Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre - ore 21.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ricci (Pd): "Giunta Ponzanelli inaffidabile e di dubbia competenza"

Il segretario Dem: "Cresce la nostra responsabilità verso la città. Bene lavoro in sintonia tra opposizioni".

Ricci (Pd): "Giunta Ponzanelli inaffidabile e di dubbia competenza"

Sarzana - Val di Magra - "La Giunta Ponzanelli e la sua maggioranza si sono insediati a Sarzana nel luglio 2018, da allora sono trascorsi due anni e alcuni mesi, quale bilancio ad oggi e dopo le scosse locali subite alle recenti Regionali? Si deve mettere in evidenza il turbine dei passaggi di schieramento politico (l’assessora Campi), di dimissioni, inevitabili (il leghista Cecati) e costrette (il leghista Iacopi), di scissioni (sempre nel gruppo della Lega) che hanno avvolto la maggioranza, da subito e fino a ieri l'altro (il passaggio all'opposizione della consigliera Mazzanti); in sostanza una instabilità continua. Ancora dobbiamo parlare degli inciampi di programmazione urbanistica (il caso Piano Spiagge), delle incredibili leggerezze amministrative, gli affidi di gestione delle spiagge e dei parcheggi adiacenti (oggetto di attenzione da parte della Magistratura locale), da ultimo il caso della selezione per vigile urbano, la cui dubbiosa procedura amministrativa ha fatto sì che il dirigente bloccasse il tutto, ce n'è d'avanzo per giudicare in modo negativo l'attuale compagine politica che governa la città". Lo afferma in una nota Rosolino Vico Ricci, segretario del Pd di Sarzana.

"Occorre anche notare che ogni azione, cosiddetta “positiva”, della giunta nasce da spinte esterne - continua -: regionali (progetti e finanziamenti per il ponte sul Calcandola, la nuova scuola, e così via) o governativi (restauro delle scuole, acquisizione di nuovi volumi per la biblioteca, ecc.); fondi che vengono sempre definiti come “intercettati” e dichiarati connessi alla bravura della Giunta, tacendo la provenienza e la obbligatorietà di azione e di attuazione. Intercettati si, come colui che si siede sulla soglia di casa e “coglie quel che passa il convento”.
Per la verità anche le minoranze in consiglio comunale hanno avuto rimaneggiamenti (nascita di Italia Viva, frazionamento successivo della stessa) che hanno interessato, inizialmente, il PD; la situazione iniziale appariva problematica, in ogni caso, nel corso della consiliatura i membri delle minoranze hanno lavorato sempre di più in modo sincronico, da oltre un anno ormai. I consiglieri del Pd non si sono mai sottratti alle intese, da qualunque gruppo partisse l’iniziativa, dando un significativo contributo tecnico-politico".

"Il PD - conclude - è il primo partito in città, secondo le ultime elezioni regionali, cresce quindi la nostra responsabilità verso la città e le altre forze politiche, avverse alla giunta attuale, sia nella prospettiva delle prossime elezioni comunali dell’anno 2023, sia in relazione alle azioni politiche quotidiane, finalizzate a cogliere in modo puntiglioso i deficit della maggioranza ed a formulare sagge proposte alternative. L'azione politica coordinata in Consiglio Comunale è auspicabile possa essere la base per mettere a punto prospettive future atte a cambiare direzione di governo della città. E’ ora, quindi, di iniziare a lavorare alla costruzione di idee innovative e condivise tra partiti di opposizione, organismi della società civile e cittadini, per rendere moderno, accogliente, ancora più ricco di verde il nostro contesto di vita; lavorare per alternative alla mobilità con mezzi a motore, facilitare la rigenerazione degli edifici, diffondere la cultura e la risocializzazione in ogni luogo del territorio, ridare vita alle “periferie”, pretendere una sanità pubblica di prossimità e così via. Quindi partiamo dalle idee e poi su esse costruiamo i gruppi di donne e uomini che le veicolano. Il PD, per tutto questo, c’è. In sintesi, la giunta attuale è inaffidabile e dubbia competenza. I suoi leader sono graditi alla città assai meno dei candidati dell'opposizione (questo consegnano gli esiti delle regionali a livello locale). Le minoranze (sempre meno tali) stanno trovando il modo di coordinarsi.
Su queste basi, allora, è altamente probabile che il futuro della città possa essere più luminoso e meno oscuro di quello attuale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News