Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Giugno - ore 10.25

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ridolfi: "Dopo settant'anni per Castelnuovo è il momento di cambiare"

Il candidato del centrodestra: "Modificherò l'approccio a tematiche come l'isola ecologica e la manutenzione stradale. E il nostro Comune farà parte della Dmo".

Sarzana - Val di Magra - A Castelnuovo Magra è Matteo Ridolfi il candidato unitario del centrodestra alle imminenti elezioni comunali. Avvocato, 50 anni, vicino ad Andrea Costa, Ridolfi sarà sostenuto compattamente da Castelnuovo Popolare, Giovanni Toti Liguria, Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Dopo il primo tentativo che nel 2004 lo vide sconfitto da Marzio Favini, l'aspirante sindaco per il centrodestra ripropone alla guida della comunità castelnovese con l'obiettivo di far valere anche ai confini della Val di Magra la regola che negli ultimi anni ha visto il centrosinistra sconfitto in gran parte delle competizioni elettorali locali, regionali e nazionali.

Come è maturata la sua decisione di ricandidarsi alla carica di sindaco a distanza di quindici anni?
“La passione. La passione per la politica mi ha spinto di nuovo a offrire la mia candidatura a sindaco del mio paese. Sono trent’anni che la passione per la politica mi avvolge e permea la mia vita. E per chi ha questa passione, riuscire ad avere la fiducia dei propri concittadini è il massimo riconoscimento. E in più, l’entusiasmo di tanti che mi hanno sostenuto, spinto e incoraggiato ad affrontare questa meravigliosa avventura. Consapevole che si tratta di un impegno gravoso e carico di responsabilità. Ma altrettanto consapevole di avere una grande squadra e idee e progetti forti per Castelnuovo. E la convinzione che, dopo settant’anni, sia giunto il momento finalmente di cambiare, perché l’alternanza e’ il sale della democrazia”.

La coalizione “Castelnuovo cambia” raggruppa tutte le forze di centrodestra che negli ultimi anni hanno vinto in buona parte della Liguria. Il momento è propizio anche per questo paese della Val di Magra?
"Dopo che il centro-destra si è affermato in Liguria, alla Spezia, a Sarzana, ad Ameglia, a Lerici e a Porto Venere, dimostrando a tutti quale buon governo è in grado di mettere in atto, con provvedimenti, idee e risorse investite per il bene dei cittadini, sono convinto che questo modello abbia tutte le carte in regola per affermarsi anche a Castelnuovo. La gente ha voglia di cambiare, di mettere alla prova un nuovo modello di amministrazione e nuovi amministratori capaci. La mancanza di alternanza produce situazioni di stagnazione, di clientelismo, di assuefazione al potere, che possono solo nuocere ai cittadini".

La gestione dell'isola ecologica, la situazione di strade e asfalti e la necessità di una palestra per le scuole, sono stati fra gli argomenti più citati di questa campagna elettorale. Lei e la sua squadra che progetti avete in proposito in caso di elezione?
"Mi impegno con la mia squadra, se sarò eletto sindaco, a modificare radicalmente la gestione dell’isola ecologica oggi esistente; a crearne una apposita per gli operatori del centro commerciale e una per le imprese agricole e vitivinicole del nostro territorio. E ad eliminare radicalmente i fenomeni di uso improprio dell’isola, che oggi rendono la vita impossibile a chi risiede nelle vicinanze e a tutti i castelnovesi.
Per il rifacimento delle strade, mi impegno per un piano di intervento straordinario nei primi mesi del mio mandato e non gli ultimi dieci giorni di campagna elettorale, come è purtroppo avvenuto in questo periodo (segno di una colossale presa in giro per tutti i cittadini). Come scritto nel mio programma, la realizzazione di una nuova palestra comunale, quale luogo privilegiato per lo svolgimento delle attività sportive scolastiche ed extra scolastiche per i nostri figli ed alunni, è al primo posto fra le priorità che mi sono imposto. Con l’aiuto della regione Liguria (che per questi progetti non ha mai fatto mancare il suo contributo negli ultimi quattro anni anche in altre realtà amministrative), che ci sostiene e appoggia, e con il concreto intervento finanziario dell’amministrazione comunale, sono convinto che entro i primi due anni questi progetto sarà realizzato. Soprattutto, sarà messo subito in cantiere per essere immediatamente realizzato".

Tre cose sulle quali interverrà da subito in caso di elezione e un obiettivo attuabile più a lungo termine
"Un piano per la sicurezza che preveda l’impianto di nuovi punti luce su tutto il territorio comunale; l’installazione di impianti pubblici di video sorveglianza e la concessione di agevolazioni ai privati per impianti in abitazioni private ed esercizi commerciali e l’assunzione due nuovi agenti di polizia municipale.
Un piano straordinario di rifacimento di tutta la rete stradale comunale, che riguardi tutto il territorio di Castelnuovo.
L’inserimento del nostro Comune nel distretto turistico che coinvolge il capoluogo, Porto Venere, Ameglia e Sarzana e la sottoscrizione di accordi specifici per attrarre i turisti che arrivano alla Spezia sulle navi da crociera. In sinergia con i comuni limitrofi. Così da ridare vita e attrattivita’ al nostro meraviglioso borgo. A medio termine interverremo con un piano di incentivi alle imprese agricole e vitivinicole, per renderle competitive e conosciute su tutti i mercati. Inserendole nei percorsi turistici, coinvolgendole nella promozione del territorio e valorizzandone i prodotti e le eccellenze. E entro due anni il rifacimento del manto del campo sportivo. Oggi in completo disfacimento e non degno dei nostri ragazzi e delle società che vi operano quotidianamente".

Quali tratti del suo curriculum e della sua personalità pensa possano riverberarsi al meglio sulla sua azione da sindaco?
"Svolgo da vent’anni la professione di avvocato, sono stato consigliere comunale e provinciale e ho amministrato, per un decennio, società su nomina del ministero delle attività produttive. Ritengo di avere l’esperienza e la conoscenza della macchina amministrativa necessarie a questo gravoso compito. Ma soprattutto ho la passione, l’umiltà e l’idea che la politica sia servizio esclusivo verso i propri concittadini. E una squadra forte e capace, con professionalità eccellenti a supportarmi in questo cammino".

C'è una figura politica o della società civile, anche del passato, che lei vede come un riferimento o alla quale si ispira?
"Provengo e appartengo alla tradizione del cattolicesimo popolare. Personalità come Don Sturzo e De Gasperi hanno accompagnato tutta la mia formazione. Le loro parole, le loro idee e le loro opere sono state le prime che hanno segnato tutta la mia attività politica fin dall’inizio".

Come immagina Castelnuovo Magra fra cinque anni?
"Immagino un paese dinamico, vivo, di nuovo protagonista. Con persone che lo visitano e lo ammirano; con giovani che lo frequentano e lo abitano; con imprese e lavoratori che lo fanno crescere; con alunni e studenti che lo illuminano della loro presenza e della loro gioia; con servizi efficienti e aperti a tutti. Con una biblioteca aperta tutti i giorni dalla mattina alla sera. Con una comunità integrata dal borgo alla piana".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News