Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Aprile - ore 20.56

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sequestri sul Magra, il sindaco al presidente: "Ribalta la realtà"

Polemica social in salsa carnevalesca tra il primo cittadino amegliese De Ranieri e Pietro Tedeschi. Poi la nota: "Dovremmo avere il Parco al nostro fianco, non contro".

Omo ar bozo

Sarzana - Val di Magra - Non disdegna una spolverata di leggerezza il sindaco di Ameglia Andrea De Ranieri nel rispondere al presidente del Parco Pietro Tedeschi nell'ambito del serrato dibattito politico innescatosi a seguito dell'operazione Clean River. Facendo riferimento al clima dell'Omo ar bozo, tradizionale manifestazione carnascialesca amegliese animata anche da Tedeschi, De Ranieri commenta: "Presidente e giudice monocratico Mastrin, quello che scrive va bene per le sentenze che si usava fare in questi periodi carnascialeschi, ma dimostrano quanto poco conosca dei procedimenti amministrativi"

E poi contesta punto per punto le osservazioni del numero uno dell'ente di Via Paci. "Le concessioni vengono rilasciate dalla Regione solo con il nulla osta del Parco, così come previsto dal piano della nautica. Primo controllo in capo al Parco. L'autorizzazione alle imprese nautiche viene rilasciata nel rispetto della normativa vigente e sentiti gli enti preposti, tra cui il Parco, il Comune prende atto e autorizza. Secondo controllo del Parco (ovviamente per chi è in regola). Il controllo delle aree parco è nelle mani del Parco! Delle sue guardie che devono segnalare abusi e reati alle autorità giudiziarie. Terzo controllo del Parco. Il Parco ha la pianificazione esclusiva delle aree al suo interno e nelle concessioni edilizie il Comune non può che prendere atto. Inoltre tutti i progetti del Piano della Nautica passano per primi al vaglio del Parco e solo dopo arrivano al Comune che li autorizza. Tutto il contrario di quanto dice il Giudice Mastrin che ovviamente ribalta la realtà o forse non la conosce. Dai che quest'anno il Carnevale è lungo!".

Il primo cittadino rimpolpa il suo pensiero anche in un lungo comunicato stampa. "Ora spetta al Comune - scrive De Ranieri - intraprendere un percorso virtuoso che, a seguito del vaglio della magistratura, potrà stabilire chi ha diritti in quell’area e come potrà esercitarli seguendo la normativa vigente in materia ambientale. Sicuramente la nostra Amministrazione, che ha già avviato un percorso virtuoso di collaborazione con le forze dell’ordine e la magistratura, inizierà un iter di risanamento ambientale e di sviluppo paesaggistico dell’area che deve essere restituita agli amegliesi".

Il sindaco osserva che "duole notare come il Presidente del Parco, dagli uffici sarzanesi, altro non sappia fare che tuonare contro il Comune di Ameglia. Il Parco ha tutti gli strumenti di pianificazione e controllo delle aree tutelate e in questa zona non è mai intervenuto. Poco oltre quest’area, in comune di Sarzana, fiorisce una discarica a cielo aperto, dove i nostri controlli hanno già multato più di un visitatore. Lungo le sponde si assiste a cantieri aperti e abbandonati, barche di pescatori abusivamente ancorate alla riva e pronte ad essere travolte dalle piene per diventare rifiuti speciali e in tutto questo Il Presidente sbandiera un piano della nautica di 10 anni fa, al 90% inattuato come la panacea di tutti i mali, ma se ne rende conto?
Il Comune di Ameglia deve recuperare la possibilità di governare il proprio territorio per evitare storture come il Piano della nautica, come il Piano di Parco nel suo complesso che ha gettato tutto nel degrado, nell’abbandono e nell’abusivismo. Tedeschi la smetta di fare lezioni di diritto amministrativo perché prende solo cantonate, si metta da parte e lasci fare chi ha la legittimazione dei cittadini! Bene fa a gioire per un’operazione del genere ma non se ne prenda i meriti! Spero sinceramente che Tedeschi volga il suo obiettivo ad altri comuni e non attacchi più Ameglia che ha dato negli anni al Parco strutture di grande valore commerciale, turistico e naturalistico e non solo non ne ha ricavato un euro, ma non ha neppure ottenuto quei servizi al territorio che i visitatori sperano quando visitano i nostri boschi e i nostri sentieri".

"Il Comune di Ameglia - conclude De Ranieri - ha davanti una grande sfida, restituire il fiume ai suoi cittadini, dare un’offerta naturalistica all’altezza di quanto i visitatori si aspettano e trasformarsi in un paese che ponga l’ambiente al primo posto, per ottenere questo abbiamo elaborato un Piano di recupero delle spiagge che mette proprio l’ambiente al primo posto e che ha visto nel Parco l’ente che ha creato maggiori problemi. L’area lungofiume a Fiumaretta per ospitare i cani ha visto il parere del Parco solo a stagione estiva finita, quest’anno la riproporremo, anche perché le attrezzature sono ferme in magazzino da un anno! Un Comune che guarda all’ambiente per prima cosa dovrebbe avere il Parco al proprio fianco e non contro…".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News