Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Febbraio - ore 12.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Eretta risponde a Michelucci: "Rianimazione non sarà chiusa. Evitare polemiche inutili"

Eretta risponde a Michelucci: "Rianimazione non sarà chiusa. Evitare polemiche inutili"

Sarzana - Val di Magra - “Il sistema ospedaliero italiano ha alcuni problemi strutturali che si trascinano ormai da decenni e non sono assolutamente risolvibili con provvedimenti locali o regionali. Mi riferisco alla mancanza di figure professionali come anestesisti, chirurghi, personale del pronto soccorso, causata dalla scarsa efficienza e complementarietà dei percorsi di specializzazione post laurea". Così il vice sindaco di Sarzana Costantino Eretta, assessore comunale alla Sanità, risponde alla nota diffusa dal consigliere regionale Juri Michelucci.
"Secondo una stima dell’Anaao, il sindacato dei medici dirigenti - continua Eretta -, nel 2028 per effetto dei pensionamenti usciranno dal circuito oltre 47mila specialisti. Si tratta di un dato naturale se visto nell’ottica dell’inevitabile ricambio generazionale, ma molto preoccupante se pensiamo che già adesso i nuovi ingressi non bastano a colmare i vuoti lasciati. Infatti quest’anno l’offerta è stata di 6.200 borse di studio, nonostante il fabbisogno nazionale calcolato dalle Regioni per garantire la piena operatività del sistema sanitario sia stato di 8.569 nuove unità. Inoltre, alcune specializzazioni non riscuotono più l’interesse dei neolaureati, perché comportano un alto rischio professionale: mi riferisco in particolare all’anestesia e alla chirurgia generale. Per quest’ultima, nel 2018, lo Stato ha stanziato 365 borse di studio, e appena 90 neolaureati in tutta Italia hanno puntato a chirurgia generale come prima scelta.
Quando si parla di ospedale sotto organico e reparti in difficoltà bisogna sempre guardare al quadro generale nel quale certi fenomeni si iscrivono, ed evitare le facili semplificazioni utili per la polemica politica ma completamente inutili per mettere in piedi una discussione seria. Riguardo al reparto di rianimazione del San Bartolomeo posso assicurare che non verrà chiuso. Risposte veramente pervasive possono arrivare solo da Roma. Al riguardo lasciamo lavorare il nuovo Ministro, il suo staff e la maggioranza di Governo. Credo che la rotta possa essere invertita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News