Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Marzo - ore 09.11

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La Vaccari, il ceramista classe '25 e quella pastasciutta da nove lire

La storia della Ceramica richiama un grande pubblico a Ponzano.

Ricordi, emozioni e curiosità
La Vaccari, il ceramista classe '25 e quella pastasciutta da nove lire

Sarzana - Val di Magra - La storia della Ceramica Vaccari di Ponzano, il suo peso non solo industriale, ma umano, sociale, culturale, ha richiamato ieri all'ex opificio aziendale oltre duecento persone, accorse per seguire il convegno animato da Giancarlo Pietra, che alla fabbrica (la cui esperienza si chiude negli anni Settanta) ha dedicato un dettagliato ed emozionante libro edito dall'Accademia lunigianese di scienze G. Capellini della Spezia. Il geometra sarzanese, già dirigente della Vaccari, ha conversato con numerosi ospiti: don Paolo Cabano (responsabile cultura della Diocesi), Andrea Argenti (speleologo), Stefano Giangrandi (presidente Collegio geometri provinciale), Renato Marmori (architetto, Università di Brescia), Andrea Orazi (ingegnere), Mario Giannoni (Archivio Vaccari). L'incontro, promosso dal Comune di Santo Stefano di Magra, è stato introdotto dal sindaco Paola Sisti e da Giuseppe Benelli, presidente dell'Accademia Capellini. Nel pubblico i discendenti di Vaccari e Nando Moretti, ceramista classe 1925 che entrò in fabbrica nel 1939. L'evento è stato arricchito dagli interventi musicali al piano del maestro Dragan Babic.

“Questa non è solo una storia industriale, è una storia del cuore. Tutte le famiglie del territorio hanno un un racconto legato alla Vaccari, anche la mia”, ha esordito il primo cittadino, che ha poi ricordato i suoi familiari che hanno lavorato alla Ceramica, attorno alla quale nacque un vero e proprio villaggio operaio. “Una vicenda conosciuta in tutto il mondo – ha proseguito il sindaco Sisti -. L'amministrazione precedente ha avviato un progetto di recupero di questo luogo. Ora sta a noi continuare. Non è semplice, perché le risorse per gli enti locali sono sempre di meno, ma ci impegneremo, perché questo non è un luogo da disperdere. Una realtà importante anche per quella che è la storia del movimento operaio e sindacale, che qua trovò collaborazione da parte dell'impresa”.

“Quella della Vaccari è una storia di impresa lungimirante – ha aggiunto il professor Benelli – la cui fama ha avuto rilievo nazionale, europeo e anche oltre. Un centro industriale unico nato grazie alla capacità di lettura del territorio”. Il presidente dell'Accademia ha rimarcato la centralità della figura di Carlo Vaccari, diventato amministratore delegato nel 1915, e il saldo legame tra le produzioni della Ceramica e il Futurismo.

Alla fine dell'iniziativa, ai tanti presenti è stato offerto un buffet speciale a base di pastasciutta. Un piatto non qualunque, perché preparato secondo la ricetta seguita alla mensa aziendale nel luglio del 1945. In quell'estate – la prima senza guerra, dopo tanto – gli operai della Vaccari mangiarono una pasta con un sugo ortolano (patate, bietole, zucchine, cipolle, carote) insaporito dallo strutto. Un documento (foto) recuperato dal geometra Pietra illustra tutte le componenti del piatto con relativi costi, numeri che hanno suscitato interesse a livello universitario, preziosi elementi per leggere l'economia di settant'anni fa. Quanto costava allora quel piatto di pasta cucinato dal cuoco Paganini? Meno di nove lire a testa per ciascuno dei 221 operai.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La storia della Vaccari, ex opificio gremito Archivio CdS
Nando Moretti Archivio CdS


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News