Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 05 Agosto - ore 15.19

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ponzanelli: "Parco esca dal letargo operativo, altro che trasformazione in entità nazionale"

"discariche segnalate"

Sarzana - Val di Magra - "Sono già passate diverse settimane da quando alcuni cittadini hanno segnalato l’abbandono di rifiuti e ingombranti nell’area adiacente il fiume Magra in località Battifollo di Arcola: non si tratta solamente di qualche bottiglia vuota ma di vere e proprie zone di “discarica” con la presenza di importanti quantitativi di vecchi materassi, mobilio, taniche e latte ecc. Le segnalazioni sono state trasmesse subito a tutte le Autorità preposte affinché potessero provvedere alla pulizia e ripristino di quelle aree, molto delicate perché immediatamente adiacenti l’alveo del fiume. Sono passati oltre due mesi e non mi risulta che sia stato fatto nulla: tutt’ora persiste questo indecoroso stato di abbandono". Così Francesco Ponzanelli (La Spezia popolare), vice presidente della Provincia, che attacca i vertici del Parco Montemarcello-Magra-Vara:"Proprio in questi giorni alcuni ne chiedono la trasformazione in Parco addirittura nazionale. È noto a chiunque il carattere fortemente restrittivo che la presenza di un’area Parco pone su tutta la porzione di territorio di sua pertinenza ma se, oltre a non vigilare adeguatamente per prevenire i fenomeni di abbandono di rifiuti, questi non interviene nemmeno per la loro rimozione tempestiva, a cosa serve insistere con lo strumento del Parco? I Parchi devono essere istituzioni efficaci per una reale e quotidiana attività di cura, vigilanza e conservazione di aree di pregio altrimenti si riducono a “gabbie” inutili che, invece di impreziosire un territorio, lo ingessano magari chiudendo gli occhi su fenomeni come quello delle discariche abusive. Le aree fluviali sono oggi molto apprezzate e ricercate dalle famiglie, particolarmente in questa stagione della nostra storia dove il distanziamento sociale e il contenimento della diffusione del Covid suggeriscono di fruire di quegli spazi verdi. Il Parco dovrebbe essere in grado di offrirci un territorio non tanto immobile e abbandonato quanto, invece, pulito, organizzato e godibile: questo il Parco Montemarcello-Magra-vara
purtroppo non lo fa. Chiedo dunque al Parco Montemarcello-Magra-Vara di uscire da questa sorta di “letargo” operativo e coordinare immediatamente interventi di pulizia e ripristino nelle aree che sono state segnalate: può infatti agire in somma urgenza e ottemperare finalmente al proprio ruolo di soggetto preposto alla conservazione attiva e positiva del nostro fiume. Diversamente continueremo a non comprendere quale utilità concreta possa continuare ad avere e ancor meno quale motivo plausibile possa giustificarne la trasformazione in un parco nazionale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News