Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Giugno - ore 21.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Capetta vice sindaco, è scontro tra Zangani e Sisti

Capetta vice sindaco, è scontro tra Zangani e Sisti

Sarzana - Val di Magra - A Santo Stefano prosegue il difficile rapporto tra il consigliere di maggioranza Angelo Zangani (Psi) e il sindaco Pd Paola Sisti. “Sono venuto occasionalmente a conoscenza della nomina a vice sindaco dell'assessore Capetta – scrive Zangani in una lettera aperta -, nomina successiva alla riunione di maggioranza del 23 aprile, nella quale non hai ritenuto necessario e opportuno informare i presenti in merito alla tua decisione. Se interpellato, ti avrei esternato le mie considerazioni in merito alla inopportunità di tale scelta, poiché Capetta non è sicuramente immune da responsabilità, della crisi politico-istituzionale di questa giunta. La crisi del Pd di S. Stefano non può essere fatta ricadere sulle istituzioni e in conseguenza sui cittadini. Credo che non dovresti avere difficoltà a ricomporre la squadra di governo del nostro Comune in considerazione delle indicazioni e scelte che ti furono indicate dall’elettorato, inserendo in giunta i consiglieri più votati del Pd: Chiara Battistini e Salvatore Stelitano. Penso che non sarebbe tollerabile che, dopo il tuo mancato impegno di dedicarti totalmente all’attività amministrativa per la quale ti sei candidata e sei stata eletta, dovessimo anche subire e assistere per inspiegabile decisione, considerate le risorse dei consiglieri del Pc, ad una 'Giunta Zoppa'. Le osservazioni che ho posto all’inizio di questo mandato amministrativo ritengo ancora oggi, siano giuste e ad oggi è possibile constatare che, nonostante lo slogan con cui ti sei caratterizzata - 'Paola Sisti la politica che ascolta', non hai rispettato né l’indicazione dell’elettorato né l’impegno con i partiti che ti hanno sostenuto”. Zangani afferma che “gli impegni che questa amministrazione ha di fronte per i prossimi anni sono importanti, e solo una giunta all’altezza del situazione può e potrà rispondere della politica ambientale,della variante della Cisa di quella al Puc, così come dello studio di una situazione idrogeologica complessiva del Comune” e in merito alla ex Cava della Brina, rivolto alla sindaca, afferma che “il tuo accordo con Ponzanelli ha prodotto l’annullamento della commissione istituita appositamente, ad oggi a distanza di quasi sei mesi non se ne sa più nulla”.

Il primo cittadino replica con una nota dichiarando che Zangani “non venuto occasionalmente a conoscenza della nomina a vice sindaco dell'assessore Capetta perchè l'ho comunicato personalmente alla maggioranza mentre indicevo una riunione con un messaggio scritto. Credo del resto di doverle ricordare che io non ho mai saputo se lei votasse o meno il bilancio perchè non l'ha voluto mai dichiarare in maggioranza, bilancio sul quale poi peraltro si è astenuto inoltre votando contro alle delibere su tariffe e piano finanziario di Acam. Per ciò che riguarda la crisi di questa giunta non mi ritengo responsabile in alcun modo come non ritengo responsabile l'assessore Capetta, né nessun altro assessore che ha scelto di rimanere e sostenere l'attività di questa amministrazione. Nominare il vicesindaco è un obbligo istituzionale, nominare un assessore è un tema politico che il mio partito deve risolvere al suo interno ed io sono in attesa di una decisione in tal senso. Per quanto riguarda la scelta di continuare a lavorare dopo essere stata eletta, le ricordo che mai ho mancato nei confronti dell'ente e dei cittadini dedicando ogni energia possibile a ogni singolo progetto che possa servire a migliorare la qualità della vita nel nostro territorio. Personalmente ho sempre creduto e sempre continuerò a credere che il lavoro sia un bene prezioso grazie al quale si può essere indipendenti nelle scelte e nei percorsi di vita”.

Sisti è convinta che se Zangani “non fosse pieno di pregiudizi riuscirebbe a vedere il grande lavoro fatto da questa amministrazione, di cui dovrebbe essere fiero e contento, considerato che fa parte della maggioranza che la sostiene. I temi che lei pone sono tutti attenzionati e su ognuno di essi sono state date risposte e ancora ne saranno date. Se non fosse chiuso nei suoi pensieri non potrebbe non riconoscere il lavoro svolto sulle scuole, sulla cura del territorio, sulla viabilità, sul dissesto idrogeologico, sulla richiesta e sull'ottenimento di finanziamenti, sui cimiteri, sulle strade e sugli asfalti, sui parchi e sul verde pubblico. Sempre in campo ambientale abbiamo ottenuto due finanziamenti importanti per la messa in sicurezza della ex Sicam e delle terre all'interno della vaccari. Abbiamo attivato lo sportello ambiente e, grazie ad esso, stiamo intervenendo presso tutti i privati che hanno costruzioni in amianto per la sua dismissione o messa in sicurezza. Abbiamo iniziato con Acam la mappatura della rete fognaria e nei prossimi giorni faremo le prime ordinanze di allaccio per chi non è ancora allacciato alla rete pubblica esistente”.

“Per quanto riguarda la Cava della Brina, - conclude sisti - stenderei un velo pietoso. Lei sa benissimo che pochi mesi dopo il mio insediamento la Cava è stata sequestrata dalla Procura e da allora l'amministrazione si è costituita parte lesa all'interno dell'incidente probatorio che è avvenuto poche settimane fa e che ha chiuso in questi giorni le relazioni tecniche dei periti che si discuteranno il prossimo 6 maggio in Tribunale. L'amministrazione sta provando a governare questo tema difficile, di cui io non ho alcuna responsabilità, con il supporto di un legale e di un geologo. Sulla Brina il problema non è la Commissione di Vigilanza ma come riusciremo ad uscire da una situazione complessa per la quale, dal sequestro in poi, nulla è stato lasciato al caso.
In merito alla Variante questa amministrazione sta provando a interagire in modo costruttivo con gli enti sovraordinati. Mi sento responsabile della mancata realizzazione dell'opera, non come sindaco, ma come parte di una classe dirigente che da anni governa questo territorio; la mia responsabilità è però sicuramente minore della sua, che da molti più anni pratica la politica e ha avuto incarichi e responsabilità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News