Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Settembre - ore 09.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Gestione delle acque, Coldiretti e Canale Lunense insieme per azioni concrete

L'intesa
Gestione delle acque, Coldiretti e Canale Lunense insieme per azioni concrete

Sarzana - Val di Magra - Dopo il rinnovo degli organi dello scorso luglio, questa mattina il Canale Lunense ha chiesto di aderire formalmente a Coldiretti; lo ha deliberato all’unanimità la nuova deputazione guidata dalla presidente Francesca Tonelli nella sua prima seduta tenutasi ieri sera. E’ quanto afferma Coldiretti La Spezia nel sottolineare che si tratta di un segnale importante di come la nuova governance del Consorzio intenda concentrare l’attenzione sull’agricoltura locale.

“Ancora una volta - commentano il presidente di Coldiretti La Spezia, Sara Baccelli, e il direttore provinciale, Francesco Goffredo - l’azione svolta da Coldiretti, sullo scenario politico locale e nazionale per la tutela del Made in Italy, a vantaggio non solo degli agricoltori ma dell’intero tessuto economico, potrà garantire ulteriori opportunità ad un consorzio di bonifica per perseguire le proprie finalità istituzionali. Siamo onorati di questa scelta che ci darà rinnovato impulso a operare sempre meglio”.

Il levante ligure possiede un suolo purtroppo notoriamente fragile – commenta l’Organizzazione agricola – dove le aree che in passato hanno subito un’intensa cementificazione sono state dichiarate a rischio idrogeologico. Gestire le acque presenti in maniera adeguata può senza dubbio migliorare la sicurezza del territorio nella prevenzione da allagamenti, alluvioni e frane, mentre un piano degli invasi può rappresentare una risposta alle ricorrenti siccità che penalizzano la produzione. Le imprese agricole sono in grado di offrire un grande contributo a questi temi, coniugando efficienza e sostenibilità ambientale su un territorio che tutelano quotidianamente e instancabilmente.

“Ora, insieme, dobbiamo accelerare il lavoro già avviato con Regione Liguria – concludono Baccelli e Goffredo – per modificare la legge regionale in materia di consorzi di bonifica affinché venga riconosciuta la loro nuova centralità: se nel 1882 ai consorzi fu affidato il ruolo di rendere coltivabili le aree paludose del Paese, oggi gli stessi consorzi hanno una valenza che va ben oltre gli interessi del mondo rurale e riguarda l’intera collettività”.

Il Canale Lunense, con un comprensorio di 35 chilometri quadrati, consorzia quasi 14 mila soggetti fra cui più di 5 mila agricoltori ed è attualmente l’unico consorzio di bonifica in Liguria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News