Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Gennaio - ore 16.06

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore, Bufano (Pd): "Totiani favorevoli, il resto della destra invece tace"

L'esponente sarzanese del Partito democratico: "Sono forse imbarazzati perché in disaccordo col presidente?".

Ok dalla conferenza dei servizi

Sarzana - Val di Magra - Sul biodigestore di Saliceti la Destra regionale e locale è schizofrenica.
Non ha mosso un dito quando le associazioni ambientaliste, sulla base di autorevoli pareri tecnici, ne hanno evidenziato la nocività, né quando i sindaci interessati - a nome delle loro intere comunità - hanno manifestato la loro contrarietà, né quando i cittadini sono scesi massicciamente in piazza.
Ieri è stato addirittura il Ministro dell'Ambiente ad intervenire per sollevare pesanti dubbi e per chiedere di sospendere le procedure di approvazione (come gli era consentito fare, lo ha chiarito bene il più autorevole giurista ambientale che abbiamo dalle nostre parti...).
Ci saremmo aspettati  - di fronte alla circostanza che la diversità di vedute investe la maggiore autorità istituzionale del Paese in campo ambientale - che una risposta provenisse dal presidente Toti o - coralmente - da tutte le forze politiche che lo sostengono (Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Liguria Popolare).
Invece - sorprendentemente - da quattro su cinque dei partiti della destra che governa la Liguria - un silenzio assordante, sia a livello regionale che a livello locale.
È intervenuto solo il gruppo consiliare regionale di Cambiamo (il partitino personale di Toti) per ribadire a Sansa che il biodigestore si farà, senza se e senza ma, giacché rappresenta il frutto di un inarrestabile progresso dell'umanità che i nostalgici della preistoria (sindaci, ambientalisti, comitati, cittadini e ora anche quel 'cavernicolo' del Ministro) vorrebbero ostacolare.
Ma da Leghisti, Meloniani, Forzisti e da ciò che resta di Liguria Popolare non è arrivata neppure una parola a difesa del biodigestore di Saliceti e della forzatura di Toti.
E del resto la senatrice Pucciarelli e l'on. Viviani hanno da tempo manifestato seri dubbi sull'operazione, così come Costa e Ponzanelli di Liguria Popolare e Cenerini di Forza Italia, anche se nessuno di loro ne ha mai fatto seguire iniziative concrete di contrasto al progetto. Solo Fratelli d'Italia ha sempre taciuto imbarazzata, e continua a farlo.
Oggi Regione e Provincia, entrambe a guida totiana, in conferenza dei servizi hanno dato il via libera al progetto del biodigestore di Saliceti, sprezzanti dell'opinione dei sindaci e delle comunità interessate e della richiesta del Ministro dell'Ambiente di sospendere l'iter della pratica.
Ma allora è lecito chiedersi: perché - di fronte alla discesa in campo del Governo - hanno parlato e hanno assunto decisioni soltanto i Totiani di stretta osservanza?
E perché gli altri (Leghisti, 'Costiani', Forzisti) ancora non si sono pronunciati? Sono imbarazzati perché continuano ad essere in disaccordo con Toti sull'argomento o perché hanno piegato la testa di fronte al superpresidente e si vergognano di ammetterlo?
                               
Paolo Bufano, esponente Pd Sarzana

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News