Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 22 Aprile - ore 20.33

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Elezioni Arcola, Pd spaccato sul nome di Monica Paganini

L'Unione comunale dei Dem cerca l'accordo con la sinistra sulla candidatura della ex dirigente Salt. Ma il circolo del Ponte dice no: "Servono le primarie. Iscritti pronti a restituire la tessera".

Oggi il summit

Sarzana - Val di Magra - Centrosinistra arcolano alle ultime curve verso l'unità. Ma sono curve difficili, visto che un pezzo del tessuto Dem ha deciso al momento di 'strappare'. I fatti: l'altro giorno nell'Unione comunale Pd guidata dal segretario Carlo Canese è passato un documento che dà l'ok alla candidatura a sindaco del già dirigente Salt Monica Paganini, nome espresso dai socialisti sul quale i Dem pensano possa convergere che la gauche. Ma... c'è un ma. Al voto sulla Paganini non hanno partecipato i rappresentanti del circolo Pd del Ponte di Arcola – il più corposo, avendo una settantina di iscritti – in aperto dissenso con la linea generale del partito, in quanto avevano chiesto – e ancora chiedono – che si passi dalle primarie. Una questione prima di tutto di metodo per il circolo, che in buona parte sospinge la corsa dell'attuale assessore Gianluca Tinfena, recentemente caldeggiato da un segmento della società civile arcolana. Stasera il Pd incontrerà la sinistra – il cui candidato è Mirco Rossini – per vedere se sarà possibile trovare nella Paganini la classica quadra del cerchio.

Il circolo del Ponte, che non vedrà alcun suo alfiere intervenire al summit odierno, interviene in queste caldissime ore con un comunicato. “Monica Paganini, ex dirigente Salt e attualmente imprenditrice agricola, è il candidato che spacca in due il Partito democratico. Occorre un dialogo diretto, aperto, schietto e leale con i cittadini che hanno bisogno di scegliere ed essere partecipi. Così cresce e vince un partito, parlando direttamente e lealmente alla gente in un modo nuovo che oggi nessuno pratica. No a accordi e spartizioni a priori nelle segrete stanze”, si legge nella nota diramata dal direttivo.

“La presa di posizione netta e chiara del circolo Pd di Arcola – si legge ancora - emerge da considerazioni che hanno portato il segretario dell'Unione Comunale a non tenere in alcuna considerazione la nostra reiterata richiesta di un mese fa di scegliere il candidato a sindaco del centrosinistra con il metodo delle primarie, preferendo calare un nome dall'alto senza alcun tipo di condivisione con il circolo più numeroso in termini di iscritti del Comune di Arcola e rinunciando all'idea del Pd come perno di una larga alleanza di centrosinistra, che di fatto perderà sicuramente anche una parte della possibile coalizione che ha appoggiato l'amministrazione uscente e altri partiti. Inoltre in modo alquanto discutibile e poco trasparente, fatto di incontri nascosti tra pochi, il segretario dell'Unione Comunale e una parte del partito ha ceduto ai veti e alle imposizioni di alcune forze di sinistra sacrificando ogni tipo di candidato espressione del Partito Democratico, dimostrando un segnale di grande debolezza nei confronti della maggior parte degli iscritti e prendendosi la responsabilità di spaccare di fatto in due il Pd arcolano”.

Il Direttivo segnala inoltre che “62 degli iscritti hanno presentato un documento di richiesta delle primarie come strumento di scelta del candidato a sindaco e molti dei quali sono preoccupati della scelta calata dall'alto e pronti a riconsegnare la tessera del Partito Democratico perché si sentono traditi e defraudati della possibilità di scelta democratica.
Detto questo a maggioranza del direttivo del Pd di Arcola esprimiamo la nostra contrarietà alla proposta di candidatura calata dall'alto di Monica Paganini, non per motivi personali, ma perchè fermamente convinti che i principi democratici vengano prima di metodi propri della vecchia politica che allontana sempre più i cittadini dalla partecipazione attiva”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News