Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 14.17

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tosa a Sarzana: "Europa non è matrigna, serve collegamento con enti locali"

L'ex Cinquestelle sarà candidato di Italia in Comune nella lista di Più Europa.

"voglio portare alla comunità europea il modello riace"
Tosa a Sarzana: "Europa non è matrigna, serve collegamento con enti locali"

Sarzana - Val di Magra - Diritti, sviluppo e apertura. Questi i temi che Lorenzo Tosa vuole portare all'attenzione dell'Europa come candidato di Italia in Comune alle prossime elezioni con Più Europa. Genovese classe 1983, giornalista ed ex addetto stampa del Movimento 5 Stelle (dal quale è uscito un anno fa) ieri ha fatto a Sarzana per illustrare alcuni dei contenuti della sua campagna elettorale al fianco del consigliere regionale Francesco Battistini, confluito nella formazione fondata da Pizzarotti, per una candidatura sostenuta anche da Avanti Insieme di Lorenzo Forcieri oltre che dagli esponenti locali di Italia in Comune Mione e Fantini.

“Il nostro è un gruppo giovane – ha sottolineato Battistini – che ha scelto di appoggiare le coalizioni di centrosinistra alle prossime amministrative facendo una precisa scelta di campo. Ma abbiamo deciso di metterci in gioco anche per le europee nella coalizione con Più Europa che comprende anche Psi, Alleanza Civica Nordovest altre liste civiche. Siamo tutti convintamente europeisti e crediamo ci sia bisogno di una rappresentanza forte per trovare una soluzione condivisa a problemi che l'Italia non può affrontare da sola. C'è l'onere gravoso della soglia di sbarramento ma siamo convinti di riuscire a superarla”.

“Uscire dal Movimento è stata la scelta più facile della mia vita – ha ricordato Tosa – erano andati a toccare valori etici e primari come il diritto a cercare un futuro altrove per scappare dalla guerra o trovare un porto aperto. Il Movimento si era allineato alla Lega e ho scelto di rinunciare a stipendio e possibilità di carriera, ho subito anche ingiurie e minacce. Sono contento – ha aggiunto - di aver trovato Italia in Comune, progetto politico che ha una forte visione europea ed è nato dalla spinta pragmatista dei sindaci. Possiamo farcela perché il voto utile è proprio quello alla lista di Più Europa”.

Quindi sul programma: “Apertura e integrazione sono temi imprescindibili, non solo per quanto riguarda porti e confini adeguatamente regolamentati. Vorrei portare all'interno della Comunità europea il 'Modello Riace' grazie ai fondi di coesione per rivendicare con orgoglio questa eccellenza. Siamo a favore delle grandi opere utili come la Tav, e dei diritti arcobaleno per una famiglia basata sull'amore con la parità di genere come punto fermo. Diritti che sono anche quelli dei carcerati e degli ultimi visto che siamo nelle mani del Governo più retrogrado dal dopoguerra ad oggi, che mette in discussione aborto e divorzio. Per quanto riguarda lo spezzino e la Liguria – ha concluso – dobbiamo sfruttare una grande risorsa come quella dei fondi europei a favore degli enti locali. Possiamo essere un fronte compatto, europeista e alternativo al sovranismo, per guardare a livello locale anche alle regionali del prossimo anno per contrastare la destra rappresentata da Toti che spesso è più leghista di Salvini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News