Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Maggio - ore 08.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La destra boccia Ambrosini: "No a chi viene da sinistra"

Rampi e Fratelli d'Italia hanno aperto la campagna elettorale a Sarzana rigettando il nome che era circolato come possibile candidato della lista Toti. Rosso: "Nessun compromesso, non possiamo prendere in giro gli elettori".

La destra boccia Ambrosini: "No a chi viene da sinistra"

Sarzana - Val di Magra - Voce forte all'interno della coalizione di centrodestra guidata da Giovanni Toti che da due anni guida la Regione e le città più importanti della Liguria, Fratelli d'Italia chiude le porte alla possibile candidatura di Gino Ambrosini a sindaco di Sarzana con la lista arancione nella primavera 2018. Nome chiacchieratissimo da settimane e capace, nelle intenzioni, di unire in un'impostazione più civica anche un elettorato più ampio, quello dell'ex vicesindaco non sembra però incontrare i favori del gruppo che proprio ieri sera con il suo consigliere Carlo Rampi ha inaugurato la propria campagna elettorale in via Mascardi.

Seppur senza mai citarlo è stato proprio l'esponente di lungo corso della destra cittadina a delineare i dettagli di quello che non potrà essere un candidato gradito. “Siamo qui per alzare un po' il pensiero del popolo del centrodestra – ha sottolineato l'avvocato – che dice “andiamo alle elezioni con una bella coalizione, magari a Sarzana con un candidato della società civile che non abbia esperienza politica troppo marcata e che possa portare nuove speranze”. Vero, ma al popolo non piace quando una parte della coalizione preferisce i salotti e candidati, colleghi degnissimi ma anche intelligenti, così tanto da aver già fatto due legislature il vicesindaco per il Partito Democratico, essere stati il numero due di Renzo Guccinelli o Massimo Caleo. O ancora gli assessori all'urbanistica nella fase in cui a Sarzana si è consumato un discreto scempio del territorio e della città”.

Netta anche la stroncatura di Matteo Rosso, coordinatore e capogruppo in Regione di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale. “Non possiamo accettare – ha ribadito davanti ai molti presenti – che qualcuno dell'area di centrodestra pensi di poter puntare su un candidato che viene da sinistra. Così facendo prenderemmo in giro i nostri elettori, cosa che non vogliamo fare. Qui a Sarzana – ha concluso – si scelga un candidato che rappresenti il centrodestra in maniera seria, non possiamo scendere a compromessi”.
Parole chiare, pronunciate davanti ad esponenti sia di Forza Italia che della Lega e che sembrano destinate ad aprire un dialogo interno in un fronte che proprio dall'unione fra le sue diverse anime ha saputo costruire vittorie insperate e che oggi guarda a Sarzana con un ottimismo mai avuto prima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News