Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Maggio - ore 21.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Piazza Martiri, il Pci: "Ponzanelli complice a causa della sua inerzia"

Piazza Martiri, il Pci: "Ponzanelli complice a causa della sua inerzia"

Sarzana - Val di Magra - "A quasi un anno dall’insediamento dell’amministrazione Ponzanelli ancora ci chiediamo in cosa consiste il reale cambiamento da loro tanto decantato in campagna elettorale. La pratica di Piazza Martiri, prima grande occasione per la giunta di poter dimostrare una reale rottura con la precedente amministrazione, ha fatto cadere la maschera ipocrita di un’alternativa che non è mai esistita, se non in peggio". Lo afferma in una nota la sezione sarzanese del Partito comunista italiano.

"Infatti, dopo che il capogruppo Lega Iacopi ha richiesto un parere ad una nota amministrativista, detto parere è rimasto chiuso in un cassetto per mesi. Probabilmente ciò che veniva spiegato nel parere legale non era di gradimento all’amministrazione nonostante l’avvocato Sommovigo ammettesse la possibilità di impugnare le delibere della giunta Cavarra che avevano approvato i progetti di Piazza Martiri. Questo - proseguono da Pci - a fronte di una palese violazione delle norme urbanistiche comunali, nazionali e sugli appalti per aver concesso una parte di piazza pubblica ad un privato senza una gara d’appalto. L’amministrazione odierna avrebbe potuto agilmente bloccare i lavori, ancora in fase iniziale, con costi molto meno elevati anzi che costringere un gruppo di cittadini ad un ricorso al Tar con le relative spese che implica. Le sconsiderate delibere dell’amministrazione precedente sono paragonabili all’inerzia dell’attuale che ha portato a compimento il progetto di Cavarra diventandone di fatto complice".

Il Partito comunista italiano auspica che il ricorso al Tar venga accolto "sia per evitare si deturpi il centro città con un’ulteriore opera inutile, sia per tutelare i cittadini sarzanesi che rischiano di trovarsi di fronte ad un “mostro” edilizio o ad un possibile danno erariale che graverà sulle loro spalle; vittime di scelte scellerate di palazzo. Qualsiasi sia l’esito del Tar, auspichiamo che i responsabili, sia attuali che precedenti, di questo ennesimo scempio ai danni della comunità sarzanese, si assumeranno le proprie responsabilità politiche nei confronti dei cittadini", concludono i comunisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News