esposto da Freud, che sembra ai nostri giorni il motore scatenante l’azione umana, è appagato quando l’ego trova il riconoscimento collettivo, la sua supremazia. Quello che fanno gli atleti, vogliono la supremazia, il resto non conta e così come arrivarci”, mi aveva raccontato. E tutto secondo lui partiva da lì. Lottare contro il doping significava sminuire quella sete di potere ad ogni costo. Mennea era soprattutto un personaggio pulito, solare, magari con un eloquio un po’ lungo intricato, ma persona grande come quel record, durato 17 anni. Era l’essenza di chi non ha lo strapotere fisico, ma vede nell’allenamento lo strumento adatto per arrivare a grandi risultati, ma non per avere la supremazia, quanto per dimostrare a lui ed agli altri che si può, ci si può arrivare. E così era stato anche nella vita, dove si era laureato in giurisprudenza secondariamente al diploma isef, poi in Scienze motorie e lettere. A seguire aveva aperto uno studio da commercialista e di diritto, tutto in tarda età, perfino il matrimonio. Aveva dimostrato che se vuoi puoi. Fin al 1999 quando era anche diventato deputato al Parlamento Europeo, dove aveva realizzato un altro sogno che pochi conoscono: un rapporto sullo Sport che era stato votato in seduta plenaria da gente che lo aveva ascoltato incantata, il 7 settembre del 2000. Scriverà Ormezzano, che “Sapeva di sospetti di doping, per un suo incauto muoversi presso il dottor Kerr, il Cagliostro dei Giochi di Los Angeles 1984, ma era riuscito a spiegare la propria ingenuità e la propria conseguente pulizia”. Ed era così. Mennea resta un eroe tutto italiano, un uomo mediterraneo, l’esempio di una civiltà sportiva che oggi sfugge e che non ha archetipi. Ha fatto della sua storia la storia di una generazione, spiegando che la corsa è soprattutto sacrificio. La coscienza, quella aveva dimostrato; da altri nascosta sotto strati di grasso, oppure lastricata tra i denti, appare a volte in un sorriso. O non apparsa mai. La mancanza di allenamento può renderla inerte e pallida, proprio come un’atleta. La sua era limpida, e su quella aveva costruito un futuro che viene a mancare. Ciao Pietro, è stato un piacere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
<< Elenco Post

I Vostri commenti

Roberto Colombo
Giovedì 21 marzo 2013 alle 23:01:59
Voglio qui complimentarmi con Armando per l'articolo su Pietro Mennea; rende l'ermetismo geniale e umanissimo di Pietro che è stato per la mia generazione, specie per chi come me ha fatto dell'atletica la passione di una vita, molto più di un esempio. Un uomo che ci mancherà troppo perchè incarnava la specie in estinzione del non-personaggio, tutto sostanza, lontano dai riflettori.Esattamente il contrario di troppi politici e sportivi vari sempre alla ricerca di becera pubblicità televisiva. Immenso atleta capace di sublimare il grande talento con un'applicazione feroce in allenamento. E' stato semplicemente l'esempio di come si possa vincere senza doping, allenandosi tanto e bene. Stefano Mei ne ha seguito l'esempio con uguale grande applicazione ''pulita''. Smessi i panni dell'atleta ha dimostrato come anche nella vita comune la volontà e l'applicazione possano portare a perseguire qualsiasi obiettivo. Idealmente propongo che la biografia di Pietro possa costituire un paradigma, un manifesto per l'educazione delle nuove generazioni.

Scrivi un commento



Per inviare un commento devi essere loggato.








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News