Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Marzo - ore 17.19

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Assegnato un lotto di Tavolara, Comune incasserà 620mila euro

Dopo molte aste deserte questa mattina una ditta sarzanese si è aggiudicata il terreno più grande. Boccata d'ossigeno per il bilancio comunale.

Assegnato un lotto di Tavolara, Comune incasserà 620mila euro

Sarzana - La ditta sarzanese “Galletto Bruno S.r.l.” attualmente situata in via Alta, si è aggiudicata il secondo lotto dell'area artigianale di Tavolara. Dopo quattro aste andate deserte infatti questa mattina alle 12.00 nella sala consiliare di Sarzana, come stabilito dal bando pubblico, si è tenuta l'apertura della busta con l'offerta di 620mila euro rispetto ai 619.550 della base d'asta. Una bella boccata d'aria dunque per il disastrato bilancio comunale visto che l'amministrazione con questa cifra potrà saldare due delle cinque rate della fideiussione da un milione e mezzo contratta con Carispezia per coprire il debito della partecipata “Sarzana Patrimonio e Servizi” da tempo in liquidazione. Ed è stata proprio la liquidatrice Antonella Conti a togliere i sigilli al plico verificando l'attuabilità della proposta davanti agli interessati e al dirigente comunale Stefano Mugnaini.

Presente con il figlio infatti il titolare Bruno Galletto – originario di Ortonovo – ha seguito le operazioni previste dal protocollo e mostrato l'intenzione di voler chiudere appena possibile il pagamento del lotto (il più grande dei due) senza usufruire della possibilità di dilazionare la cifra in due anni come concesso dal bando. “Dopo 30 anni di esperienza nel settore delle demolizioni e del movimento terra – si legge sul sito dell'azienda - Galletto intuì la necessità di creare un centro di raccolta di questi rifiuti, altrimenti smaltiti in discariche generiche senza poter beneficiare delle risorse derivanti. Nel 1998 nacque così la "Galletto Bruno S.r.l.", prima piattaforma di recupero di materiali edili di scarto sul territorio della Val di Magra. Un legame stretto tra rifiuti inerti ed ambiente. Oggi il valore e l’importanza di questo tipo di fonti ha premiato l'intuizione del Sig. Galletto che vede la sua azienda tra i più efficienti operatori del territorio”.

Un segnale significativo che arriva così a tutto il settore inerti di cui si recentemente si è parlato a lungo per la delocalizzazione delle attività che operano all'interno dell'Area Parco del Magra e per le quali il Comune di Sarzana aveva indicato proprio Tavolara come luogo indicato per l'attività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure