Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Settembre - ore 21.25

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cavarra: "Sconfitta netta. Sottovalutato il tema della sicurezza"

Il sindaco di Sarzana commenta le politiche: "Elettorato si aspettava risposte più chiare. Non è stato voto territoriale, mia candidatura non è in discussione". Sugli avversari: "Per Giampedrone politica è un trampolino, da De Ranieri poco rispetto".

Cavarra: "Sconfitta netta. Sottovalutato il tema della sicurezza"

Sarzana - Val di Magra - “La mia candidatura non è assolutamente in discussione, c'è già una coalizione con delle liste e altre arriveranno, siamo già al pezzo e stiamo lavorando al programma”. Queste le parole di Alessio Cavarra all'indomani dello spoglio che ha decretato la severa sconfitta alle elezioni politiche per il Pd, non solo a livello nazionale ma anche nella sua Sarzana. “Una sconfitta netta – ammette oggi – sia del Partito Democratico che della sinistra in generale. Non c'è territorio nel quale non abbiamo perso, questo purtroppo è un dato inconfutabile. I motivi di una sconfitta così netta? Sicuramente quello della sicurezza che a livello nazionale abbiamo sottovalutato. Il nostro elettorato si aspettava risposte più chiare e concrete e per quanto Minniti sia stato definito uno dei migliori ministri uscenti, da sindaco posso dire che non c'è stato nessun cambiamento. A parte il grande impegno per bloccare i flussi migratori nulla è stato fatto per contrastare i fenomeni già esistenti”.

Un problema che il primo cittadino analizza a livello locale: “Ogni giorno ricevo o incontro persone che mi dicono che di notte non dormono per timore dei furti – sottolinea – purtroppo su questo fronte è stato fatto poco. In questi anni ho scritto diverse lettere ai Prefetti che si sono succeduti ma se non si danno più poteri ai sindaci non si possono cambiare le cose, così come se non si mettono a disposizione più forze dell'ordine. È inutile – puntualizza – fare ordinanze se poi non riusciamo a farle rispettare. Maggior videosorveglianza? Si e ci stiamo lavorando, ma per rispondere a tutte le esigenze dovremmo fare il “Grande fratello” e non è possibile, ci vogliono regole più chiare. In passato quando ho sollevato queste questioni qualcuno mi ha dato dello “sceriffo” ma la realtà è questa e abbiamo sottovalutato la sensazione di insicurezza della gente. Questo non è un tema “di destra” o “di sinistra” ma accomuna tutte le forze politiche”.

Tornando a cifre e percentuali che anche qui hanno decretato la sonora sconfitta del Pd – come in ogni altro comune della Val di Magra – Cavarra osserva: “Credo che questo sia stato un voto politico e non locale, il dato deve farci riflettere ma per quanto Sarzana non sia il paese dei balocchi credo che ci siano tutte le condizioni perché possa essere portato avanti il percorso iniziato quasi cinque anni fa. Indubbiamente quello di ieri è un campanello d'allarme ma conosco molta gente che ha voluto dare un segnale al nazionale votando Movimento 5 Stelle ma che alle amministrative voterà convintamente per noi”.

Sul suo presunto 'disimpegno' dalla campagna elettorale a sostegno di Caleo e Michelucci invece puntualizza: “Ho volutamente tenuto un profilo basso perché avevo deciso di non scegliere altre strade perché la mia città in questo momento ha bisogno di una guida e perché stiamo concludendo cose che necessitano di tempo e dedizione. Sostenere una campagna elettorale avrebbe significato chiudere il mio ufficio per un mese e mezzo, un tempo nel quale mi sono occupato della questione di Marinella, delle scuole e di tutte le altre cose che hanno riguardato la città. Per rispetto del mio ruolo e dei cittadini ho preferito dedicarmi alle esigenze di Sarzana e questo sarà il mio impegno fino alla fine del mio mandato perché questo è il mio concetto di politica”.

Nell'analisi post voto non poteva mancare anche un riferimento all'avversario del centrodestra Giacomo Giampedrone che ieri aveva parlato chiaramente di Sarzana come ultimo obiettivo da “conquistare” per completare il percorso politico della coalizione arancione. “Non so cosa possano aspettarsi i sarzanesi da chi concepisce la politica esclusivamente come un trampolino di lancio e un'occupazione di potere. Abbiamo due modi di far politica diversi: il centrodestra senza colpo ferire ha l'obiettivo di occupare postazioni per fini di potere, il sottoscritto non segue interessi personali. Io amo questa città come la ama chi ci vive, voglio continuare a svolgere questo compito per il bene di Sarzana. Non ho mai visto – aggiunge – un sindaco come De Ranieri che si mette a fare campagna su un altro comune, io non mi permetterei mai e la trovo una mancanza di rispetto istituzionale. Potrei dire tanto su di lui, su quello che fa o non fa o che delega alla Regione ma non mi interessa e non lo trovo giusto istituzionalmente. È una mancanza di rispetto fra colleghi, la mia sarà una campagna elettorale sui temi”.

Infine sulla situazione del Pd a livello provinciale: “Ribadisco che quello di domenica non è stato un voto territoriale quindi chi governa il partito spezzino non può essere messo in discussione. Chiaramente – osserva – dobbiamo cercare di capire come fare, forse c'è necessità di una riorganizzazione più capillare come era un tempo. Non si governano i partiti dai vertici e bisogna ritornare nelle periferie e nei circoli condividendo maggiormente i temi locali con le sezioni. Anche a livello regionale si deve organizzare una segreteria perché non c'è tempo da perdere e le amministrative sono alle porte. Rimettiamo in moto un'organizzazione del partito – conclude – che permetta al Pd di tornare di più nel territorio e dialogare maggiormente. Se lo avessimo fatto prima e se i sindaci fossero stati ascoltati di più non saremmo arrivati a questo punto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News