Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 16 Gennaio - ore 14.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sessismo e violenza social, Vittoria chiede impegno di giunta e consiglio sarzanese

Dopo il caso del post contro la Meloni l'associazione presenta una mozione che impegna sindaco, assessori e consiglieri a monitorare i propri profili: "Lotta alla violenza sulle donne è segno di civiltà".

"uso etico dei social"
Sessismo e violenza social, Vittoria chiede impegno di giunta e consiglio sarzanese

Sarzana - Val di Magra - L'Associazione Vittoria, che da anni si batte in difesa delle donne a Sarzana e in Val di Magra, porta in consiglio comunale una discussione su haters e violenza sui social network. L'associazione infatti, come previsto dal regolamento del consiglio, ha presentato una mozione per la sensibilizzazione di consiglieri e assessori all’utilizzo etico dei social network su argomenti riferibili alla violenza sulle donne e al sessismo. Questo dopo il dibattito nato dalla frase "Le donne, alcune, vanno prese per la gola e poi stringere stringere forte. Lei è una di quelle" riferita a Giorgia Meloni e pubblicata da un cittadino sotto un post della consigliera Mazzanti.

“No non esistono "alcune donne"- ribadisce oggi Vittoria - che meritano di subire violenza.ed è gravissimo lasciare uno spazio interpretativo per giustificare la violenza con il solito pretesto del " è lei che se l'è cercata". Un post che avrebbe dovuto unire le donne e che invece le ha divise in una bagarre politica nella quale non vogliamo minimamente entrare. Non vogliamo altresì nessun linciaggio mediatico e nessuna gogna pubblica nei confronti dell'autore: quello incriminato è il contenuto del post non chi lo ha scritto. Un post che deve e avrebbe dovuto ricevere una condanna unanime senza se e senza ma, soprattutto da chi ricopre un ruolo istituzionale che ha il dovere di veicolare informazioni in modo che condannino senza dubbi la violenza sulle donne. Come è nostro solito fare non vogliamo pensare al passato ma al futuro, vogliamo essere propositive e non distruttive. Chiediamo pertanto a sindaco, assessori e consiglieri comunali di impegnarsi formalmente per il futuro a un utilizzo etico dei social network su argomenti riferibili alla violenza sulle donne e al sessismo. In quest'ottica abbiamo depositato una proposta di mozione da mettere all'ordine del giorno e discutere in consiglio comunale. Nello specifico chiediamo che sindaco assessori e consiglieri comunali si impegnino per il futuro a monitorare le comunicazioni sui propri profili all’interno dei social network e in particolare: a non condividere post sessisti o inneggianti alla violenza sulle donne, a dissociarsi e non giustificare in nessun caso post di altri utenti sul proprio profilo personale o sulla propria pagina con contenuti sessisti o inneggianti alla violenza sulle donne, a cancellare post di altri utenti sul proprio profilo personale o sulla propria pagina espressamente inneggianti alla violenza sulle donne”
“La lotta alla violenza sulle donne – concludono le volontarie - è un segno di civiltà e può essere efficace solo se affrontata insieme senza vincoli politici o di genere. Auspichiamo pertanto che la nostra mozione possa essere sottoscritta da tutte le consigliere e i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione e votata all'unanimità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News