Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Agosto - ore 22.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Terra di conquista, teatro canzone a Nicola di Luni

Il 23 agosto
Terra di conquista, teatro canzone a Nicola di Luni

Sarzana - Val di Magra - Ultima serata per “Il canto degli elementi” alla sua prima edizione nella suggestiva piazza della Chiesa di Nicola di Luni. Le attrici Monica Faggiani e Valentina Ferrari, milanesi, ma legatissime a questa zona sono state ospitate in marzo all'interno della rassegna Teatrika con la loro Strana Coppia di Neil Simon, fra risate e tutto esaurito. Ritornano venerdì 23 agosto alle 21 con una proposta completamente diversa: una serie di recital, di cui questo è il terzo, in cui alternano poesia, brani letterari e canzoni. Per uno spettacolo emozionante di teatro e canzone hanno scelto di essere accompagnate da due musicisti liguri molto conosciuti e apprezzati: Livio Bernardini ed Egildo Simeone. Con loro, grazie a questi recital, di cui due sono già stati rappresentati, le attrici hanno potuto iniziare una collaborazione molto positiva e che aprirà la strada ad altre date in alcuni prestigiosi teatri e locali milanesi e lombardi. Nei precedenti appuntamenti gli spettatori sono stati condotti dalle parole e dalla musica dell'appartenenza, con autori come Guccini, Fossati, i Nomadi, Montale e Cesare Pavese, dal canto disperato dei migranti in terra di abbandono ed ora approdano alla Terra di conquista. Il viaggio, anche questa volta, promette grandi emozioni, affrontando il tema della guerra, come conquista di potere e di terra, appunto. La prima guerra mondiale si apre con il dramma della trincea nei celebri versi di Ungaretti e nei canti dei soldati e delle mondine, con le lettere dal fronte di soldati che morivano per “conquistare un palmo di terra” o “sepolti in un campo di grano” (De Andrè). Si passa poi all'ebbrezza della conquista e alle deliranti parole su cui germogliò il pensiero fascista, accompagnate da canzoni più recenti che raccontano di un “uomo nero” (Brunori Sas). Le voci alternano ancora la tragedia dei rastrellamenti, della ribellione, della prigione e delle fucilazioni con chi “parla no!” del famoso Ma Mi di Strehler e Carpi e chi aspetta contando i minuti all'alba (Jannacci). In città morte, come dice la struggente poesia di Quasimodo che finalmente, con la liberazione (di una terra conquistata e finalmente ripresa) riescono a rinascere in un giorno di Aprile (Guccini). Per quest'ultima data estiva, alla formazione solita, si affiancherà il pianista Carlo Zerri, anche lui milanese. Un appuntamento da non perdere per chi ama la poesia e la musica dal vivo e apprezza il teatro canzone.

Ingresso libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News