Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre - ore 20.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Destri (Italia Viva): "Forze di opposizione devono far emerge malcontento dei sarzanesi"

Destri (Italia Viva): "Forze di opposizione devono far emerge malcontento dei sarzanesi"

Sarzana - Val di Magra - “Il risultato avuto a livello regionale è stato al di sotto delle nostre aspettative ma ciò che abbiamo ottenuto a Sarzana ci soddisfa ampiamente considerando che era eravamo al primo confronto elettorale e le condizioni date non erano delle ottimali. Partiamo da un 5% che ci permette di guardare con ottimismo al futuro in vista di Sarzana 2023 e dal buon risultato personale del nostro candidato consigliere Michelucci”. Così Giovanni Destri, coordinatore sarzanaese di Italia Viva, che prosegue: “D’altro canto il centrodestra nonostante gli 800 voti in più delle amministrative 2018 , non ha sfondato e non raggiunge il 50% pur avendo messo in campo i due titolari di assessorati importanti come sociale/sanità e commercio, segno palese che dopo metà legislatura di governo c’e un giudizio dei cittadini sarzanesi non positivo”.

Avverte dello scetticismo riguardo l'operato dell'Amministrazione?
“Ci sono sicuramente aspetti negativi che balzano agli occhi: c'è una crisi del commercio locale che non ha precedenti, certo in parte dovuta a condizioni generali, ma di fronte alla quale non c’e stata alcuna iniziativa di sostegno da parte dell’amministrazione, risposte pressoché nulle a tutte quelle attività che ora rischiano di chiudere, entro la fine dell’anno se ne prevede la chiusura di una ventina. Di fatto ora si commissaria l’assessorato e si tenta tardivamente la costituire un tavolo.
Nel sociale fiore all’occhiello da sempre delle Amministrazioni sarzanesi, negativa e confusa gestione dei presidi più importanti (vedi casa riposo e centri sociali), peggioramento dei servizi e taglio della gara del 50% sul supporto educativo nelle scuole e sulla domiciliare con il rischio che vengono lasciate soli i ragazzi più fragili e gli anziani piu bisognosi, nulle le iniziative che in qualche modo blocchino la fine del San Bartolomeo. Evidente che c’e in atto nella città una forte disgregazione sociale, crisi economica, sociale, attacco alle aggregazioni sociali periferiche, il cittadino perde ogni punto di riferimento. Vi e’ in sostanza da chi governa una sorta di accanimento terapeutico, ritenendo tutto sbagliato quello trovato, e da chi si oppone una ribellione ma contenuta, confusa , fatta di singola iniziativa e che non riesce ad incanalarsi in una protesta e proposta collettiva”.

In tal senso l'opposizione sta provando a dare segnali di unità
“E' il momento che le forze politiche di opposizione provino decisamente a far emergere e raccogliere questo malcontento trasformandolo in proposte alternative e valide se vogliono provare tra tre anni a tornare al governo di Sarzana. Penso che ci siano molti cittadini che guardano ancora con speranza e fiducia che questo avvenga. Italia Viva non solo a disposizione per un concreto progetto riformista ma vuole proporre a tutte le forze politiche che si riconoscono nel centro sinistra, un tavolo permanente dove si possa discutere e condividere una piattaforma politica e programmatica in vista del 2023. La lodevole iniziativa dei singoli gruppi consiliari appare in questo momento insufficiente se non supportata a dovere dai partiti ed occorre andare oltre. In questi giorni scriverò una lettera al Partito Democratico, perché riteniamo ovviamente indispensabile partire dal confronto e dalla disponibilità del partito di maggioranza, dove ribadirò la necessità della costruzione di quel tavolo da allargarsi successivamente a tutte le forze civiche e riformiste per arrivare ad una alleanza più larga possibile e mi aspetto dal PD una risposta positiva”.

In questo contesto come si pone Italia Viva?
“Cercheremo di rafforzarci sui territori superando limiti organizzativi e palesi difficoltà evidenziate in campagna elettorale, la crescita dal punto di vista delle adesioni è continua tanto che anche in questi giorni abbiamo avuto nuovi iscritti. Sgombro il campo dal fatto che almeno nei nostri ranghi c sia qualche ritorno indietro nel PD , ma con esso massima collaborazione. Siamo una ottima squadra con tanti giovani e donne a Sarzana come in Val di Magra ed in tutta la Provincia, con ancora tanta volontà, ancora tanto entusiasmo e convinzione a continuare a costruire quel progetto riformista che riteniamo sia utile all’Italia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News