Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Agosto - ore 20.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La dinastia Fabbricotti al centro di una conferenza

Incontro a Luni con la conservatrice Donatella Alessi: gli scavi, le passioni, la fine di un'epoca.

La dinastia Fabbricotti al centro di una conferenza

Sarzana - Val di Magra - Il ruolo che ebbero Carlo e Carlo Andrea Fabbricotti in qualità di collezionisti di reperti archeologici provenienti da Luni Antica è al centro delle conferenze organizzate dall’associazione culturale "Amici di Luni" sabato 24 febbraio presso l’Oratorio della chiesa di Caffaggiola di Luni. L’intervento della dottoressa Donatella Alessi aiuterà ad approfondire la vita di Carlo Fabbricotti (1818-1910), industriale del marmo e uomo d’affari che indirizzò la sua attività imprenditoriale anche verso l’economia agraria tanto che diventò negli anni proprietario della piana di Marinella e di gran parte del comune di Ortonovo, di cui faceva parte anche l’Antica Luni. Amante delle anticaglie, dal 1879 al 1898 praticò numerosi scavi in varie zone di Luni in seguito ai quali, usando metodi che oggi appaiono discutibili, portò alla luce numerosi reperti archeologici che raccolse con cura e espose nella sua villa privata del Colombarotto a Carrara.

Dopo la sua morte, il figlio Carlo Andrea (1864-1935) continuò l’opera del padre anche nella raccolta dei reperti lunensi attraverso acquisti e donazioni, dal momento le leggi di tutela che regolavano gli scavi gli imposero di interrompere la ricerca sul campo. Negli ultimi anni della sua vita, in seguito al grave dissesto economico, Carlo Andrea fu costretto a pensare alla cessione della collezione di famiglia. Dopo alterne e complesse vicende nel 1938, a tre anni dalla sua scomparsa, gli eredi cedettero la collezione ad un consorzio capitanato dal Comune della Spezia che entrò così a far parte de Museo Civico spezzino. Dal 2000 la collezione, composta da oltre 900 oggetti provenienti dagli scavi lunensi si trova nella sede del Castello di San Giorgio, del quale la dottoressa Alessi è conservatrice. L’intervento dell’ Ing. Ezio Della Mea sarà focalizzato sulla partecipazione di Carlo Andrea al Corpo dei Volontari Motonautici nella Grande Guerra, alla sua missione in Russia, con lo scopo di far rimpatriare gli ex combattenti austroungarici di etnia italiana, e sul periodo trascorso in mare come Commissario di Bordo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News