Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Novembre - ore 21.36

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Chiappini si autosospende dal Movimento Cinque Stelle

Il consigliere comunale costituisce il gruppo "Sarzana in Movimento" e in una lettera aperta denuncia: "Esco da un sogno trasformato in incubo".

Chiappini si autosospende dal Movimento Cinque Stelle

Sarzana - Dopo Francesco Battistini ed Andrea Fantini anche Valter Chiappini, capogruppo nel consiglio comunale di Sarzana, ufficializza la frattura con il Movimento 5 Stelle e con quelli che in una lettera aperta rivolta ai suoi sostenitori non esita a definire "capibastone" della Liguria. Chiappini, che comunica di essersi "autosospeso" e di aver formato il gruppo Sarzana in Movimento, conferma oggi una decisione che è prevedibile conseguenza dei dissidi interni al Movimento ligure cresciuti negli ultimi mesi e deflagrati nella tesissima riunione di venerdì sera alla Sala della Repubblica, dove si erano presentati anche i consiglieri regionali Alice Salvatore e De Ferrari. Un incontro, interrotto dopo una discussione accesissima è seguito da infuocati post su Facebook, che ha fatto precipitare la situazione.
"Da oggi mi autosospendo dal Movimento 5 stelle – sottolinea - per le motivazioni che ho ampiamente riportato nella lettera aperta che allego. Continuerò l'attività in Consiglio comunale costituendo il gruppo "Sarzana in Movimento" a dimostrazione che per me non cambia nulla rispetto ai principi, ai programmi ed agli obbiettivi che mi ero posto candidandomi nella lista M5S e dando la mia parola a portarli avanti durante il mandato. Per me non cambia nulla nel mio operato e nel rapporto coi cittadini. Ringrazio per la fiducia dimostratami fino ad oggi e cercherò di continuare a meritarla continuando dall'opposizione a lavorare per cambiare Sarzana”.

“Esco da un sogno trasformato in incubo – scrive invece nella lettera aperta - non è facile per me, che faccio della parola data e degli impegni presi inderogabili vincoli di vita, trovare le parole del perché mi autosospendo dal Movimento 5 stelle. Vorrei poter spiegare e parlare faccia a faccia con tutti i 172 che hanno scritto il mio nome sulla scheda elettorale nel 2013 e con tutti i 1400 che hanno votato a quella tornata elettorale per il Movimento a Sarzana. Ho tenuto con le unghie, camuffando il pesante malessere che derivava dal cercare di negare a me stesso, e a chi ha creduto ed ancora crede, quanto sia cambiato il Movimento rispetto a quanto prometteva quando ho accettato la candidatura. I principi portati avanti per una vita, trovati in quelli professati dal Movimento fino dal 2007, quando sui tavoli del giardino del Barontini facevamo riunioni in “4 gatti”, sono oggi, dentro al Movimento, un cumulo di macerie, demoliti da questa pazzesca deriva che lo sta ammorbando. Ho tenuto con le unghie, cercando di contrastarla, facendo finta che non esistesse nonostante le “liste di proscrizione” dell’ex candidato sindaco Giannini, “unto dal signore” già nel 2013, perché nelle grazie delle “sentinelle” allora presenti sul territorio. Ho tenuto con le unghie nonostante gli “inviti” a dimettermi da parte delle “sentinelle”, che presidiano il territorio e che escono ad ogni tornata elettorale per demolire costruende liste non gradite o attaccare consiglieri democraticamente eletti ma sgraditi. Nonostante da queste arrivassero insulti e sottili minacce tanto da far tornare alla mente i “Bravi” dei promessi sposi, se ci illudiamo ancora di avere a che fare con servi in qualche modo prezzolati, o qualcosa di peggio come io penso che sia. Ho tenuto con le unghie quando è stata demolita la volontà della base, incredibilmente per una volta unita dopo altri tentativi fatti fallire, che votò, quasi all’unanimità con 70 voti favorevoli e 4 astenuti su 74 aventi diritto, un unico candidato Sindaco a La Spezia che faceva veramente paura al sistema, ma che è stato bocciato, con un post senza firma in calce ad un articolo sul blog del Movimento, per un peccato originale di 25 anni prima. Avevo chiesto, ferito e demoralizzato da questo fatto, ai gruppi del territorio, che mi convincessero a continuare. E l’hanno fatto e li ringrazio ancora ora per l’enorme stima dimostratami, ma quell’incontro, registrato dalle “sentinelle” è finito, montato ad arte, nel dossier della mia proscrizione assieme ad un altro consigliere locale proscritto”.

”Ho tenuto con le unghie – ricorda - pur condividendo con disperazione le difficoltà dell’amico Consigliere regionale Francesco Battistini, reo di “lesa maestà” nei confronti della capobastone regionale e deferito ai probiviri, nominati senza consultazioni, con l’imputazione, alla fine, di “libertà di pensiero” esternata ad un giornalista ed appeso ad un capestro la cui botola sarebbe stata sicuramente aperta dopo le amministrative di Genova per non “compromettere” la campagna elettorale. Il tutto sottacendo che, da tempo, le stesse “sentinelle” che presidiano il territorio montavano ad arte dossier su di lui e su di me, accusandomi di “complicità per avere organizzato riunioni segrete e sediziose per mettere insieme cordate al fine di manipolare il voto a favore di Battistini”, quando neppure sapevamo chi votava Movimento. Ho tenuto con le unghie nonostante palesi dimostrazioni che uno non valeva uno, che la base non contava, che le scelte le faceva qualcuno senza discussione, giustificate con votazioni farlocche che proponevano scelte obbligate: dalla votazione on line sull’ipotesi di aggregazione col gruppo europeo di ALDE, all’ultima per confermare il “prescelto” dalla capobastone a Genova sconfitto nell’elezione del candidato Sindaco. Ma non riesco a passare sopra l’ultima e chiara dimostrazione di come il Movimento non sia più ciò che mi aveva fatto sognare.?Non riesco a passare sopra quello che succede solo nei paesi con regimi totalitari: l’annullamento di democratiche elezioni, pur a condizioni già capestro, perché la vincitrice, a sorpresa, ha battuto il “prescelto unto dal Signore”. A tutto c’è un limite. Ed il limite è stato passato quando Venerdì sera, ad una riunione del gruppo sarzanese si è presentata “a sorpresa” la capobastone regionale, con tanto delle succitate “sentinelle”, col solo intento di provocare e filmare col cellulare le reazioni, ed oggi mi ritrovo pure sotto accusa dopo quella serata infausta. So bene, quindi, che il sottoscritto non sarà mai certificato alle prossime amministrative sarzanesi, reo di essere inviso dalle “Sentinelle” del territorio e dai capibastone e “condannato” per avere solidarizzato col reietto Francesco Battistini, (come lui fu solidale con chi, a Genova, portò per anni alto il nome del Movimento lavorando per esso, per il territorio ed i suoi cittadini, ma colpevole di non chinare la testa di fronte alla deriva totalitaria che stava avanzando) ed oggi accusato anche di avere programmato la “rissa” all’incontro di venerdì sera quando tutto dimostra il contrario: qualcuno ha voluto portare la storia ad un punto di rottura.
Oggi il mio sogno di aver trovato nel Movimento la casa dei miei principi: onestà morale ed intellettuale (prima che pratica), trasparenza, partecipazione, potere al popolo, si è trasformato in un incubo da cui voglio uscire nel rispetto della parola data ai miei concittadini. Mi autosospendo, quindi, dal Movimento 5 stelle, ma continuerò ad onorare l’impegno in consiglio comunale fondando il gruppo “Sarzana in Movimento” con lo stesso programma e gli stessi principi che, sulla carta, sono quelli fondanti e che io non ho mai cambiato.?Nei confronti dei miei amici, del gruppo, che mi ha supportato e dato la forza di tenere duro in questi anni di sacrifico ed impegno, e dei miei concittadini che hanno i miei stessi principi, non cambia nulla: io ci sono e mi aspetto che anche loro ci siano. Indipendentemente dalla casacca che vorranno indossare, perché non è la giacca che fa l’uomo, ma quello che ha dentro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure