Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre - ore 20.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Efficientamento della rete irrigua esistente e acqua nella piana di Marinella"

Coldiretti
"Efficientamento della rete irrigua esistente e acqua nella piana di Marinella"

Sarzana - Val di Magra - In un’area vocata alla coltivazione orticola come quella della Val di Magra con aziende, per lo più microimprese, che producono sia in pieno campo sia in serra, le grandi eccellenze del territorio, e dove sta prendendo piede la produzione di piante aromatiche ed in particolar modo di Basilico Genovese DOP è assolutamente necessario garantire una risorsa idrica adeguata ai fabbisogni irrigui. Per la piena valorizzazione del tessuto imprenditoriale agricolo e per salvaguardare il territorio, è quindi necessario che il Consorzio del Canale Lunense lavori per garantire un sistema irriguo efficiente ma soprattutto capillare: non è possibile, infatti, che ancora oggi ci siano zone agricole senza acqua.
È quanto afferma Coldiretti La Spezia nell’osservare che il triste epilogo dell’ex Tenuta di Marinella ha rappresentato una ghiotta opportunità di ampliamento per un certo numero di imprese agricole che, non con pochi sacrifici, hanno investito anche in termini di ammodernamento aziendale ma, ad oggi, non hanno ancora la possibilità di utilizzare la risorsa idrica. Sosterremo – prosegue l’Organizzazione Agricola – ogni iniziativa che il Consorzio del Canale Lunense vorrà intraprendere, orientata a migliorare il servizio di irrigazione dell’area, con conseguente riduzione degli sprechi d’acqua, risorsa inestimabile per l’agricoltura, e a realizzare una distribuzione più capillare sul territorio, anche mediante la messa a punto di nuovi rami irrigui.
“Il levante ligure possiede un suolo purtroppo notoriamente fragile – affermano il Presidente di Coldiretti La Spezia Sara Baccelli e il Direttore Francesco Goffredo - perciò gestire le acque presenti in maniera adeguata può, senza dubbio, migliorare la sicurezza del territorio nella prevenzione da allagamenti, alluvioni e frane, mentre un piano degli invasi più capillare può rappresentare una risposta alle ricorrenti siccità che penalizzano le produzioni locali. Le imprese agricole della Val di Magra impegnate nella coltivazione orticola e di aromatiche, godono dell’opportunità di un servizio irriguo efficiente, che va garantito in continuità ma anche migliorato in capillarità. Ci sono imprese, infatti, operanti nella piana di Marinella che ad oggi non hanno ancora la possibilità di utilizzare la risorsa idrica, e ciò è senza dubbio limitante per loro, ma anche per l’indotto di tutto il territorio. Anche per questo riteniamo opportuno che venga progettata una soluzione che garantisca la possibilità di approvvigionamento d’acqua per le zone dove questo ancora non avviene, in modo da permettere di sviluppare appieno tutte le potenzialità della nostra agricoltura. Ringraziamo il Canale Lunense per il lavoro svolto e per il continuo miglioramento a cui punta, assieme a noi, per le nostre imprese. È sempre bene sottolineare infine che l’agricoltura, con le sue specificità e il suo stretto legame con il cibo, il turismo e la cultura, rappresenta un’opportunità di crescita trasversale per l’intero territorio spezzino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News