Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Agosto - ore 14.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Contributi allo studio per gli universitari, Mazzi: "Annuncio mediatico di Montebello"

Contributi allo studio per gli universitari, Mazzi: "Annuncio mediatico di Montebello"

Sarzana - Val di Magra - Con delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 15/5/2017 è stato approvato il regolamento comunale per l'erogazione di incentivi allo studio per gli studenti universitari. Con successiva determina n. 327 del 22/12/2017 sono stati assegnati questi incentivi allo studio per gli universitari dalla quale emerge un esito assai sorprendente: sono infatti state presentate entro la scadenza prevista solo 9 domande; di queste 9 istanze 7 sono state scartate con la seguente motivazione: 5 perché la certificazione ISEE del nucleo famigliare era superiore alla soglia di € 18.000; 2 perché non in regola con i requisiti di iscrizione e profitto; sono stati quindi ammesse solo 2 domande (di cui una riammessa in quanto pervenuta in ritardo rispetto ai termini) ai quali è stato erogato un contributo rispettivamente di € 250 e di € 300, per una spesa complessiva a carico del bilancio comunale di € 550.

Questo esito “minimale” conferma, purtroppo, la giustezza delle perplessità sollevate dal sottoscritto nel corso del Consiglio Comunale del 15/5/2017, quando era stata criticata questa iniziativa con tre motivazioni:

a) il contributo era una “carotina” (un tipico “bonus” o “captatio benevolentiae”), cioè un classico tentativo di accattivarsi la simpatia degli interessati di turno, elargendo però poche risorse; in pratica solo € 550 rispetto comunque ad uno stanziamento inizialmente previsto assai limitato di bilancio pari a € 3.000;

b) il regolamento era alquanto “pasticciato” perché mentre il contributo erogato aveva lo scopo di alleviare le spese sostenute dagli studenti (trasporti, vitto, alloggio, libri, ecc.), i criteri di attribuzione erano confusi e contrastanti: con la previsione di requisiti di iscrizione, di profitto, di regolarità negli studi, nonché quelli di carattere economico (un ISEE non superiore ai € 18.000) e l’assenza di altri sussidi;

c) la delibera prevedeva poi una eccessiva “burocraticità”: il richiedente doveva presentare una domanda con documentazione varia (dichiarazione sostitutiva, copia del piano di studi, fotocopia del libretto universitario, certificazione ISEE del nucleo familiare); mentre il Comune doveva predisporre un bando, una commissione aggiudicatrice, un atto di esito e la possibilità di ricorso.

Le poche domande pervenute (solo 9) e l’esito finale (7 scartate e solo 2 ammesse al contributo) evidenziano quanto fosse impostata male questa delibera, rendendo evidente come nell’iniziativa della Giunta Montebello fosse prevalente l’aspetto “di annuncio mediatico”, cioè l’aver propagandato sulla stampa la costituzione di “un tesoretto per sostenere gli universitari. Si parte con 300 euro all’anno fino a un totale di 1.300 euro”, ma evidentemente questo “tesoretto” … è nei fatti solo una “paghetta”.

Tenuto conto che le variegate forme di sostegno (sussidi, borse di studio, rimborso spese, ecc.) agli universitari non rientrano tra le competenze proprie del Comune e che non vi sono obblighi da rispettare previsti da normative statali o regionali; prevedere l’erogazione di un contributo da parte del Comune poteva aver senso solo come rimborso forfettario rispetto alle spese che ogni universitario del nostro Comune sostiene per la frequenza in zone distanti dalla propria residenza, ma allora costituiva un evidente controsenso fare riferimento al merito, al piano di studi e all’assenza di altri sussidi. Se si voleva alleviare le spese sostenute da ogni studente per recarsi all’università al massimo potevano essere inseriti parametri variabili di reddito, prevedendo però adeguati stanziamenti di bilancio e non pochi euro perché si sarebbe dovuto far fronte alle esigenze di una platea di utenti assai più ampia.

Il risultato finale di questa iniziativa amministrativa è l’evidente sproporzione tra i roboanti annunci apparsi sulla stampa e sui social con una “minimale” effettiva spesa di € 550 per 2 studenti.

In conclusione, si chiede al Consiglio Comunale di discutere questa mozione e di deliberare un atto di indirizzo su una delle due seguenti ipotesi, impegnando la Giunta Comunale:

a) alla revisione di questo regolamento con eliminazione di criteri contrastanti con le sue finalità di sostegno alle spese, presumendo contributi per una platea di studenti molto più ampia e, conseguentemente, prevedendo maggiori stanziamenti di bilancio;

b) oppure, alla sua eliminazione, in quanto atto amministrativo palesemente ingiustificato se indirizzato solo a due utenti per una materia oltretutto di esclusiva competenza regionale e statale.

Il consigliere comunale Euro Mazzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News