Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Luglio - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'ex capogruppo Stelitano: "Manca condivisione, voterò in libertà"

Il consigliere santostefanese in rotta col sindaco Paola Sisti.

Frizioni interne
L'ex capogruppo Stelitano: "Manca condivisione, voterò in libertà"

Sarzana - Val di Magra - "A seguito del consiglio del 25 giugno, preme ribadire le motivazioni che mi hanno indotto all’astensione sull’Odg presentato dal conigliere di minoranza Paola Lazzoni". Si apre così la nota diffusa dal consigliere Pd Salvatore Stelitano, ex capogruppo di maggioranza a Santo Stefano Magra. "Come ho avuto modo di specificare - prosegue - la mia astensione è determinata dalla carenza di condivisione politica del gruppo di maggioranza posto che l’Odg depositato, nel merito non poneva grandi difficoltà. Tuttavia non posso non rilevare che si è arrivati in consiglio in assenza di un percorso politico di maggioranza, che accompagnasse i consiglieri al voto, nonostante l’Odg poteva dare adito ad attacchi strumentali che in minima parte ci sono stati da parte della minoranza".

"Il fatto poi che la maggioranza convocata con poche ore di anticipo - prosegue -, antecedente alla richiesta del consiglio straordinario, sia andata deserta, non può né dovrebbe confortare il sindaco Paola Sisti (anzi!) tanto da giustificarsi di aver fatto “il compito” al limite della “quasi sufficienza“, dato che il tempo per farne un’altra vi era eccome. In sintesi, noto che l’auspicio di condivisione reale espresso al momento delle mie dimissioni e quelle di altri consiglieri, è rimasto inascoltato, tanto da causare sentimento di imbarazzo a questo consigliere.
Considerato poi che anche sul Biodigestore è stata richiesta per iscritto la convocazione di una maggioranza ad hoc, a seguito della conferenza Acam/Sindaci, di cui ad oggi non si ha contezza e che in compenso si presenta alle consulte un bilancio di previsione senza nemmeno invitare i consiglieri, non vi è nulla di cui gaudire! Quasi che i consiglieri disturbino il conducenti! Percorso di condivisione che era stato richiesto anche in seno al Partito Democratico e per la quale il Sindaco si era preso un impegno a procedere in tal senso, ma che a mio avviso sta disertando".

"Del resto - conclude il consigliere - non posso non considerare che di fatto il 25 giugno per la prima volta dal nostro insediamento, tutti i consiglieri di maggioranza, in assenza di una “linea programmatica” condivisa, hanno votato tutti secondo “libero arbitrio”. Pertanto, considerato che si è sdoganato un metodo, continuerò in difetto di un netto e concreto cambio di rotta, a votare secondo libero convincimento e coscienza, avendo quale faro conduttore della mia azione politica, l’interesse primario dei cittadini ciò, fino alla fine del percorso iniziato il 5 giugno 2016".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News