Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Giugno - ore 00.12

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Agenda Eventi La Spezia

Teatro Civico (La Spezia)

Segnala un evento

Domenica 21 e Lunedì 22 gennaio 2018, ore 20.45

Promo Music-Corvino Produzioni – Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano – Comune di Caltanissetta

IL CASELLANTE
di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale

con Moni Ovadia, Valeria Contadino, Mario Incudine
regia Giuseppe Dipasquale

«Siamo negli anni ’40, in pieno regime e nell’isola è atteso l’arrivo degli alleati. Qui, il casellante Nino sposa la tenera Minica desiderando un figlio che arriverà, però, solo con l’intervento di una fattucchiera. Ma la fragile donna sarà brutalmente violentata da un collega del marito e perderà il bambino che aveva in grembo diventando sterile e pazza. Passioni, gelosie, vendette, dolori dell’anima e del corpo, meschinità, prepotenze dello Stato e protezioni mafiose i temi ricorrenti della trama. Ma il finale è un inno alla vita perché il mistero si nasconde dietro a ciò che è imprevedibile agli uomini e cambia in bene il loro destino.» Avvenire

Il casellante è uno dei libri più divertenti e struggenti di Andrea Camilleri. Ambientato in Sicilia, è la storia di una metamorfosi e un racconto emblematico di un modo di essere e di ragionare. Camilleri si muove tra realtà e fantasia, creando grazie alla sua maestria narrativa una vicenda simbolica che disegna i tratti di una Sicilia antica e moderna, comica e tragica, ad un tempo ferocemente logica e paradossale.
Il casellante è un racconto in musica divertito e irridente del periodo fascista nella Sicilia degli anni Quaranta, scritto nella lingua personale, originale e sperimentale di Camilleri, divenuta ormai familiare al pubblico dei lettori e degli spettatori televisivi. Una musicalissima e gustosa sinfonia di parlate, tra termini di nuovo conio e modi di dire tratti dal dialetto e rielaborati in chiave colta.
«Un formidabile sincretismo a servizio di una storia di dolore e passione, violenza e riscatto. Un inno alla vita contro la morte.» Giuseppe Dipasquale, il regista.
Durata 2 ore, intervallo incluso

Ingresso (prevendita €1)
I settore platea, barcaccia e palchi I fila: intero € 28 – ridotto € 25 – Scuole e Istituti superiori accompagnati dagli insegnanti: €12
II settore platea, I galleria, palchi II fila: intero € 23 – ridotto € 20 – Scuole e Istituti superiori accompagnati dagli insegnanti: €10
II settore galleria, palchi III fila: intero €13 – ridotto €11 – Scuole e Istituti superiori accompagnati dagli insegnanti: €7
I biglietti vanno ritirati non oltre una settimana prima dello spettacolo

Spettacolo in abbonamento




Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News