Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 04 Marzo - ore 12.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Consiglio compatto: "No al digestore a Saliceti. E Vezzano parli"

Da Santo Stefano una presa di posizione 'aggiornata' dopo quella di inizio estate e una proposta: "Si prenda in considerazione zona di Santa Caterina a Sarzana".

2.100 firme

Sarzana - Val di Magra - Il consiglio comunale di Santo Stefano di Magra, convocato in via straordinaria su richiesta dei consiglieri di maggioranza Stelitano e Battistini, è tornato a dire unanimemente no al biodigestore di rifiuti organici a Saliceti dopo averlo già fatto a inizio estate. Ma il pronunciamento odierno arriva – cosa non da poco – con un Piano provinciale dei rifiuti già approvato e filato in Regione. Piano che mette nero su bianco, per il digestore, la location di Boscalino ma – visti i problemi di bonifica, spazi, strutture esistenti e viabilità del sito arcolano -, come ripetuto a più riprese oggi in consiglio, “si scrive Boscalino, si legge Saliceti”. Al dibattito, a tratti estenuante, ha preso parte anche il consigliere regionale Francesco Battistini, unico degli invitati politico istituzionali a rispondere presente (gli altri erano la senatrice Pucciarelli, l'assessore regionale Giampedrone, il consigliere regionale Michelucci e il sindaco di Vezzano Abruzzo).

L'ordine del giorno approvato unanimemente a fine seduta, cesellato congiuntamente dai capigruppo, ribadendo la necessità di chiudere il ciclo dei rifiuti e di continuare con la differenziata e rimarcando che l'impianto a Saliceti avrebbe un “pesante impatto territoriale” soprattutto su Santo Stefano – il cui territorio, si evidenzia nel testo, ha già dato a sufficienza -, va infine a esprimere “netta contrarietà alla eventuale collocazione dell'impianto del biodigestore in località Saliceti qualunque sia il tonnellaggio di rifiuti da smaltire”. Precisazione, quella sulla taglia, inserita su spinta del consigliere di centrodestra Ponzanelli. L'odg chiede altresì che il consiglio comunale di Vezzano si esprima sul digestore. Cosa che, dopo tanta attesa, dovrebbe accadere questo venerdì. L'ordine del giorno verrà consegnato a Comune di Vezzano, Provincia e Regione. E faranno rotta verso Genova anche le oltre 2.100 firme raccolte da santostefanesei e vezzanesi - animati dal coordinamento anti impianto - per dire no al digestore a Saliceti, protocollate nelle scorse ore e prese in carico da Palazzo civico. Nell'ordine del giorno non è stato incluso un impegno a reclutare un consulente legale per far compiere un salto di qualità alla battaglia politica: la maggioranza avrebbe voluto inserirlo, ma le opposizioni, trattandosi di un tema lanciato last minute, hanno chiesto di lasciarlo fuori. Ma la proposta c'è ed è destinata a concretizzarsi.

Nel corso del dibattito non sono mancate infine alcune suggestioni. In particolare – questa avanzata dal capogruppo di maggioranza Stelitano – l'allargamento dei confini santostefanesi fino a includere nel territorio comunale "secondo una geografia naturale" quella striscia vezzanese al di qua della Magra, per avere pieno controllo sull'area, che include anche la località Saliceti. Dal consigliere di maggioranza Angelo Zangani, invece, la proposta di valutare un sito terzo per l'impianto. Quale? L'area per le prove dei carrarmati a Sarzana, zona Santa Caterina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News