Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Settembre - ore 18.42

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
55,26%
40,04%
2,29%
0,96%
0,50%
0,33%
0,20%
0,20%
0,15%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 21/09/2020 20:52:45 Sezioni 855 di 1795

Mione: "Lei farebbe affogare i migranti". Rampi: "Mi tufferei per salvarli"

Scontro tra il capogruppo d'opposizione e il presidente del consiglio comunale. La scintilla? Il dibattito su Marinella.

"Superata soglia penale"
Mione: "Lei farebbe affogare i migranti". Rampi: "Mi tufferei per salvarli"

Sarzana - Val di Magra - Nel fluviale dibattito sulla mozione dell'opposizione finalizzata alla revoca del bando dell'assegnazione delle spiagge libere – iniziativa politica bocciata dalla maggioranza – si è inserito un vivace scambio tra il presidente del consiglio comunale, Carlo Rampi, e il capogruppo di 'Sarzana per Sarzana', Paolo Mione. Questi nel suo primo intervento ha delineato un quadro negativo di Marinella, accusando l'amministrazione di non aver migliorato le cose, anzi. “Avete detto riportiamo la legalità, mandiamo via gli extracomunitari: ci sono sempre, dalla mattina alla sera e dalla sera alla mattina. Non avete fatto nulla contro il degrado di Marinella. La sera sembra una via di Amsterdam, di quelle dove ci si prostituisce”, ha affermato Mione in uno dei passaggi del suo articolato J'accuse, imperniato sulla vicenda del bando (“Se tutto andava bene perché avete fatto dimettere Iacopi, la cui moglie è nella società assegnataria, buttandolo via come un clinex?”, ha incalzato). Le parole su extracomunitari e prostituzione hanno offerto una sponda a Rampi, che in apertura del suo primo intervento ha ripreso le “recenti e condivisibili parole del presidente della Campania, il Pd De Luca, che ha fatto sue le tesi di Meloni e Salvini, parlando dei problemi rappresentati dagli extracomunitari e del tema della sicurezza. E sento che qualcosa di simile ha detto nel suo intervento il consigliere Mione, che improvvisamente ha toccato questi aspetti”. Una valutazione, quella dell'esponente di Fratelli d'Italia, che all'ex presidente del consiglio comunale non è piaciuta.

“Fra me e lei – ha detto Mione a Rampi – c'è una grande differenza. Io ritengo che gli extracomunitari debbano rispettare le regole, lei li farebbe affogare in mare e vorrebbe vedere andar giù i barconi, non faccia il furbo”. Chiusa così? Macché: “Non le consento di dire cosa farei io con gli extracomunitari, non glielo permetto – ha tuonato Rampi -. Io sono cristiano e non auguro né auspico la morte di nessuno. Sono un pessimo nuotatore ma se qualcuno stesse per affogare mi tufferei a salvarlo. Lei dice che devono rispettare le leggi? Sono sulla stessa posizione, ma c'è una legge che dice come si entra nel Paese, ci sono norme che regolano i flussi che non sono un accessorio ma uno strumento di difesa della sovranità nazionale. Chi entra clandestinamente giammai deve annegare, però deve essere rimandato da dove proviene. Continuare a lasciare aperte e addirittura incentivare le vie marittime per l'accesso illegale è causa di disastri. Non si permetta di dire cosa farei io, questo supera la soglia della decenza e della penale rilevanza”. Ultimo colpo di racchetta per Mione: “Siamo alle minacce penali, vuol dire che la politica è allo stremo. Penso anche io che Rampi non affogherebbe nessuno, ma credo anche che la filosofia politica che segue non dia alternative. Se respingiamo, probabilmente affogano. Un po' come quando i nazisti uccidevano gli ebrei: probabilmente nessun tedesco voleva uccidere, però succedeva. Io credo nell'accoglienza, nel far entrare chi ha bisogno, nell'accogliere chi si comporta bene”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News