Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre - ore 14.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Quei "cinque bastioni concentrici" del colle dei Capuccini

di Alberto Scaramuccia

Quei `cinque bastioni concentrici` del colle dei Capuccini

- Ho ricordato più volte che fino all’autunno del 1927 la collina di Cristo Re era uno sperone di roccia che scendeva al mare. Però, non ho mai detto quale era l’aspetto del rilievo. Provvedo ora ché qualche aficionado mi ha garbatamente rimproverato per la dimenticanza.
Non conosco foto che ritraggano il colle, ma sono diversi i quadri di Agostino Fossati che ci lasciano la sua immagine da diverse prospettive, da piani di veduta differenti. Magari, è un particolare sullo sfondo che solo l’occhio di chi sa le dinamiche del territorio, riconosce e identifica in una gran macchia di verde scuro. È selva che degrada dolcemente alle onde, ombrosa di fitti alberi che non lasciano spazio veruno ad altra nuance, segno che la luce faticava a penetrare fra quei rami da tante che erano le foglie che li abbellivano.
Allora, per aiutare la nostra immaginazione a figurarsi l’immagine di quel boschetto, dà una mano una descrizione di metà Ottocento che ritroviamo in un testo, opera di tale De Bartolomeis, che parla degli Stati sardi di cui allora la Spezia faceva parte.
Di lassù, dice l’Autore, si gode una vista “magnifica ed imponente” che spazia lontano all’ultimo orizzonte; ma anche il colle è bello da vedersi, spettacolo che tutti ammirano. Sono “cinque bastioni concentrici” che scendono al lido, altrettante cornici che agli occhi di chi le poteva godere paiono gradinate sovrapposte le une alle altre. Le paragoneremmo oggi alle curve di un grande stadio, popolate, invece che da stuoli di tifosi, da una folla di alberi. C’erano i lecci sempreverdi e gli allori odorosi ed ai loro piedi un mare di agarici, i funghi dal cappello bianco che al solo vederli calava l’acquolina. Questa piccola jungla nostrana “vestiva le parti più dirupate” del colle; nei ripiani, maggiormente curati per la loro migliore accessibilità, albergavano “orticelli e giardinetti” in cui, immagino, il colore dei fiori s’alternava al profumo del coltivato da cui scendevi con un vialetto che si dipanava solitario e tortuoso “al basso verso la marina”.

Così finisce la rappresentazione del 1847 di cui non possediamo nessun’altra prova documentaria. Oggi, leggendo la descrizione di 170 anni fa, possiamo solo dare libero sfogo alla nostra fantasia per quell’immagine di paradiso perduto che ci viene fornita, e tirare due sospironi di rimpianto per una cosa nostra che non abbiamo più.
Infatti, già prima che il colle fosse abbattuto, ci pensarono i Savoia a far sloggiare i Cappuccini dal convento sulla vetta per farci una batteria. Poi il piccolo rilievo fu tagliato ché era anacronismo. Già, la modernità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure