Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Dicembre - ore 21.01

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Duecento per Mione e i suoi: "Non restiamo indifferenti. Pd? Delirante"

Sala della Repubblica gremita per la nascita della lista di 'Sarzana per Sarzana': "Con noi, commissioni permanenti composte da cittadini".

Duecento per Mione e i suoi: `Non restiamo indifferenti. Pd? Delirante`

Sarzana - Oltre duecento persone hanno affollato ieri sera la Sala della Repubblica di Sarzana per assisitere all'evoluzione ufficiale dell'associazione 'Sarzana per Sarzana' in un'omonima lista civica. La folta platea - arricchita anche da volti spezzini di Mdp come quelli dell'ex assessore Luca Basile e dell'ex segretario provinciale Pd Moreno Veschi - ha ascoltato gli interventi dei più grandi animatori di 'Sarzana per Sarzana'. Dal presidente del sodalizio, Roberto Mazza, al giovane Clarke Ruggeri, dall'architetto Gianfranco Damiano all'ingegnere Claudia Bedini, da Amanda Cargiolli all'insegnante di educazione fisica Marco Fausti, passando naturalmente per i consiglieri comunali Paolo Mione e Rosanna Pittiglio.

Nella sala solo risuonati i temi che, già più volte masticati in questi primi mesi di vita dell'associazione, i Miones non vedono l'ora di affrontare da amministratori del Comune. In punta di lancia quindi le battaglie per il decoro, per la salvaguardia del commercio (con stop alla grande distribuzione), per la partecipazione, la sicurezza, la formazione, il Puc. Per Marinella. E giù le arcinote critiche all'amministrazione Cavarra, ritenuta incapace e chiusa al confronto. Come da pronostico, non è stato fatto nessun nome. Né di un candidato sindaco, né di candidati al consiglio. "Verrà il momento dei nomi, ma conta di più il progetto": questo il mantra.

"Tra di noi non ci sono professionisti della politica. Di politica nessuno di noi ha mai vissuto - ha esordito Mione, quello verso cui viene più naturale guardare come candidato sindaco, per esperienza e carisma -. E chi non ha mai lavorato un giorno e ha sempre vissuto di politica crediamo non debba trovare spazio nel nostro movimento. La maggior parte di noi (esclusi lo stesso Mione, la menzionata Pittiglio e Massimo Bettati, ndr) non ha mai avuto esperienze politiche, ma ha deciso di impegnarsi in questo progetto. Questo dimostra che il vento è cambiato (slogan notoriamente coperto da copyright, ndr). E lo dimostrano anche le tante persone che sono qui stasera. Perché ci impegniamo? Perché abbiamo scelto di non restare indifferenti. Vogliamo guardare a Sarzana con gli occhi dei più deboli, con comprensione, accoglienza e solidarietà. La città ha tanti problemi e non riesce a superarli, amministrata da un sindaco in palese difficoltà, che cerca di scappare. Magari sarebbe più conveniente non metterci la faccia, anche sapendo che da parte della politica 'vera' ci possono essere ritorsioni. Ma noi abbiamo scelto diversamente e siamo convinti di poter amministrare meglio di chi lo ha fatto fino ad oggi. Come? Innanzitutto rifiutando lo schema dell'uomo solo al comando, del sindaco che impartisce direttive a cinque assessori, che obbediscono. Noi pensiamo a una squadra che sia espressione delle migliori qualità della città - con i migliori non si sbaglia mai - e che si allarghi il più possibile alla vera partecipazione della cittadinanza. Non si può pretendere di essere esperti di tutto solo perché si ha il titolo di sindaco o assessore". Di qui la volontà, in caso di successo elettorale, di dare vita a "commissioni permanenti formate da cittadini esperti in vari ambiti. Delle fucine di progetti e idee per sindaco e giunta". All'insegna della partecipazione anche il programma: "A breve lo diffonderemo e lo sottoporremo ai sarzanesi, con la piena disponibilità ad apportare modifiche e integrazioni".

Non è mancata la polemica nei confronti del Pd, che nei giorni scorsi ha accusato la galassia Mione di voler far comunella con l'area Toti (QUI). "Stupidaggini che, a giudicare dall'affluenza di stasera, non ci hanno danneggiato - ha commentato Mazza -. Il comunicato di Bufano è un po' persecutorio. Dice che noi facciamo riferimento a sottogruppi di controllo, in particolare alla destra di Toti, come se ci fosse una strategia di Toti, di Forcieri (non pervenuto ieri sera, ndr) eccetera per manipolarci... garantiamo che questo tipo di sottobosco non ci appartiene". E secondo Mione quelli diffusi dal Pd sono "comunicati un po' deliranti. Un partito come il Pd che si lascia andare al gossip nei comunicai ufficiali è un partito che sta delirando". Le accuse di flirtare con la destra, del resto, pare smentirle anche l'ispirazione ideale della lista, ben chiarita da un opportunamente interrogato Mione: "Siamo una lista con molte persone di centrosinistra. E siamo una lista con idee di sinistra".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sarzana per Sarzana diventa una lista Archivio CdS


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure