Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Settembre - ore 15.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Otto ore di diretta social per il 25 aprile di Archivi della Resistenza

Otto ore di diretta social per il 25 aprile di Archivi della Resistenza

Sarzana - Val di Magra - Quest'anno sarà un 25 aprile inedito ma non per questo meno importante. "Come Archivi della Resistenza abbiamo deciso di non rinunciare a vivere insieme la festa della Liberazione anche in un periodo storico così complicato e drammatico.
Il consueto appuntamento di Fosdinovo con il festival della Resistenza “Fino al cuore della rivolta”, giunto alla XVI edizione, si trasformerà in uno streaming che dalle 9 di mattina e per circa 8 ore si potrà seguire sulle pagine social di Archivi della Resistenza. Un palco virtuale su cui si alterneranno tante testimonianze, raccolte in 16 anni di lavoro (molte le video testimonianze provenienti da Archivi della Resistenza e dal Museo Audiovisivo della Resistenza), testimonianze dal fronte dell’emergenza sanitaria e tantissimi aritsti che in questi anni sono stati l’anima del festival. Saranno con noi Maurizio Maggiani, Bobo Rondelli, Paolo Pietrangeli, Ascanio Celestini, Dario Vergassola, Cisco, Yo Yo Mundi, Peppe Voltarelli, Daniele Sepe, Banda Osiris, Moni Ovadia, Marino Severini (Gang), Bandabardò, Mara Redeghieri, Ginevra Di Marco, Andrea Satta (Têtes de Bois), E Zezi, Paolo Capodacqua, Massimo Ferrante, Skiantos e Nevruz, Gualtiero Bertelli, Francesco “Fry” Moneti e Luca Lanzi (La casa del vento), Alessio Lega, Marco Rovelli, Davide Giromini, Sandra Boninelli, Bassapadana, De’ Soda Sisters, Pardo Fornaciari e il Coro Garibaldi d'Assalto, Elena Imperatore e tanti altri.?
Non mancheranno interventi di storici e studiosi come Cesare Bermani, Angelo d'Orsi, Paolo Pezzino, Filippo Colombara, Adriana Dadà, Matteo Dominioni, Davide Conti, Giovanni Contini, Paolo De Simonis, Stefano Arrighetti, Emanuele Buttitta, che anche in questa occasione ci forniranno le coordinate per orientarci tra le pieghe della storia e della memoria della Resistenza. Ci parleranno del significato del 25 aprile, dei riti e canti della resistenza".

"Ci saranno preziosi contributi di chi è in prima linea in questa emergenza sanitaria: dott. Carlos referente della Brigata di solidarietà medica cubana in servizio a Cremona, Emergency, e due amici del museo che sono guariti dal Covid19 Gino Piarulli, Nini Vassalle. E poi ancora interventi di Giorgio Mori (partigiano), Carlo Bertolani (partigiano), il fotografo Uliano Lucas, Massimo Dadà, gli operai e le operaie di RiMaflow fabbrica liberata, Arci Liguria, Arci Toscana, Arci Agogo, Andrea Ranieri, Stefano Arrighetti (Istituto Ernesto de Martino), NUDM Massa Carrara, ANPI Massa Carrara, SPI CGIL La Spezia, Unione degli Studenti.
Per promuovere la trasmissione (che andrà in onda dalle ore 9 e per tutto il giorno sui canali social di Archivi della Resistenza e su www.archividellaresistenza.it) l’associazione ha prodotto una versione collettiva di "Bella ciao", cantato e suonato da molti artisti amici del festival e del museo. Il video nasce da un'idea di Archivi della Resistenza, regia di Andrea Castagna, Rocco Marchi (direzione musicale, mix e arrangiamento), Francesca Baccolini Alessio Lega e Davide Giromini (arrangiamento) e Gian Luca Cavallini (mastering). Questo canto è un omaggio a quei meravigliosi ragazzi e quelle meravigliose ragazze che hanno saputo lottare e trovare una luce nell'oscurità. Siamo tutti in attesa di ritornare a vivere gli spazi pubblici e una libertà di cui, mai come in questa stagione storica, abbiamo imparato ad apprezzare l'inestimabile importanza.
Sono tantissimi i messaggi che dall'inizio della pandemia chiedono informazioni sulla giornata. Fino a qualche settimana fa vi era perfino la speranza, poi sfumata, che si potesse festeggiare la Liberazione come ogni anno al Fosso di Fosdinovo. Mentiremmo se dicessimo di essere sorpresi di tanto interesse: ogni anno la festa coinvolge decine di migliaia di persone in una giornata di storia, memoria, musica e socialità. È semmai la conferma - i revisionisti di ogni specie se ne facciano una ragione - di quanto il 25 aprile rappresenti ancora una data cardinale del calendario memoriale e la festa a Fosdinovo un evento imperdibile per chi l'ha vissuto, di cui si sarebbe sentita profondamente la mancanza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News