Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Settembre - ore 21.25

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Sarzana Popolare Giovani: "Combattere il cyberbullismo"

Sarzana Popolare Giovani: "Combattere il cyberbullismo"

Sarzana - Val di Magra - Il cyberbullismo è una piaga sociale degli ultimi anni riguardante i giovani, che va di pari passo, purtroppo, con l'avvenire delle nuove tecnologie. Il termine è stato coniato dal professor Bill Belsey e indica una forma di bullismo sul web che può presentarsi in vari modi:

FLAMING : messaggi online violenti e volgari (vedi "flame") mirati a suscitare battaglie verbali in un forum.

MOLESTIE (harassment): spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno.

DENIGRAZIONE : sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione, via e-mail, messaggistica istantanea, gruppi su social network, etc.

SOSTITUZIONE DI PERSONA ("impersonation"): farsi passare per un'altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili.

INGANNO: (trickery); ottenere la fiducia di qualcuno con l'inganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici.

ESCLUSIONE: escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare in essa un sentimento di emarginazione.

CYBER-PERSECUZIONE ("cyberstalking"): molestie e denigrazioni ripetute e minacciose mirate a incutere paura.

DOXING: diffusione pubblica via internet di dati personali e sensibili.

MINACCE DI MORTE.

Come il bullismo, a volte può costituire una violazione del codice civile e del codice penale. In Italia, secondo l’Indagine nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza pubblicata nel 2011 (fonte: Eurispes, Telefono Azzurro, 2011) un quinto dei ragazzi ha trovato in Internet informazioni false sul proprio conto: “raramente” (12,9%), “qualche volta” (5,6%) o “spesso” (1,5%). Con minore frequenza si registrano casi di messaggi, foto o video dai contenuti offensivi e minacciosi, ricevuti “raramente”, “qualche volta” o “spesso” dal 4,3% del campione; analoga percentuale (4,7%) si registra anche per le situazioni di esclusione intenzionale da gruppi online. In tutta questa complessità, come si comportano i genitori? Le famiglie dei preadolescenti si sentono spesso disorientate e in crisi di fronte alla velocità dei cambiamenti che il mondo della teconologia e del web ha portato. Nella maggior parte dei casi, non conoscono nemmeno le attività che i figli svolgono on line e, quando i ragazzi li interpellano, si sentono spaventati e impotenti. I giovani stessi dichiarano che a volte i genitori impongono loro delle regole che poi loro per primi non rispettano. Dichiarano di temere per la propria incolumità quando vedono che i genitori inviano sms al cellulare mentre guidano oppure di sentirsi trascurati quando sono a casa con mamma e papà e si accorgono che questi ultimi hanno sempre un occhio allo smartphone. Come prevenire quindi questo assurdo quanto ingiusto fenomeno? Il primo modo per prevenire il cyberbullismo è assicurarsi che il tempo di esposizione dei ragazzi alle nuove tecnologie sia quantitativamente e qualitativamente adeguato, quindi è opportuno controllare alcuni fattori:
1)il ragazzo ha interessi e svolge attività anche non al computer;
2)ha un solido gruppo di amici;
3)è ragionevolmente attento alla scuola e ai voti;
4)svolge attività fisica o all'aria aperta.

Sarebbe opportuno in aggiunta a questo regolamentare in famiglia l'uso del web attraverso software che non consentano l'accesso a siti rischiosi o contenenti materiale non adatto ai ragazzi. Il sito generazioniconnesse.it, creato da una collaborazione tra Miur e Unione Europea, propone soluzioni simpatiche e utili (webserie, fumetti, articoli semplici e immagini) per informare in modo divertente i propri figli ed aggiornarsi sul fenomeno del cyberbullismo e sulle modalità per contrastarlo oltre ad una segnalazione ai propri famigliari, docenti e polizia postale. Segnalo e vi invito a partecipare all'incontro del 24/02/2018 che si terrà alla Spezia presso il CAMEC con lo psicologo Maurizio Girardi, per conoscere meglio questo fenomeno e essere pronti a combatterlo qualora si manifestasse.

Gianmarco Lucignano
Sarzana Popolare Giovani

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News