Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Luglio - ore 13.49

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ricci: "Portus Lunae, ancora archeologia della politica"

Ricci: "Portus Lunae, ancora archeologia della politica"

Sarzana - Val di Magra - "Il progetto di collegare, con un percorso pedonale e ciclabile (fruibile direttamente anche dai due lati dell’autostrada A12) la piana di Luni, su cui insiste un sito archeologico di immensa bellezza e qualità (così mantenuto dagli amministratori dell’ex Comune di Ortonovo, ed ora di Luni) con quella di Marinella (mantenuta protetta dalla speculazione edilizia dagli amministratori del Comune di Sarzana), ha un valore enorme che deve essere salvaguardato, protetto e sviluppato". Esordisce così Rosolino Vico Ricci, Segretario Pd di Sarzana, nel suo intervento sul tema del momento: la chiusura dell'accesso alla passerella da parte di Marinella spa.

"L’idea di sviluppare l’area nasce negli anni ’80 con il “Progetto Archeogrill”, subito contrastato da Amministratori e Cittadini, poiché aveva solo scopi di profitto; in seguito, negli anni 2002 -2004, viene ripresa dall’ ex Ministro dei trasporti Lunardi, del governo Berlusconi II e III (2001 – 2006), il quale dà al luogo una visione più culturale e di valorizzazione ambientale; si tennero allora molti tavoli, con Amministratori Locali, Regionali, Autostrade e Privati coinvolti nei progetti per mettere a punto l’idea del sovrappasso. La proprietà dell’area, secondo i racconti degli Amministratori dell’epoca, partecipò ai lavori e si mostrò favorevole all’iniziativa, di superare, in modo ulteriore, la frattura dovuta all’autostrada tra i territori pianeggianti coinvolti.
Il progetto, dopo molte Conferenze di Servizio, in sede Nazionale e Locale andò in porto nel 2015. Il ponte viene inaugurato, come tutti sanno, nel maggio scorso. L’importo dei costi (17 milioni) sono ascrivibili alle azioni di valorizzazione culturale e ambientale del territorio su cui insistono le Autostrade e non sono utilizzabili in altro modo (alcuni dicono perché spesi lì, quella è la ragione).
Nel frattempo, si verificano alcuni importanti inconvenienti: un “Masterplan” dell’area che non va avanti poiché la priorità viene data alla salvaguardia del territorio, dopo le alluvioni degli anni passati, un “Piano Spiagge” bloccato nel 2018 e ripreso pochi mesi fa, con le modalità peggiorative che tutti conoscono; una proprietà dell’area in declino economico. Il tutto mette a dura prova le relazioni tra progettazione di riordino del territorio e portatori di interesse, cui seguono certamente alcune criticità oggi in evidenza. Quanto sopra per definire brevemente il contesto, certo descritto con eccesso di sinteticità e limiti.
Ma a che accade oggi, un sovrappasso in area archeologica e ambientale di pregio (le piane di Luni e Marinella) viene chiuso, nel suo sbocco a sud, dalla proprietà su cui va a terminare poiché non c’è un accordo definito sulla “servitù di passo” (la criticità) da concedere!; va da sé che un manufatto di tale importanza, progettato, finanziato e realizzato, di avvallo nazionale, regionale e comunale non può sottostare ad un impedimento di un privato, l’opera è di interesse pubblico preminente quindi deve avere la sua evoluzione – fruizione naturale da parte dei cittadini locali, in modo routinario, nazionali e di ogni parte del mondo per studio o turismo. A tal proposito le posizioni del Sindaco di Luni Avv. Silvestri sulla prospettiva di “Class Action”, per contrastare l’inconveniente, sono da condividere completamente ed ha il nostro appoggio in tal senso.
In questa diatriba è inaccettabile, invece, la posizione della mia Sindaca (Avv. Ponzanelli) della mia città di Sarzana, dell’Assessora Campi e dell’Assessore Regionale Giampedrone. I quali, in modo lesivo dell’interesse pubblico, non perdono occasione di guardare indietro e ancora, si ancora... attribuiscono colpe ai predecessori, il PD ovviamente.
Il loro dovere, a nostro avviso, è: accordarsi con il Sindaco di Luni (come egli peraltro ha chiesto già dallo scorso anno alla Sindaca di Sarzana, senza avere risposta), utilizzare la forza persuasiva politica, prima che amministrativa, della Regione e dei Comuni interessati al fine di indurre la proprietà a cambiare atteggiamento ed a concedere, con accordi opportuni, quello che nei fatti accade da decenni, questo fa’ chi ha a cuore l’interesse pubblico, guarda avanti e completa l’opera dei predecessori, benché di colore politico differente.
Sorgono, infine, alcuni altri dubbi, che si prestano a fantasie, si spera infondate: un braccio di ferro, anche ad occhio inesperto, in ogni caso, sembra essere iniziato. Si chiude un accesso alla tenuta oggi, poi se ne chiuderanno altri? A che scopo? In tale, eventuale, situazione dove si collocherebbe la attuale maggioranza in Comune Sarzana? Ancora darebbe colpe al PD? Una cosa è certa le affermazioni, sulla stampa, degli amministratori citati appaiono il braccio debole della prova di forza", conclude Ricci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia





Lo Spezia 19/20 prende forma, secondo voi oggi è più forte o più debole del suo predecessore?
























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News