Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Settembre - ore 09.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sansa a Sarzana: "Ospedale esempio del fallimento di Toti"

Il candidato del centrosinistra ha visitato la struttura: "Sanità ligure è stata smantellata a favore dei privati. Su emergenza Covid il Governo è stato visto come avversario politico".

"rsa vergogna a cielo aperto"

Sarzana - Val di Magra - “L'ospedale di Sarzana è il perfetto esempio del modello di sanità di Toti: il day hospital di oncologia costato cinquantamila euro è chiuso e impacchettato, il Don Gnocchi è coperto di polvere con macchinari inutilizzati e lasciati a marcire mentre la Rsa è un monumento all'inefficienza”. Così Ferruccio Sansa, candidato presidente della Regione Liguria al termine della visita odierna al San Bartolomeo. Accompagnato da Francesco Battistini e Pier Aldo Canessa, l'esponente del centrosinistra ha preso appunti e ascoltato anche le istanze delle oss Coopservice e ha visto da vicino la situazione della struttura.

“Quella della Rsa è una vergogna a cielo aperto – ha sottolineato indicando la struttura incompleta – ci sono cantieri in mezzo a un ospedale pubblico e un edificio costato milioni di euro totalmente inutilizzato. La sanità rappresenta l'80% del bilancio di una regione e possiamo dire che la giunta Toti ha fallito perché c'è un bacino di oltre centomla persone che sono costrette a dover andare in Toscana per ottenere cure migliori come i malati di tumore, i malati di cuore o le donne che vogliono partorire. La sanità oggi è la principale preoccupazione dei liguri vista anche l'emergenza Covid”.
Sansa ha proseguito: “Al San Bartolomeo c'è stato un continuo depauperamento di risorse umane e materiali con primari che sono andati via e non sono stati sostituiti. Toti ha smantellato la sanità pubblica lasciando ai privati le prestazioni più remunerative. Basta privatizzazione e abbandono della sanità pubblica, bisogna garantire a tutti le migliori cure possibili vicino a casa ed evitare quanto accaduto anche nei giorni scorsi con pazienti oncologici che hanno dovuto aspettare le loro cure in un giardino. In questo contesto il nuovo Felettino è un ulteriore esempio del fallimento del centrodestra”.

Quanto alla situazione Covid Sansa ha concluso: “Toti ha utilizzato l'emergenza a scopi politici e anziché agire di concerto con il Governo lo ha trattato come un avversario politico. Qui siamo di fronte ad un problema che riguarda la salute delle persone e l'unico pensiero di chi governa la Regione deve essere quello di tutelare nel migliore dei modi i cittadini. È necessario adottare tutte le misure cautelative per l'incolumità di tutti, anche perché un nuovo lockdown metterebbe economicamente in ginocchio la Liguria. Si evitino strumentalizzazioni e non si metta a repentaglio la salute delle persone, sono contrario ad esempio al mancato mantenimento del distanziamento sui treni”.

“Questo ospedale ha operatori eccellenti – ha osservato invece Pier Aldo Canessa, candidato consigliere spezzino – ma ha avuto una progressiva perdita dei servizi. Il primario di radiologia è stato mandato a Lavagana e giustamente la sua equipe lo ha seguito, senologia è stata smentellata. A breve andranno via quattro medici che hanno vinto un concorso in Toscana e non verranno sostituiti perché la nostra Asl è poco appetibile. Chi va in pensione come il sottoscritto non viene sostituito. Questa Asl paga circa venti milioni per servizi privatizzati e ha 150milioni di mobilità passiva. Se dovessimo vincere – ha concluso Canessa – sarebbe bello che il direttore sanitario venisse qui a curarsi con la sua famiglia in caso di necessità”.
“C'è già un forte rischio di privatizzazione all'interno del San Bartolomeo – ha osservato Francesco Battistini, in corsa per un secondo mandato da consigliere – ma i pacchetti ai privati si pagano con soldi pubblici. Basterebbe fare un rapporto fra la nostra Asl e quella imperiese che ha numeri simili, per capire come il nostro personale sia in sofferenza di almeno 95 persone. Nella provincia di Massa Carrara negli ultimi anni sono stati fatti cinque ospedali, qui siamo ancora alla posa della seconda pietra del Felettino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News