Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Giugno - ore 21.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore, sanità e acqua, le risposte dei candidati di Arcola

Partecipato confronto ieri pomeriggio al Ponte tra Monica Paganini, Alessio Binetti e Maurizio Gatti.

"La raffineria se ne deve andare"

Sarzana - Val di Magra - Sanità, servizio idrico, biodigestore. Questi i grandi temi sui quali sono stati interrogati ieri in Piazza 2 giugno i tre candidati a sindaco del Comune di Arcola: Monica Paganini (centrosinistra), Alessio Binetti (civico), Maurizio Gatti (centrodestra). Il confronto pubblico, organizzato da Cittadinanza Attiva e Sos Sanità, ha richiamato oltre centoventi persone che hanno seguito il tutto con attenzione a una manciata di giorni dalla tornata elettorale del 26 maggio, che deciderà quale sarà il governo del terzo comune della provincia per popolazione.

Sulla sanità, la Paganini ha messo in guardia circa la “deriva privatistica innescata dalla Regione e confermata dalla concessione a privati di tre ospedale del Ponente. Siamo quindi preoccupati in quest'ottica anche per il Levante, dove il nuovo ospedale è fermo e il San Bartolomeo è sempre più debole. Se sarò primo cittadino mi impegnerò in conferenza dei sindaci a tutela della sanità pubblica”. Gatti, come facendosi latore del governo regionale, ha assicurato che “il nuovo ospedale si farà, ci sono i fondi e sono stati superati i problemi progettuali. A breve dovrebbero ripartire i lavori. Il San Bartolomeo è destinato ad essere un ospedale di eccellenza. Il Sant'Andrea? È un nosocomio dell'Ottocento, non è più attuale. Le privatizzazioni? A Cairo Montenotte l'ospedale è stato dato al privato altrimenti avrebbe chiuso”. Binetti dal canto suo ha rilevato “la necessità di gestire le emergenze del territorio arcolano e di creare un polo a tale scopo, con la collaborazione dei medici di medicina generale. L'ospedale nuovo è necessario, ma non è una materia sulla quale come sindaci potremmo molto incidere”.

Sul fronte servizio idrico Binetti si è rammaricato per il rispetto a targhe alterne del referendum sull'acqua pubblica e ha promesso, in caso di elezione, massima attenzione sulla solerzia di Acam-Iren nel realizzare gli interventi sulle condotte. “E non dimentichiamo - ha aggiunto - il problema dei pozzi inquinati dagli idrocarburi a valle del pescaggio della rete idrica. C'è gente che non può farsi un orto, un giardino”. Gatti ha affermato che “se si è arrivati all'aggregazione di Acam con Iren è perché Acam è stata di fatto portata al fallimento dalla sua cattiva gestione. Anche da parte mia l'impegno a verificare che i lavori della multiutility vengano svolti con puntualità”. La Paganini ha osservato che “seppure in misura minore rispetto al passato, il pubblico è ancora azionista di maggioranza in Acam Iren e a livello 'macro' può farsi sentire. A livello 'micro' invece mi adopererò per scongiurare la privatizzazione del servizio: Acam si è presa l'impegno con l'ambito territoriale spezzino, di cui Arcola fa parte, di gestire l'acqua in house fino al 2033. Per il dopo c'è il concreto rischio privatizzazione, una prospettiva contro la quale occorre attivarsi fin da subito come amministrazione e come comunità”.

Capitolo biodigestore. “Come scritto nel nostro programma – così Gatti - siamo contrari al biodigestore e a nuove discariche nel nostro territorio. In ogni caso a Boscalino non si farà mai, non ci sono spazi. Si parla invece di Saliceti... ma se pensiamo a Saliceti dobbiamo risalire a quando è stato fatto il primo impianto di trattamento rifiuti. Allora governava il centrosinistra, lo stesso centrosinistra che ha riempito di container Santo Stefano causando un aumento di traffico pesante sulle nostre strade”. Paganini non si è detta così tranquilla sul fronte Boscalino: “Si parla di Saliceti, eppure Boscalino nel Piano rifiuti c'è. In ogni caso è netto il nostro no all'impianto. Occorre pensare a uno smaltimento dei rifiuti a chilometro zero”. Binetti, prendendo le mosse dalla digressione di Gatti, critico sulla gestione ambientale operata dal centrosinistra in passato, ha osservato tuttavia come “lo scorso agosto il Piano rifiuti in Provincia sia passato col voto del centrodestra”, per poi rilanciare: “No al digestore anaerobico. La soluzione, meno costosa e impattante, è la digestione aerobica, limitata ai soli rifiuti organici della provincia”. In materia ambientale il candidato Gatti ha inoltre affermato che “la raffineria deve andare via dalla zona industriale di Arcola. Ci sono grossi problemi di contenimento del materiale oleoso, credo ci siano sversamenti continui nel sottosuolo. L'area 'Metalli e derivati'? Chi amministrava in passato ha fatto come a Chernobyl, mettendo una soletta di cemento sopra una discarica... un vero disastro ecologico”.

Infine, dopo un acceso passaggio sul Parco dal pubblico è stato lanciato il tema scuola. “I plessi arcolani sono in condizioni pessime e in questi anni molto bambini sono stati iscritti nei comuni limitrofi. La risoluzione del problema è a monte, dobbiamo offrire scuole agibili e attrattive”, ha dichiarato Binetti. Gatti si è detto “a conoscenza dei problemi delle scuole di Romito e Ressora, quest'ultima inserita nel piano di dismissione del Comune e non più a norma”, valutazione quest'ultima che ha innescato un battibecco con un genitore, di diverso avviso. “La nostra posizione – ha concluso Paganini – è netta: lavorare per garantire e mantenere i plessi dove sono. Chiudere le scuole crea problemi alle comunità. Se sarò sindaco proporrò a dirigente scolastico e provveditore di ampliare l'offerta formativa per attrarre alunni dai comuni vicini. E ampliare l'offerta significa anche istituire un tempo pieno, magari alternato tra Romito e Ressora”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News