Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Agosto - ore 15.53

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Baudone dopo le politiche: "Segreteria provinciale si dimetta"

Baudone dopo le politiche: "Segreteria provinciale si dimetta"

Sarzana - Val di Magra - “Un risultato disastroso che è l’epilogo della politica o meglio della “non politica” del partito democratico provinciale, che dopo aver perso diverse amministrazioni comunali tra cui il Comune di Spezia, non ha mai avviato una vera discussione, un’autocritica per capire le cause di questa situazione e trovarne le cure”. Inizia così la riflessione dell'assessore sarzanese Massimo Baudone sull'esito delle politiche che domenica hanno consegnato il paese al Movimento 5 Stelle.
“In questi ultimi anni ho potuto solo notare un piccolo gruppo di “dirigenti” arroccato su posizioni personali – prosegue parlando della situazione locale - mal disposto alla discussione e sempre convinto di avere ragione. Ma la vita reale cari amici e compagni è un’altra”.
“Questo voto, che indubbiamente è un risultato politico nazionale, ancor più doloroso e preoccupante, però è anche figlio, quanto meno sul piano provinciale di candidature decise non si sa dove, non si sa come, ma non sicuramente attraverso una discussione tra gli iscritti e con i territori. Il voto di domenica ci deve anche far riflettere in chiave sarzanese, perché non è un segnale "leggero" il voto espresso alla Lega Nord ed ai Cinque stelle. Tuttavia penso che le amministrative siano un'altra cosa ma sicuramente non possiamo fare finta di niente”.

“Come avevo già avuto modo di dire all’assemblea degli iscritti del Pd, poco prima dell’inizio della campagna elettorale, in cui tutto era già deciso, penso che un partito così non serva a nessuno e soprattutto non serve agli italiani e ce lo hanno dimostrato ampiamente nel voto di domenica. Quando abbiamo creato il Pd nel 2007, questo doveva essere il partito delle nuove generazioni ed invece i giovani e le nuove generazioni ci hanno snobbato alla grande, mi pare che questo sia evidente quanto grave ma, pare che a pochi importi ciò. Ora mi auguro che ognuno si prenda le proprie responsabilità e ci sia una vera presa di coscienza da parte di chi ha gestito il partito in questi anni. Mi aspetto le dimissioni della segretaria provinciale, così come farà Matteo Renzi, con grande senso di responsabilità e rispetto per gli iscritti e per chi ancora crede in noi. A Sarzana non si possono nemmeno chiedere le dimissioni, perché non c’è più neanche il segretario. Si vada nel giro di un mese ad un congresso straordinario provinciale, senza se e senza ma! È l’ora di die le cose con chiarezza, senza resa dei conti e nemmeno dei caminetti e dei tatticismi ma di mettere in campo tutte le migliori competenze, idee e progetti per provare a ridare una speranza al nostro partito prima che davvero sia troppo tardi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News