Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Ottobre - ore 16.27

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Cambiamo Sarzana: "Il Pd crolla e sorride, si faccia qualche domanda"

post-elezioni
Cambiamo Sarzana: "Il Pd crolla e sorride, si faccia qualche domanda"

Sarzana - Val di Magra - "La rilettura della sconfitta da parte del PD sarzanese è francamente esilarante. Capiamo che, ormai, siano costretti alle analisi delle sconfitte, ma questa volta si sono oggettivamente superati". Così il coordinatore di Cambiamo Sarzana Giacomo Battistini che a una settimana dalle regionali analizza: "Ricordiamo al PD che, nonostante sembri dimenticarlo - senza alcuno spazio all'autocritica - su 4 eletti all'opposizione comunale di Sarzana, ancora soltanto 2 siedono tra le fila del PD e, tra questi, il loro candidato Sindaco, prima volato tra le braccia di Renzi come il suo subentrato, ora se ne è distaccato per creare una corrente propria vicina al Centrodestra (!), mentre la consigliera Beatrice Casini ha creato una sua lista autonoma dopo un fugace passaggio renziano. Insomma, è tale la forza attrattiva del PD sarzanese, che in due anni ha prodotto su 4 eletti 5 scissioni. Sulla paventata unità in consiglio comunale, a fronte di 6 consiglieri ora la sinistra registra 5 gruppi diversi: un risultato tristemente storico per Sarzana, che si commenta da solo.
Proprio il PD sarzanese, che pare aver ormai eletto la consigliera Mazzanti a sua paladina e novella Berlinguer, se analizzasse questi passaggi con coerenza e senza la faziosità che normalmente anima le sue disamine, scoprirebbe che a uscire disintegrato è proprio lo stesso PD!".

"Di più - prosegue - al riguardo di disamine capziose: sentir gioire il PD perché è "il primo partito in città" provoca un altro sorriso, quando lo era anche alle regionali del 2015 ma con il 36% di consensi, come alle amministrative 2018 con il 32% ed anche oggi, ma con il 26% e con gli ex scissionisti di Articolo 1 in pancia... insomma, le analisi lasciano spazio ai numeri: la caduta del PD è continua e inesorabile senza lasciar spazio a grossolane interpretazioni. Al contempo, il centrodestra a Sarzana ha vinto alle regionali per la prima volta nella sua storia, non era successo neppure con la vittoria di Biasotti o dello stesso Toti cinque anni fa, passando dal 30,24% del 2015, al 33% delle amministrative del 2018 fino a sfiorare il 50% di oggi! Per cercare di battere Toti in Liguria il PD si è pure compattato a sinistra e con i Cinque Stelle, ma è stato lo stesso sconfitto anche a Sarzana perdendo in cinque anni quasi duemila voti dei cittadini sarzanesi! Siamo felici che il PD sia soddisfatto di questo tracollo che riflette i risultati delle diverse amministrazioni in campo e lo lasciamo tristemente alle sue analisi della sconfitta, permettendoci soltanto un suggerimento nella lettura: guardino bene ai numeri ed al declino inesorabile del loro partito e del centrosinistra in città, potranno farsi qualche domanda e darsi qualche risposta".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News