Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Febbraio - ore 21.42

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Palazzo civico ha la querela facile, ma anche questa volta è stata archiviazione"

Il Pd sarzanese
Palazzo Roderio

Sarzana - Val di Magra - “Dinanzi alle critiche delle opposizioni e di significativi settori dell'opinione pubblica per il dubbio ancoraggio ai principi della democrazia antifascista di alcuni esponenti di rilievo della maggioranza di destra che governa Sarzana, gli Amministratori cittadini hanno adottato il vezzo di sporgere querele azzardate”, afferma in una nota il Partito democratico di Sarzana, rammentando ad esempio da querelle che vide da un lato la prima cittadina, Cristina Ponzanelli, dall'altra un gruppo di colleghi avvocati, vicenda finita con una archiviazione. I Dem nella nota parlano altresì di una “soggezione della sindaca” rispetto alla parte più a destra della maggioranza, parlando di “due esempi illuminanti: la totale sordità rispetto alla sollecitazione del Pd ad organizzare per tempo - per il centenario dei fatti del 21uglio - un ciclo di iniziative di vario genere che celebri adeguatamente tale sentita ricorrenza cittadina. E poi la assoluta inerzia, in contrasto con la posizione anche di molti sindaci di centrodestra, rispetto alla richiesta di fornire supporto alla raccolta di firme in calce alla proposta di legge che aggrava le sanzioni per l'apologia del Fascismo”.

“La propensione alla querela facile ed avventata dei vertici istituzionali sarzanesi, si diceva – continuano dal Pd sarzanese -. Ebbene, oggi si apprende che la magistratura ha seccamente archiviato (si veda QUI, ndr) anche la querela per diffamazione proposta dal presidente della Commissione Territorio del Comune di Sarzana, Luca Spilamberti, nei confronti dell'ex assessore Dem Massimo Baudone, che era difeso dall'attuale capogruppo Pd, l'avvocato Daniele Castagna. Baudone era reo - secondo il presidente Spilamberti (all'epoca leghista, oggi totiano) - di averne censurato le posizioni sul (triste) destino da riservare - secondo quest'ultimo -  ai circoli Arci, e di averlo fatto con richiami figurati agli anni più bui del Novecento. Anche in questo caso, archiviazione secca”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News