Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Giugno - ore 21.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Scuole Sarzana, Torri: "Approssimazione sconcertante". Chiappini: "Inettitudine".

Scuole Sarzana, Torri: "Approssimazione sconcertante". Chiappini: "Inettitudine".

Sarzana - Val di Magra - «In merito alla questione relativa al rigetto della domanda sulla messa in sicurezza delle scuole Poggi Carducci, giunta in questi giorni, da parte del Ministero dell'Interno, esprimo a nome della Lega il nostro profondo rammarico per l'ennesima occasione persa e per l'assoluta incapacitá di questa amministrazione, totalmente insensibile anche alle più semplici esigenze della città, di programmare e intercettare fondi per rilanciare le infrastrutture e i servizi a favore dei cittadini».

Lo ha dichiarato il candidato a sindaco di Sarzana Stefano Torri (Lega), commentando la delibera ministeriale che ha rigettato la richiesta di finanziamento, presentata dal comune di Sarzana, per la messa in sicurezza e la ristrutturazione della scuola media Poggi-Carducci a causa dell’incompletezza della domanda.

«Siamo davvero sconcertati - aggiunge Torri - dalla incomprensibile approssimazione con cui vengono gestiti passaggi così importanti per il futuro di Sarzana: e speriamo che, a partire dal prossimo giugno, possa aprirsi una nuova stagione politica, basata sulle azioni concrete e non solo sulle chiacchiere e le promesse irrealizzabili della sinistra sarzanese.

Questo errore, che rischia seriamente di far perdere alla città un finanziamento da 4 milioni di euro, non è l'unico sbaglio fatto sul tema dell'edilizia scolastica. Infatti, quando ero in consiglio comunale avevo segnalato per ben due volte dei bandi che avrebbero assegnato dei fondi per ristrutturare la scuola elementare di Viale XXI luglio, ma l'incompetenza di chi avrebbe dovuto redigere il progetto e il disegno, neanche troppo celato, di mettere a bilancio la cessione dell'edificio, hanno fatto perdere entrambe le opportunità.

Uno dei punti più importanti del nostro programma è la creazione di un ufficio che avrà il compito di intercettare i bandi di finanziamento che Regione, Governo e Unione Europea mettono a disposizione degli enti locali per rilanciare, finalmente, una politica programmatica in termini infrastrutturali».

In merito si fa sentire anche Valter Chiappini, capogruppo di 'Sarzana in Movimento': "L’inettitudine di questa amministrazione è nota da tempo: hanno chiuso la XXI Luglio sulla base di una perizia che andava rifatta perchè sbagliata. Non hanno neppure provato, anno dopo anno, a prendere i finanziamenti pubblici per la sua ristrutturazione.
Cavarra l'ha usata per tenere in equilibrio un bilancio "taroccato" inserendo il presunto valore di vendita, ben sapendo che nessuno l'avrebbe comprata dopo che si è scoperto che non ci si poteva fare nessuna speculazione, perchè vincolatissima dal Ministero dei beni culturali ed architettonici.
Sulle Poggi Carducci hanno speso soldi per anni per successive perizie ed interventi palliativi fino ad arrivare alla famosa perizia che abbiamo denunciato con lo 0,1 di resistenza sul minimo di 1, sulle cui conseguenze ancora grava un esposto in procura da parte dei genitori. Una perizia chiaramente da rifare perchè redatta con un livello di conoscenza minimo.
Hanno bocciato la nostra richiesta di rifare la perizia con un livello di conoscenza più alto per poi decidere di farla loro, ma dopo avere già previsto ulteriori spese per questa estate e i milioni di euro da spendere dopo per il loro progetto di abbattimento del 3° piano e della palestra con ricostruzione di un terzo corpo a più piani, per poi sbagliare la richiesta di finanziamento.
Mettiamoci anche che Cavarra ha dichiarato che al posto della casa di riposo Sabbadini vuol costruire un'altra scuola senza dirci da dove prenderà i finanziamenti e il quadro è completo.
Per noi di Sarzana in movimento, però, questo gravissimo errore potrebbe essere una chance futura: l'approvazione del finanziamento avrebbe probabilmente definitivamente messo la parola fine alla possibilità di ristrutturare la scuola di viale XXI Luglio. La possibilità di reinserire la richiesta con la seconda tranche di finanziamenti per l'edilizia scolastica la rimette invece in gioco.
Cavarra promette di farci la cittadella della cultura, ma anche qui non dice dove prende i soldi per la ristrutturazione. Noi pensiamo invece che vadano rifatte le perizie su tutte e due le scuole, per verificare la soluzione più conveniente per ottenere nel 2019 i finanziamenti e più veloce e sottoporre la nostra prima scelta di far tornare a vivere la XXI Luglio come scuola ai cittadini sarzanesi.
Il tutto con l'intenzione di rivedere profondamente l'utilizzo e la valorizzazione di tutti gli immobili di proprietà, che non sono pochi, per un piano completo di ridistribuzione di spazi, opportunità e vendita".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News