Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Agosto - ore 20.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"I lavori nel park di Santa Maria non possono riprendere"

I promotori della petizione: "Sarzana sonnacchiosa sul valore della sua storia e della sua cultura".

`I lavori nel park di Santa Maria non possono riprendere`

Sarzana - "Il parere positivo dato dal Comune di Sarzana per la ripresa dei lavori è da ritenersi indebitamente rilasciato in quanto il parere della Soprintendenza ligure è sottinteso ad una serie di condizioni". Lo affermano Gianfranco Damiano e Sandro Palumbo, promotori nei mesi scorsi della petizione per lo stop dei lavori del park di Santa Maria nel cuore di Sarzana. “Si tratta infatti – spiegano – di un parere condizionato pesantemente dal secondo punto del provvedimento: “tutta l'area interessata dal progetto deve essere scavata con metodo archeologico e ne deve essere data adeguata documentazione". È evidente che l'intervento sinora compiuto ha interessato una porzione del terreno e che sino a quando non ci sarà una stratigrafia completa dell'area, con l'evidenza di eventuali strutture o reperti, non potranno essere riprese le opere edilizie concessionate. È più che evidente che tutto ciò demolisce completamente l'efficacia del nuovo provvedimento di rilascio da parte del comune, in variante a quanto già approvato. Questa concessione è avvenuta proprio in funzione di un presunto "parere positivo" della Soprintendenza che, pur nella massima chiarezza espositiva, non è stato compreso. Questo provvedimento – aggiungono - seppur condizionato, è comunque segnato da uno scarso interesse circa la rilevanza dei reperti ad oggi emersi. La valutazione espressa è, probabilmente, minata da una scarsa conoscenza degli eventi che hanno segnato la genesi della città, mai approfonditi e mai chiariti.
Questa sarebbe stata l'occasione ottimale per interpretare con elementi certi l'evoluzione di Sarzana ma la "matrigna" Genova ci nega questa possibilità. Resta il fatto incredibile che, pur di fronte ad un parere così circostanziato, il Comune comunque abbia persistito nel rilascio di una nuova concessione, probabilmente spinto più dalla realizzazione della vasca antincendio ad uso del Teatro degli Impavidi che da motivazioni culturali che non sembrano proprio appartenere a questa giunta. La vasca antincendio che, attenzione, dovrà servire anche il garage, (ecco perché deve essere così grande!) è l'ultimo nodo per riportare il Teatro di nuovo alla città e che invece rischia di penalizzarla.
A latere di tutto ciò resta il comportamento molto "sui generis" del Sindaco che davanti ad una petizione di 300 cittadini aveva promesso formalmente di fornire i giusti chiarimenti in tempi rapidi che, al contrario, abbiamo appreso solo dalla cronaca di una città sonnacchiosa da tempo sul valore della sua storia e della sua cultura”.
Nel documento firmato lo scorso 24 novembre dal Soprintendente Vincenzo Tiné erano contenute anche altre prescrizioni che prevedevano che “deve essere completata la documentazione archeologica di quanto rinvenuto, eventualmente con approfondimenti stratigrafici localizzati ove necessario alla comprensione della successione cronologica” e che “ogni eventuale altro setto murario dovrà essere tutelato al pari di quelli già messi in luce e pertanto protetto con geotessuto e argilla espansa o sabbia” mentre “alla fine dei lavori dovranno essere prodotti ed esposti sul sito almeno due pannelli che illustrino le ricerche archeologiche eseguite ed i risultati ottenuti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure