Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 05 Agosto - ore 13.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Officina rossa: "C'è chi porta avanti fascismo, anche tra i banchi delle istituzioni"

Officina rossa: "C'è chi porta avanti fascismo, anche tra i banchi delle istituzioni"

Sarzana - Val di Magra - "Circa le polemiche sul post condiviso nelle scorse ore dal comune di Luni sulla propria pagina facebook a riguardo la storica Pastasciuttata antifascista del 25 luglio, come Officina Rossa - spazio popolare condanniamo i tanti, troppi commenti di denigrazione verso l'iniziativa stessa e l'operato del Comune. Le critiche che si muovono all'Istituzione è di prendere parte, secondo certi utenti che hanno animato il post, ad una diaspora, stile calcistico, tra due ideologie: fascismo e antifascismo". Così in una nota l'Officina rossa di Ortonovo.
"La questione centrale è chiara: il rigetto dell'antifascismo come valore fondante del nostro ordinamento e della Costituzione italiana, quel patto sociale che sancisce il nostro vivere civile. Lo abbiamo ribadito più volte e ancora lo faremo: coloro che ambiscono ad amministrare la cosa pubblica e tutti i cittadini italiani non possono non essere antifascisti. È grazie alla lotta partigiana, con la sconfitta e la liberazione del paese dal giogo fascista, che certe persone possono votare e scegliere di farsi rappresentare da individui altrettanto discutibili, vomitando intanto sentenze sui social".

"Il fascismo non è finito con la morte di Mussolini, - continuano - ma è ancora radicato nella nostra società: una certa politica di sopraffazione sociale-finanziaria dei più deboli, di odio razziale e una cultura dell'odio generico. C'è chi tra i banchi delle istituzioni e chi fuori, chi palesemente e chi sottotraccia, se ne fa carico e ne porta avanti i valori. Gli stessi valori condannati sia dalla Costituzione che dalla legge italiana. La scusa dell'ignoranza non è sufficiente per "giustificare" certi atteggiamenti, ma ne è un'aggravante. Vale lo stesso per certi "studiosi" che col loro lavoro hanno l'unico scopo di riscrivere la Storia a loro piacimento.
Apprezzando, segnaliamo un post successivo del sindaco il quale rimarca il carattere antifascista dell'istituzione e del comune di Luni, tanto più essendo parte integrante, come suo membro, dell’Assemblea dei Soci del Museo Audiovisivo della Resistenza ed è quindi tenuto a promuoverne le attività. Per concludere rimarchiamo ancora una volta il nostro impegno quotidiano antifascista, sia istituzionale che sui nostri territori, condannando fortemente ogni forma di fascismo di ieri, di oggi o di domani".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News