Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Settembre - ore 20.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Scuola, Castagna: "Sostegno ai genitori. Gli enti locali hanno agito con superficialità"

Sarzana - Val di Magra - La mozione di un nutrito gruppo di genitori del ‘Parentucelli Arzelà’ e di altri cittadini sarzanesi merita attenzione e sostegno, mettendo in evidenza le gravi difficoltà in cui l'approssimazione con cui Provincia e Comune hanno trattato l'argomento (lavori già previsti, emergenza Covid 19, pianificazione del nuovo anno scolastico) hanno posto la dirigenza scolastica e il personale insegnante, tutti protesi - per la parte che li riguarda - a cercare le soluzioni più idonee per tutta la popolazione scolastica interessata.

Il 16 settembre 2019 la Provincia della Spezia aveva individuato la società aggiudicataria della gara di appalto delle opere di adeguamento sismico dell’edificio ‘Parentucelli Arzelà’ secondo un cronoprogramma allegato al progetto, per complessive 40 settimane di lavorazione ed un importo delle opere, al netto del ribasso d'asta pari al 26,377%, di euro 675.754,19.

Nel medesimo plesso scolastico si trovavano (nel settembre 2019), oltre alle 61 (oggi 62) classi del Parentucelli Arzelà, dall'anno scolastico 2018/2019 anche cinque classi della scuola primaria, a cui sono riservate cinque (oggi sei) aule, oltre agli adiacenti servizi igienici, tutte poste al piano terra nell'angolo nord ovest del complesso in prossimità dei laboratori dell'indirizzo professionale agrario. Questa presenza, conseguente all’inagibilità della precedente sede scolastica comunale, si è concretizzata nonostante il parere negativo dell'ufficio tecnico della Provincia conseguente all’imminente realizzazione delle opere di adeguamento sismico programmate: fu promesso solennemente che si trattava di una 'ospitalità' a tempo determinato, per un solo anno scolastico, in attesa dell'inizio dei lavori sulle strutture e di reperire idonea sede alternativa, allo scopo di scongiurare l'interruzione di pubblico servizio scolastico di competenza comunale.

Nel novembre dello scorso anno si tenne un 'summit' fra il dirigente scolastico, i tecnici della Provincia, il sindaco di Sarzana e l’assessore provinciale Ponzanelli, per esaminare le problematiche legate all'esecuzione dei lavori succitati nel plesso scolastico del ‘Parentucelli Arzelà’ , avuto riguardo alla condizione di palese saturazione degli spazi che, anche a causa di una condizione manutentiva precaria, rivela la vetustà di alcuni fondamentali apparati come l'impianto di riscaldamento, il sistema idrico sanitario e l’impermeabilizzazione di copertura.

A inizio febbraio 2020 appare sui giornali la notizia che i locali del piano superiore dell attiguo ex tribunale, nel cui piano terra risulta già collocata la direzione didattica di Isa 13, sono tornati nella disponibilità dell'amministrazione Comunale. Il dirigente scolastico allora (con una nota pubblicata sui media locali e sottoscritta anche dal presidente del Consiglio di Istituto avvocato Pizzuto) propone di valutare l'opportunità di collocare nell'ex tribunale le cinque classi della scuola primaria creando un palese vantaggio all'esecuzione dei lavori nel plesso provinciale delle superiori e così riducendo i disagi per tutti i giovani studenti di entrambe le distinte istituzioni scolastiche. Ma la sindaca di Sarzana dichiara bruscamente la impraticabilità della proposta senza fornire argomenti.

Arriviamo al 17 febbraio. Viene convocato un incontro dal presidente della Provincia con il vice presidente, il sindaco di Sarzana e il dirigente scolastico, durante il quale vengono illustrate dal direttore dei Lavori le opere da compiere, con il relativo cronoprogramma, suddivise per sub cantieri al fine di ridurre le interferenze tra le attività di cantiere e quelle scolastiche. Il Dirigente scolastico, coadiuvato dal proprio responsabile della Sicurezza, esprime perplessità e dubbi sulla possibilità di poter svolgere le normali attività didattiche durante il compimento delle opere edili.

In data 21 febbraio 2020 si tiene un ulteriore incontro tecnico durante il quale sono approfonditi gli aspetti di dettaglio inerenti alle interferenze tra l'esecuzione del lavori in oggetto e le attività svolte all'interno del plesso scolastico, in riferimento anche agli spazi necessari al cantiere per l'esecuzione delle opere in base al cronoprogramma, nonché alle necessarie modifiche dei piani di valutazione dei rischi e dei piani di evacuazione da aggiornare in base alle fasi di cantierizzazione illustrate e delle conseguenti occupazioni. Viene presentato il cronoprogramma dei lavori, come prodotto dalla direzione lavori, che prevede la fine lavori, operando con la scuola in attività, per fine dicembre 2020. Dopo qualche giorno tuttavia l’attività didattica in presenza viene bloccata per l'emergenza Covid. Dopo due giorni il dirigente scolastico sollecita l’inizio dei lavori. Allo stato attuale (con le lavorazioni iniziate a inizio marzo, interrotte solo una settimana a causa dell'emergenza sanitaria e proseguite per tutto il mese di agosto) la Scuola prevede la conclusione dei lavori per febbraio con lavorazioni straordinarie durante le festività natalizie.

In questa panoramica sono ravvisabili gravi omissioni, carenze, ritardi e miopie da parte degli enti territoriali interessati, la provincia e il comune di Sarzana.

Per quanto riguarda l'attività della scuola la dirigenza sta operando per assicurare a tutti una sistemazione all'interno dell'istituto anche nell'ipotesi di didattica a distanza. Per l'inizio dell'anno scolastico sono previste due fasi: fino al 25, cioè dopo le elezioni, dovrebbero entrare a scuola solo le classi prime e quinte mentre seconde terze quarte dovrebbero fare lezione a distanza. Dopo tale data tutte le classi dovrebbero entrare a scuola attuando un tipo di didattica integrata. La scelta della didattica integrata è conseguente alla ridotta capienza delle aule rispetto al numero di alunni per classe. Si confida nello sdoppiamento di alcune classi particolarmente numerose. Comunque in caso di didattica integrata verrà assicurata l'attività all'interno dell'Istituto (al vaglio degli organi collegiali).

In ogni classe verrà assicurata la presenza per tutti gli alunni con disabilità BES e DSA oltre a coloro che possono trovare collocazione nelle aule in rapporto alla loro capienza massima. La capienza media delle aule è di circa 24 alunni, il che comporta che tutte le classi con un numero inferiore di alunni potrà fare didattica sempre in presenza. Per le classi composte da un numero di alunni superiore a 24 si prevede una rotazione per un numero di alunni che eccedono la capienza massima che avverrà nei laboratori di informatica.

Attualmente nell'Istituto, oltre alle opere di adeguamento sismico, da un paio di settimane operano anche altre imprese (grazie ai finanziamenti che la Provincia ha ottenuto per l'emergenza Covid) che si occupano: dell'adeguamento di alcuni spazi per renderli conformi allo svolgimento di attività didattiche; della impermeabilizzazione della copertura; dello adeguamento antincendio; della riparazione dell'impianto di riscaldamento; della manutenzione ordinaria.

Concludendo, mentre non si può non rimarcare la superficialità degli enti locali nell'affrontare le problematiche della nostro servizio scolastico, va invece sottolineato l'impegno che il personale tutto della scuola ha profuso in questi mesi per garantire un servizio adeguato agli studenti, nessuno escluso.

Francesca Castagna candidata del Pd al Consiglio regionale

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News