Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 28 Febbraio - ore 15.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Necessaria audizione nuovo direttore generale ASL su sanità e futuro del San Bartolomeo”

italia viva chiede attenzione su sarzana
Cantiere al San Bartolomeo

Sarzana - Val di Magra - "Italia Viva ritiene necessario che quanto prima sia ascoltato in audizione in Consiglio Comunale o in alternativa in sede di commissione Servizi alla Persona il neo Direttore Generale della nostra Azienda Sanitaria Locale dott. Cavagnaro. A breve andrà in discussione nel consiglio comunale un ordine del giorno proprio in materia di sanità - dice il capogruppo Raschi - per questo ho ritenuto di inviare una formale richiesta al PdC Rampi affinché convochi proprio in quell’occasione il nuovo Direttore Generale che ha già dimostrato sensibilità e disponibilità sui temi di sua competenza partecipando ad una simile iniziativa nel Comune della Spezia”.

Prosegue il coordinatore cittadino Giovanni Destri: “L'emergenza Covid , il piano di vaccinazione, la questione dell’assunzione dei 158 OSS, e ancora la realizzazione del nuovo Felettino, nonché la ripresa dell’attività ospedaliera di programmazione, gli interventi di medicina territoriale, sono tutti i temi urgenti che accomunano tutta la azienda. Oltretutto in un momento dove si prefigura l’opportunità di avere a disposizione importanti risorse provenienti dall’UE da impiegare nella sanità per affrontare e risolvere tante annose questioni”.

“Per quanto riguarda Sarzana - concludono - auspichiamo un definitivo chiarimento sulla sorte del San Bartolomeo. Vorremmo una volte per tutte avere la certezza che ne sia definito il ruolo strategico e la vocazione di una struttura che noi riconosciamo indispensabile nell’ottica di integrazione della rete ospedaliera provinciale. C’è anche un’altra questione impellente: la struttura adiacente al nosocomio; ne va chiarita la destinazione - forse ospedale di prossimità, RSA, hospice e via dicendo - tutte finalità che in questi anni abbiamo sentito pronunciare tra un fallimento e l'altro delle varie imprese interessate. Nel frattempo però rivolgiamo a Lei, dott. Cavagnaro, un accorato appello affinché venga ripristinata una condizione di decoro e igiene di quell’area che è ormai uno scempio, abbandonata e abusata, utilizzata come dormitorio di fortuna e addirittura ogni giorno con le luci accese all’interno. Forse con l’arrivo della stagione più calda non svolgerà più una simile funzione “sociale” ma non si può andare avanti cosi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News